change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro degli Atti 17,15-21

Quelli che accompagnavano Paolo lo condussero fino ad Atene e ripartirono con l'ordine, per Sila e Timòteo, di raggiungerlo al più presto.
Paolo, mentre li attendeva ad Atene, fremeva dentro di sé al vedere la città piena di idoli. Frattanto, nella sinagoga, discuteva con i Giudei e con i pagani credenti in Dio e ogni giorno, sulla piazza principale, con quelli che incontrava. Anche certi filosofi epicurei e stoici discutevano con lui, e alcuni dicevano: "Che cosa mai vorrà dire questo ciarlatano?". E altri: "Sembra essere uno che annuncia divinità straniere", poiché annunciava Gesù e la risurrezione. Lo presero allora con sé, lo condussero all'Areòpago e dissero: "Possiamo sapere qual è questa nuova dottrina che tu annunci? Cose strane, infatti, tu ci metti negli orecchi; desideriamo perciò sapere di che cosa si tratta". Tutti gli Ateniesi, infatti, e gli stranieri là residenti non avevano passatempo più gradito che parlare o ascoltare le ultime novità.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La persecuzione, per un singolare disegno di Dio, spingeva i discepoli a recarsi verso altri luoghi per comunicare anche lì la buona novella del regno. Il Signore trasformava in vantaggio per il Vangelo la durezza degli uomini che si opponevano a lui. Paolo giunse quindi ad Atene come un fuggitivo. Sebbene la città non fosse più così prospera come ai tempi di Platone, era tuttavia ancora una grande capitale. Nella narrazione di Luca, dopo Gerusalemme e prima di Roma, Paolo doveva predicare il Vangelo nella capitale della cultura di quel tempo. Arrivato in città Paolo non iniziò immediatamente il confronto con gli Ateniesi. Preferì mescolarsi al traffico dell'agorà e del mercato per capire quale fosse la sensibilità degli Ateniesi. La sfida era delicatissima, e Paolo lo sapeva. Voleva perciò comprendere dal di dentro, potremmo dire, la cultura, i costumi, la sensibilità, la vita degli Ateniesi. Il grande interrogativo che Paolo aveva nella mente era chiaro: Gerusalemme avrebbe conquistato Atene? Il Vangelo avrebbe toccato il cuore dell'Areopago? È la stessa domanda che oggi continuiamo a porci anche noi di fronte ai tanti areopaghi di questo mondo, di fronte alle tante culture che abitano il pianeta e che traversano i cuori e le menti degli uomini. L'audacia di Paolo, che con coraggio si presenta davanti ai sapienti di Atene, ci mostra che nessun areopago è estraneo alla predicazione, nessuna cultura è estranea al Vangelo. Anzi, gli areopaghi di oggi attendono discepoli che sappiano annunciare con sapienza e forza la salvezza che viene da Gesù. È la grande sfida che tutti i cristiani hanno davanti a loro e che non possono eludere perché solo il Vangelo può rendere più umano il mondo nel quale viviamo.


20/10/2017
Preghiera della Santa Croce


Calendario della settimana
GEN
21
domenica 21 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
22
lunedì 22 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
23
martedì 23 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
24
mercoledì 24 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
25
giovedì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
venerdì 26 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
27
sabato 27 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
28
domenica 28 gennaio
Liturgia della domenica