Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più anziani - il segre...alleanza - le comun... anziani contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Le Comunità degli anziani


 
versione stampabile

Le comunità degli anziani

Roma - 1975

L'anziano non è  un problema sociale. L'anziano è un uomo, è una donna, è un cristiano, è un cittadino come il giovane e come l'adulto.

La prima caratteristica dell'amicizia della Comunità con gli anziani è  prendere sul serio la loro vita in tutte le dimensioni, compresa quella religiosa.

Per questo, in tutte le città dove la Comunità vive un'amicizia con gli anziani, sono sorte comunità che pregano, celebrano la liturgia, comunicano il Vangelo ad altri, vivono una vita fraterna scandita da riunioni e da incontri personali e svolgono anche un servizio di solidarietà con i più poveri. Esse seguono l'esempio di Simeone e Anna, che nel tempio pregano perché i loro occhi possano vedere la salvezza e le loro braccia sostenere la nuova vita che nasce nel mondo con Gesù (Lc 2, 25 - 38).

Le liturgie domenicali e gli incontri di preghiera sono momenti gioiosi di rendimento di grazie per tanti anziani che sono risorti a un nuovo senso dell'esistenza,  accogliendo una lunga vita come un dono di Dio e non come una maledizione. Le celebrazioni liturgiche sono un'occasione di catechesi permanente per annunciare la Parola di Dio rispondendo ai dubbi e alle domande che gli anziani vivono. Il Vangelo deve essere comunicato anche ai più anziani.  Anche l'anziano infatti è chiamato alla conversione e alla speranza nel futuro.  

Comunicare il Vangelo

Genova Comunicare il Vangelo vuol dire ravvivare il senso della presenza di Gesù, attraverso l'ascolto della sua parola, la preghiera, la liturgia. 

Talvolta nella sofferenza gli anziani dicono: "Dov'è il Signore? Mi ha abbandonato?". Si tratta di vivere insieme a loro questa domanda, aiutandoli a ritrovare la certezza che non è Dio l'autore della morte e della sofferenza, ma che è Signore della vita. L'anziano può comprendere sempre più che Dio non è impassibile di fronte al dolore dell'uomo, alla sua personale fatica di vivere. Nelle ore dolorose della malattia, della riduzione delle energie, gli anziani possono riscoprire come evento consolatore e liberatore il Vangelo della resurrezione di Gesù.

Tale annuncio passa attraverso una presenza amichevole, fraterna, consolatrice che deve essere innanzitutto espressa dalla comunità ecclesiale. E' la buona notizia che innanzi al buio non si è soli, che nessuno è abbandonato nell'ora dell'estrema debolezza, fin sulla soglia della morte.

La lotta contro il dolore - per quello che è possibile - fa parte di questa vicinanza fraterna: non ci si deve rassegnare mai davanti alla sofferenza, magari giustificandola religiosamente. Non rassegnarsi alla morte ed al dolore, nella luce della resurrezione di Cristo, non vuol dire espungere la morte dalla vita degli uomini: piuttosto è guardarla in faccia, alla luce della speranza cristiana.

Presentazione al Tempio - Scuola di Mosca - 1500 
Al capitolo 25 della Genesi si legge a proposito di Abramo: "la durata della vita di Abramo fu di 175 anni. Poi Abramo spirò e morì in felici canizie, sazio di giorni e si riunì ai suoi antenati" (Gen 25,7). Anche Isacco, suo figlio, morì "vecchio e sazio di giorni" (Gen 35,29). Nei Vangeli Anna e Simeone rappresentano quegli anziani che sono sazi di giorni perchè hanno incontrato colui che attendevano: "perchè i miei occhi hanno visto la tua salvezza" (Lc 2,30). Queste testimonianze hanno un particolare significato per il credente: c'è un senso di pienezza che spira da queste vite e anche da queste morti. Si può evangelizzare anche la morte: c'è da comunicare agli anziani, ma forse a tutti, che Gesù ci accoglie tra le sue braccia con un amore senza fine.

Gli anziani nella Comunità sono accompagnati a mantenere ed approfondire la dimensione religiosa personale, ad accedere ai Sacramenti e alle pratiche religiose anche se non autosufficienti. Particolarmente significativa è a questo proposito l'amministrazione del Sacramento dell'Unzione degli infermi comunitaria. Un' attenzione privilegiata è rivolta ai malati e ai morenti, affinché ricevano il conforto spirituale e siano accompagnati in questa difficile fase della vita nel rispetto della fede e della volontà di ciascuno. Per ogni anziano che lo richieda ed in particolare per quelli che non hanno famiglia ci si preoccupa del funerale e delle esequie. Spesso infatti sono anche venuti meno, specie nelle città, i momenti rituali del cordoglio e del lutto, i funerali stessi. Questo è motivo di grande turbamento e di preoccupazione per tanti anziani che spesso non trovano a chi affidare le loro ultime volontà. D'altra parte il funerale è un'altra espressione di amore, dell'amore che supera anche la morte ed è consolazione per chi vive il dolore del distacco.

Gli anziani nella Comunità

Roma

Accolti nella Comunità, stimati e onorati, gli anziani si sentono nuovamente persone come tutti: vivono con intensità la propria fede, ritrovano il valore del tempo che hanno a disposizione, respingono i sensi di inutilità, comprendono meglio il mondo contemporaneo, vivono la loro missione nella Chiesa e aiutano gli altri. Gli anziani possono essere per tutti una testimonianza eloquente che non si è mai troppo poveri, troppo deboli, troppo vecchi, per aiutare gli altri, per vivere la solidarietà . Questo è il segreto che gli anziani della Comunità hanno scoperto, anche quelli che stanno peggio, anche quelli che si posssono muovere di meno: sempre in ogni momento della vita si può fare qualcosa per gli altri: anche una telefonata, una visita, un sorriso.

È la spiritualità di quella continua rinascita che Gesù stesso indica all'anziano Nicodemo, invitandolo a non credersi arrivato e a rinnovarsi nello Spirito. Gli anziani nella Comunità danno carne alla promessa della parola di Dio: "Nella vecchiaia daranno ancora frutti" (Ps 92,15). Anche quando l'anziano fa l'esperienza dell'estrema debolezza, può essere testimone convincente della pienezza che questa stagione della vita riserva, se fondata sulla "roccia" che è Cristo (Mt 7,24). Tutto il Vangelo dice che la vita non finisce. La Pasqua lo grida forte: "Cristo è risorto dai morti". Ma se Cristo è risorto dai morti, la vita di nessuno è finita.  Davanti a tanti giovani che hanno paura di crescere o a tanti adulti che vogliono tornare bambini, gli anziani possono testimoniare la fiducia nel futuro, possono aiutare gli altri a non temere gli appuntamenti più difficili della vita. Questa è la profezia vissuta dagli anziani: testimoniare alle generazioni più giovani l'amore di Dio, l'amore del Padre che non abbandona mai, che predilige il più debole.

Roma - Casa alloggio di via Sacchi 

Gli anziani più deboli sono come le membra più fragili del corpo della Chiesa. Ma nelle Scritture sono le parti più deboli o meno nobili che vanno circondate di maggior onore e cura (I Cor 12,12 - 27). Il corpo fragile di un anziano non autosufficiente è come il corpo crocifisso di Gesù. Stare vicini a questi anziani è stare sotto la croce. La potenza di Dio si rivela spesso in questa fase più senile segnata dai limiti del corpo e dalla difficoltà: Dio infatti ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i forti (I Cor 1, 27).

Gli anziani, accompagnati dall'affetto della Comunità, sebbene dipendenti in tutto e in una condizione difficile dal punto di vista fisico, testimoniano come, anche questo sia un tempo pieno della loro vita. Una realtà di vita li invade nel profondo: è la "forza debole" di cui parla l'apostolo Paolo: "quando sono debole è allora che sono forte" (2Cor 12,10).  Un esempio di questa verità ci viene da Giovanni Paolo II, anche in ciò grande testimone per l'uomo di oggi. Egli vive la propria vecchiaia nella fede, con estrema naturalezza. Nella sua recente lettera rivolta agli anziani dice: "Nonostante le limitazioni conservo il gusto della vita: è bello potersi spendere fino alla fine". La fragilità fisica non ha scalfito la passione con cui si dedica alla sua missione di successore di Pietro.

Oggi sono decine di migliaia gli anziani che in ogni parte del mondo fanno parte della  vasta e singolare famiglia di Sant'Egidio: reinseriti in un contesto comunitario riprendono a sperare e sono una forza, un'energia per tutto il corpo della Comunità e dell'intera Chiesa. Essi non dimenticano davanti al Signore quelli che vivono una vita attiva, pericolosa, difficile, piena di fatica. Gli anziani con la loro preghiera proteggono e rafforzano tutto il corpo della Comunità e della Chiesa. Potremmo dire che la parte degli anziani è la parte di Maria, quella che Gesù a Marta indicò come "la migliore" (Lc 10,38 -42). 

La preghiera

Le Comunità degli anziani ogni mese diffondono "La preghiera del mese", un sussidio per sostenere la preghiera individuale e per presentare intenzioni per tante situazioni di bisogno in ogni parte del mondo.

È da segnalare anche l'elaborazione di strumenti per sostenere la preghiera degli anziani e per nutrire la loro spiritualità come, ad esempio, il libro di preghiere "Insegnaci a pregare ".

La Comunità di Sant'Egidio ha inoltre attivato all'interno di questo sito una sezione dedicata alla  preghiera per tutti coloro che vogliono pregare con la Comunità in ogni parte del mondo e anche per coloro le cui condizioni fisiche non permettono una partecipazione diretta.

I più Anziani


 LEGGI ANCHE
• NEWS
10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione

9 Dicembre 2016
OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia

7 Dicembre 2016
LONDRA, REGNO UNITO

A Londra c'è una tavola apparecchiata per i poveri, si chiama ''Our Cup of Tea''. Il video della BBC

IT | EN | ES | DE | FR | PT | HU
3 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''

IT | DE | HU
18 Novembre 2016
MANAGUA, NICARAGUA

A Managua anziani e giovani attraversano insieme la Porta Santa

IT | ES | DE | CA
16 Novembre 2016
BEIRA, MOZAMBICO

Il Giubileo della Misericordia nella periferia africana: la preghiera di Sant'Egidio con gli anziani di Nhangau

IT | ES | DE | PT
tutte le news
• STAMPA
5 Dicembre 2016
Corriere della Sera

La chiave sotto una campana di vetro. Misteriose opere di artisti disabili

6 Novembre 2016
Würzburger katholisches Sonntagsblatt

Von Gott berührt

31 Ottobre 2016
La Nazione

Giubileo degli anziani e festa di Sant'Abramo in Santissima Annunziata a Firenze

17 Ottobre 2016
Il Mattino di Padova

Quella "cultura dello scarto" simbolo della nostra crisi

14 Ottobre 2016
Il Mattino di Padova

Sant'Egidio. Giubileo degli anziani al Santo

3 Settembre 2016
La Repubblica - Ed. Genova

In campo anche i liceali volontari a Sant'Egidio

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
17 Novembre 2016 | ROMA, ITALIA

Caregiver: consegna dei diplomi del corso promosso da ASL Roma1 e Sant'Egidio

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

Programma della Campagna della Cortesia verso gli anziani "Vive les Ainés"

Programma "W gli anziani": attività con gli anziani a Roma nel luglio e agosto 2013

Scheda sintetica del programma "W gli anziani"

Giovani e anziani per un estate di solidarietà 2013

tutti i documenti
• LIBRI

La fuerza de los años





Ediciones Sígueme
tutti i libri

FOTO

492 visite

519 visite

583 visite

530 visite

551 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri