Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del profeta Daniele 3,52-56

"Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri,
degno di lode e di gloria nei secoli.
Benedetto il tuo nome glorioso e santo,
degno di lode e di gloria nei secoli.
Benedetto sei tu nel tuo tempio santo, glorioso,
degno di lode e di gloria nei secoli.
Benedetto sei tu sul trono del tuo regno,
degno di lode e di gloria nei secoli.
Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi e siedi sui cherubini,
degno di lode e di gloria nei secoli.
Benedetto sei tu nel firmamento del cielo,
degno di lode e di gloria nei secoli.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Siamo di fronte a una parte del lungo cantico dei tre giovani gettati in una fornace ardente dal re Nabucodonosor a causa della loro fedeltà al Signore. I tre giovani dinanzi alla punizione a cui sono condannati alzano la loro voce a Dio riconoscendone la forza liberatrice. In questa prima parte si proclama «benedetto» il Signore, mentre nel proseguimento del cantico si invita tutto il mondo, tutte le opere di Dio, a unirsi alla benedizione che viene da Dio dicendo «Benedite...» Per la Bibbia e la tradizione ebraica è innanzitutto il Signore "il benedetto", cioè colui che è all'origine della benedizione che egli estende a tutte le creature senza distinzione. Egli è il benedetto, la sorgente della benedizione che è vita per tutti coloro che rimangono uniti a lui. Potremmo utilizzare la parabola della vite e dei tralci per indicare il senso della benedizione che proviene da Dio: come chi rimane unito alla vite, al Signore Gesù, rimane nella vita, riceve da lui stesso la forza vitale, così è di colui che rimane unito strettamente al Signore "il benedetto", e da lui riceve la benedizione. Il cantico inizia proclamando benedetto il «Signore, Dio dei nostri padri», cioè colui che ha reso possibile la storia di fede del popolo di Israele attraverso i "padri". Poi è benedetto il «suo nome glorioso e santo», lui nel «suo tempio santo e glorioso», «sul trono del suo regno». Si celebra la grandezza di questo nome benedetto che si manifesta nel tempio e nella sua regalità, che compie la giustizia e a cui tutti, soprattutto i poveri, si possono rivolgere. «Re di pace e di giustizia», lo chiama il profeta Isaia (9,5-6). Tuttavia egli non è lontano dal mondo, non è disinteressato dall'alto della sua onnipotenza. Il suo sguardo «penetra gli abissi» ed è benedetto nel «firmamento del cielo». Cielo e abisso stanno a indicare le due parti opposte del cosmo. Quindi la benedizione di Dio vuole raggiungere tutti, come i tre fanciulli canteranno nel resto del canto, che è un inno alla creazione e alla storia di salvezza del suo popolo. Uniamoci anche noi nel proclamare «benedetto» il nostro Dio, che in Gesù ci ha manifestato la sua gloria e ci ha reso partecipi della sua vita senza fine. Nessuno sia escluso dalla benedizione di Dio, nessuno sia escluso dal benedirlo perché possa trovare in lui vita e salvezza.


27/07/2017
Preghiera per la Chiesa


Calendario della settimana
OTT
15
domenica 15 ottobre
Liturgia della domenica
OTT
16
lunedì 16 ottobre
Preghiera per la pace
OTT
17
martedì 17 ottobre
Preghiera con Maria, madre del Signore
OTT
18
mercoledì 18 ottobre
Preghiera degli Apostoli
OTT
19
giovedì 19 ottobre
Preghiera per la Chiesa
OTT
20
venerdì 20 ottobre
Preghiera della Santa Croce
OTT
21
sabato 21 ottobre
Vigilia del giorno del Signore
OTT
22
domenica 22 ottobre
Liturgia della domenica