Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal vangelo di Giovanni 5,31-47

Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe vera. C'è un altro che dà testimonianza di me, e so che la testimonianza che egli dà di me è vera. Voi avete inviato dei messaggeri a Giovanni ed egli ha dato testimonianza alla verità. Io non ricevo testimonianza da un uomo; ma vi dico queste cose perché siate salvati. Egli era la lampada che arde e risplende, e voi solo per un momento avete voluto rallegrarvi alla sua luce.
Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle stesse opere che io sto facendo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato. E anche il Padre, che mi ha mandato, ha dato testimonianza di me. Ma voi non avete mai ascoltato la sua voce né avete mai visto il suo volto, e la sua parola non rimane in voi; infatti non credete a colui che egli ha mandato. Voi scrutate le Scritture, pensando di avere in esse la vita eterna: sono proprio esse che danno testimonianza di me. Ma voi non volete venire a me per avere vita.
Io non ricevo gloria dagli uomini. Ma vi conosco: non avete in voi l'amore di Dio. Io sono venuto nel nome del Padre mio e voi non mi accogliete; se un altro venisse nel proprio nome, lo accogliereste. E come potete credere, voi che ricevete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene dall'unico Dio?
Non crediate che sarò io ad accusarvi davanti al Padre; vi è già chi vi accusa: Mosè, nel quale riponete la vostra speranza. Se infatti credeste a Mosè, credereste anche a me; perché egli ha scritto di me. Ma se non credete ai suoi scritti, come potrete credere alle mie parole?".


 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Il brano evangelico conclude il discorso di autodifesa di Gesù che abbiamo iniziato ad ascoltare ieri. Gesù si difende appellandosi direttamente alla testimonianza personale del Padre che sta nei cieli e che opera in lui. C'era già stata anche l'indicazione del Battista che ovviamente aveva la sua forza: egli, dice Gesù, «era la lampada che arde», anche se pochi sono restati nella sua luce. Ma aggiunge, per rafforzare in maniera ultimativa la sua difesa: «Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle stesse opere che io sto facendo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato». Il Vangelo e le opere che ne seguono rendono testimonianza che il regno di Dio è giunto in mezzo a noi. Eppure i farisei, nonostante abbiano visto queste opere e nonostante abbiano ascoltato la predicazione, non hanno voluto credere. Il loro cuore è indurito dall'orgoglio e la loro mente offuscata dall'egoismo. La fede, infatti, suppone l'umiltà, ossia la disponibilità ad ascoltare parole sulla propria vita e a ricevere l'amore. Questa disponibilità è il primo passo, se così si può dire, della fede perché contiene già la scintilla di Dio. Gesù infatti dice loro: «Non avete in voi l'amore di Dio». Gesù è venuto sulla terra per rivelare il volto di Dio in maniera chiara. «Chi ha visto me, ha visto il Padre» (Gv 14,9), risponderà a Filippo nell'ultima cena. E ai discepoli del Battista, che erano stati mandati per chiedere se fosse lui o no il Messia, rispose di riferire al profeta la sua predicazione e di raccontargli le sue opere. Gesù è l'esegeta di Dio, l'unico che è capace di spiegarcelo. E chiunque legge con disponibilità le Sante Scritture e con fedeltà e sincerità le ascolta giunge a conoscere il mistero dell'amore di Dio. Per questo Gesù esorta i suoi ascoltatori a non indurire il loro cuore come fecero gli ebrei ai tempi di Mosè, a non inorgoglirsi di se stessi. Al contrario bisogna lasciarsi toccare il cuore dalla Parola di Dio e dalle opere di amore che da essa sgorgano. Gesù, nonostante l'incredulità che prende i suoi ascoltatori, non è venuto per accusarli davanti al Padre, ma per aprire loro gli occhi e il cuore. È quel che avviene ogni volta che apriamo le Scritture: Gesù ci viene incontro per aprire gli occhi del cuore all'amore senza limiti del Padre.


30/03/2017
Preghiera per la Chiesa


Calendario della settimana
LUG
16
domenica 16 luglio
Liturgia della domenica
LUG
17
lunedì 17 luglio
Preghiera per la pace
LUG
18
martedì 18 luglio
Preghiera con Maria, madre del Signore
LUG
19
mercoledì 19 luglio
Preghiera con i Santi
LUG
20
giovedì 20 luglio
Preghiera per la Chiesa
LUG
21
venerdì 21 luglio
Preghiera della Santa Croce
LUG
22
sabato 22 luglio
Vigilia del giorno del Signore
LUG
23
domenica 23 luglio
Liturgia della domenica