change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Salmo 81 (80), 3-6.10-11

3 Intonate il canto e suonate il tamburello,
la cetra melodiosa con l'arpa.

4 Suonate il corno nel novilunio,
nel plenilunio, nostro giorno di festa.

5 Questo è un decreto per Israele,
un giudizio del Dio di Giacobbe,

6 una testimonianza data a Giuseppe,
quando usciva dal paese d'Egitto.
Un linguaggio mai inteso io sento:

10 Non ci sia in mezzo a te un dio estraneo
e non prostrarti a un dio straniero.

11 Sono io il Signore, tuo Dio,
che ti ha fatto salire dal paese d'Egitto:
apri la tua bocca, la voglio riempire.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Salmo, cantato nella festa liturgica di commemorazione del cammino di Israele nel deserto, si apre con una esortazione alla gioia: «Intonate il canto e suonate il tamburello, la cetra melodiosa con l'arpa. Suonate il corno nel novilunio, nel plenilunio, nostro giorno di festa» (vv. 3-4). Ma immediatamente, proseguendo la lettura del Salmo, appare un predicatore che rivolge al popolo radunato in assemblea un grave avvertimento: «Ascolta, popolo mio: contro di te voglio testimoniare. Israele, se tu mi ascoltassi! Non ci sia in mezzo a te un dio estraneo e non prostrarti a un dio estraneo. Sono io, il Signore tuo Dio, che ti ha fatto salire dal paese d'Egitto» (vv. 9-11). Non è a caso che l'ammonimento si apra con l'imperativo: «Ascolta». Ascoltare è il primo atteggiamento da assumere davanti al Signore. Il credente, infatti, è colui che ascolta la Parola di Dio, e non se stesso o la mentalità corrente. «La fede viene dall'ascolto», afferma l'apostolo Paolo (Rm 10,17). Si è troppo convinti di ascoltare, mentre non ci si interroga abbastanza su questo fondamento del nostro rapporto con Dio. Purtroppo, accade spesso quel che il Salmo ricorda: «Ma il mio popolo non ha ascoltato la mia voce, Israele non mi ha obbedito» (v. 12). Sappiamo bene per esperienza personale quanto sia facile non ascoltare la Parola di Dio e seguire se stessi. La radice di tanti peccati sta proprio nella caparbietà e nell'orgoglio con cui noi ascoltiamo noi stessi invece di ascoltare il Signore che ci parla con tanto amore e pazienza. Il Salmo ci chiede di compiere una scelta: chi vogliamo ascoltare? Il Signore o gli idoli, che spesso coincidono con noi stessi? E Dio, che rispetta la nostra libertà, non può che continuare a parlarci perché noi ci lasciamo condurre da lui. Il salmista ricorda a Israele chi è questo Dio da ascoltare: è colui che lo ha fatto salire dall'Egitto. Cioè il suo unico liberatore e salvatore. Ricordando la nostra storia di liberazione, sapremo ogni giorno rinnovare il nostro ascolto e tornare a cantare la lode del Signore con gioia assieme alla comunità dei fratelli.


04/08/2017
Preghiera della Santa Croce


Calendario della settimana
GEN
21
domenica 21 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
22
lunedì 22 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
23
martedì 23 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
24
mercoledì 24 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
25
giovedì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
venerdì 26 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
27
sabato 27 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
28
domenica 28 gennaio
Liturgia della domenica