Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Salmo 116 (115), 1-9

1 Amo il Signore, perché ascolta
il grido della mia preghiera.

2 Verso di me ha teso l'orecchio
nel giorno in cui lo invocavo.

3 Mi stringevano funi di morte,
ero preso nei lacci degli inferi,
ero preso da tristezza e angoscia.

4 Allora ho invocato il nome del Signore:
"Ti prego, liberami, Signore".

5 Pietoso e giusto è il Signore,
il nostro Dio è misericordioso.

6 Il Signore protegge i piccoli:
ero misero ed egli mi ha salvato.

7 Ritorna, anima mia, al tuo riposo,
perché il Signore ti ha beneficato.

8 Sì, hai liberato la mia vita dalla morte,
i miei occhi dalle lacrime,
i miei piedi dalla caduta.

9 Io camminerò alla presenza del Signore
nella terra dei viventi.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Salmo 116 si apre con una professione di amore e di fiducia in Dio da parte del salmista. Probabilmente è una preghiera che il salmista fa nel tempio, davanti all'assemblea, per ringraziare il Signore per un grande dono ricevuto: «Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore. Adempirò i miei voti al Signore, davanti a tutto il suo popolo» (vv. 13-14). La pietà cristiana ha accolto queste parole nella propria tradizione riferendole all'Eucaristia, che è il culmine della preghiera cristiana, il momento nel quale la comunità celebra la Pasqua, il mistero della morte e risurrezione del Signore. Le espressioni usate dal salmista sono intense. Inizia dichiarando il suo amore per il Signore perché sempre lo ascolta: «Amo il Signore perché ha ascoltato la voce della mia supplica» (v. 1). È un amore forte e appassionato, come deve essere quello di ogni credente verso il suo Signore. Non c'è alternativa all'amore nei rapporti con Dio, anche perché è il Signore che per primo ha amato l'uomo e continua ad appassionarsi per lui. Il salmista racconta il suo passato, ma solo brevemente, per sottolineare invece l'attenzione appassionata di Dio per lui: lo ha sempre ascoltato ed esaudito. Mentre, infatti, era in pericolo di morte, oppure era nell'angoscia e nella tristezza, si è rivolto con fiducia al Signore: «Ti prego, Signore, salvami» (v. 4). E il Signore lo ha ascoltato. Anche nei momenti di disorientamento interiore, o anche in quelli di abbandono da parte di uomini che volevano trarlo in inganno, ha sempre avuto fiducia in Dio: «Ho creduto anche quando dicevo: "Sono troppo infelice!" Ho detto con sgomento: "Ogni uomo è inganno"» (vv. 10-11). Le situazioni descritte dal salmista non sono rare, si ripetono frequentemente nella vita degli uomini, anche nella nostra. Proprio per questo egli esorta il credente a non cessare mai di elevare la sua preghiera al Signore, il quale non si stanca di ascoltare chi si rivolge a lui e non tarda a intervenire. Il salmista lo sottolinea con una constatazione che ricorda una verità che traversa l'intera Scrittura: «Il Signore protegge i piccoli: ero misero ed egli mi ha salvato» (v. 6). Il Signore che protegge «i piccoli», ascolta il loro grido e interviene sempre in loro aiuto. Tutte le pagine della Bibbia ci esortano a porre la nostra fiducia nel Signore. Solo Dio basta al credente. Per questo il salmista esorta la sua anima a stare tranquilla: «Ritorna anima mia al tuo riposo, perché il Signore ti ha beneficato» (v. 7). I nemici possono avvicinarsi e cercare di far cadere il giusto e far prevalere il male, ma il Signore non permette che prevarichi su chi si affida a lui. È l'esperienza del credente, di ieri e di oggi. È anche la nostra esperienza quando ci affidiamo al Signore. Possiamo allora cantare: «Sì, hai liberato la mia vita dalla morte, i miei occhi dalle lacrime, i miei piedi dalla caduta» (v. 8). Con questa fiducia il salmista conclude: «Io camminerò alla presenza del Signore nella terra dei viventi» (v. 9).


06/07/2017
Preghiera per la Chiesa


Calendario della settimana
LUG
23
domenica 23 luglio
Liturgia della domenica
LUG
24
lunedì 24 luglio
Preghiera per i poveri
LUG
25
martedì 25 luglio
Preghiera degli Apostoli
LUG
26
mercoledì 26 luglio
Preghiera con i Santi
LUG
27
giovedì 27 luglio
Preghiera per la Chiesa
LUG
28
venerdì 28 luglio
Preghiera della Santa Croce
LUG
29
sabato 29 luglio
Vigilia del giorno del Signore
LUG
30
domenica 30 luglio
Liturgia della domenica