Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Salmo 146 (145), 1-2.7-10

1 Alleluia.
Loda il Signore, anima mia:

2 loderò il Signore finché ho vita,
canterò inni al mio Dio finché esisto.

7 rende giustizia agli oppressi,
dà il pane agli affamati.
Il Signore libera i prigionieri,

8 il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto,
il Signore ama i giusti,

9 il Signore protegge i forestieri,
egli sostiene l'orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi.

10 Il Signore regna per sempre,
il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione.

Alleluia.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La liturgia pone oggi sulle nostre labbra il Salmo 146. Fa parte degli ultimi cinque che formano un'unica raccolta, chiamata "l'Hallel finale", scandita appunto dalla lode a Dio. Il credente è la prima tra tutte le creature che deve lodare il Signore. E farlo per tutta la sua vita: «Loderò il Signore finché ho vita, canterò inni al mio Dio finché esisto» (v. 2). Solo Dio infatti salva. Guai perciò a confidare in se stessi. Saremmo perduti per sempre. Guai a confidare nell'uomo, anche se potente. Purtroppo facilmente abbiamo fiducia solo in noi stessi, pensando di essere gli unici a capirci, oppure ai potenti pensando che possano essere la nostra salvezza. Ogni volta che lo abbiamo fatto, sempre abbiamo constatato l'amarezza dell'abbandono dei potenti e la tristezza del fallimento del nostro orgoglio. Il salmista ci ricorda che è beato chi si affida al Signore: «Beato chi ha per aiuto il Dio di Giacobbe» (v. 5). E poi elenca le opere di Dio che mostrano la forza del suo amore per l'uomo con la conseguente beatitudine che vive chi a lui si affida. Dio – inizia a cantare il salmista – rende giustizia agli oppressi, dà il pane agli affamati, libera i prigionieri, ridona la vista ai ciechi, rialza chi è caduto. E ancora: protegge gli stranieri, sostiene l'orfano e la vedova, sconvolge le vie degli empi. Ascoltando queste parole sentiamo risuonare quasi alla lettera quelle che Gesù proclamò nella sinagoga di Nazareth: «Lo Spirito del Signore è sopra di me... e mi ha mandato per annunciare ai poveri il lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore» (Lc 4,18-19). Gesù porta a compimento quell'amore che già nell'Antico Testamento il Signore ha rivelato: l'amore per tutti gli uomini, partendo dai più poveri e da chi confida in lui. Il salmista sottolinea che il Signore «ama i giusti» (v. 8) e si compiace di «chi lo teme». Gesù raccoglie questa eredità e la porta sino alle conseguenze più alte: egli stesso va in cerca dei peccatori e giunge ad amare anche chi gli è nemico. La storia dell'amore di Dio, iniziata con la stessa creazione, rivelata nella scelta del popolo di Israele, diviene luminosa nelle parole e nell'esempio di Gesù. È quel che ai cristiani di oggi viene chiesto di vivere e di testimoniare.


09/06/2017
Preghiera della Santa Croce


Calendario della settimana
LUG
16
domenica 16 luglio
Liturgia della domenica
LUG
17
lunedì 17 luglio
Preghiera per la pace
LUG
18
martedì 18 luglio
Preghiera con Maria, madre del Signore
LUG
19
mercoledì 19 luglio
Preghiera con i Santi
LUG
20
giovedì 20 luglio
Preghiera per la Chiesa
LUG
21
venerdì 21 luglio
Preghiera della Santa Croce
LUG
22
sabato 22 luglio
Vigilia del giorno del Signore
LUG
23
domenica 23 luglio
Liturgia della domenica