change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Nella basilica di Santa Maria in Trastevere si prega per la pace.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro degli Atti 25,1-12

Festo dunque, raggiunta la provincia, tre giorni dopo salì da Cesarèa a Gerusalemme. I capi dei sacerdoti e i notabili dei Giudei si presentarono a lui per accusare Paolo, e lo pregavano, chiedendolo come un favore, in odio a Paolo, che lo facesse venire a Gerusalemme; e intanto preparavano un agguato per ucciderlo lungo il percorso. Festo rispose che Paolo stava sotto custodia a Cesarèa e che egli stesso sarebbe partito di lì a poco. "Quelli dunque tra voi - disse - che hanno autorità, scendano con me e, se vi è qualche colpa in quell'uomo, lo accusino".
Dopo essersi trattenuto fra loro non più di otto o dieci giorni, scese a Cesarèa e il giorno seguente, sedendo in tribunale, ordinò che gli si conducesse Paolo. Appena egli giunse, lo attorniarono i Giudei scesi da Gerusalemme, portando molte gravi accuse, senza però riuscire a provarle. Paolo disse a propria difesa: "Non ho commesso colpa alcuna, né contro la Legge dei Giudei né contro il tempio né contro Cesare". Ma Festo, volendo fare un favore ai Giudei, si rivolse a Paolo e disse: "Vuoi salire a Gerusalemme per essere giudicato là di queste cose, davanti a me?". Paolo rispose: "Mi trovo davanti al tribunale di Cesare: qui mi si deve giudicare. Ai Giudei non ho fatto alcun torto, come anche tu sai perfettamente. Se dunque sono in colpa e ho commesso qualche cosa che meriti la morte, non rifiuto di morire; ma se nelle accuse di costoro non c'è nulla di vero, nessuno ha il potere di consegnarmi a loro. Io mi appello a Cesare". Allora Festo, dopo aver discusso con il consiglio, rispose: "Ti sei appellato a Cesare, a Cesare andrai".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Tre degli ultimi cinque capitoli degli Atti degli Apostoli sono dedicati al processo giudiziario di Paolo. È vero che ci vollero ben due anni di attesa per celebrarlo. Cambiò anche il governatore: a Felice subentrò Festo, un ottimo funzionario, il quale ben presto si rese conto della situazione di Paolo. Così quando i capi del popolo gli chiesero di aggiornare il processo, egli acconsentì subito, ma, subodorando aria di congiura nei confronti dell'imputato, non volle concedere il «favore» di riportare il processo a Gerusalemme: Paolo era prigioniero a Cesarea e lì doveva celebrarsi il processo. Il dibattito non portò alcun elemento nuovo, nonostante l'accanimento dell'accusa. Festo, rendendosi conto che la questione più che giuridica era religiosa, e volendo ingraziarsi i capi del popolo, chiese a Paolo se desiderava salire a Gerusalemme davanti all'istituzione religiosa. A questo punto Paolo, vedendo che il procuratore inclinava verso i suoi avversari, fece il famoso appello a Cesare. E Festo, dopo aver consultato il suo consiglio, lo accettò: «Ti sei appellato a Cesare, a Cesare andrai». Il governatore, ovviamente, non se ne rendeva conto, ma con questa sua decisione "obbediva" al disegno di Dio: aprire all'apostolo la strada di Roma, il cuore dell'impero ove Paolo doveva dare la sua testimonianza martiriale.


20/11/2017
Preghiera per la pace


Calendario della settimana
GEN
21
domenica 21 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
22
lunedì 22 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
23
martedì 23 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
24
mercoledì 24 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
25
giovedì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
venerdì 26 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
27
sabato 27 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
28
domenica 28 gennaio
Liturgia della domenica