Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - le scuole della pace - le scuol...el mondo - le scuol...n europa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Le scuole della pace in Europa


 
versione stampabile

In Europa: la risposta alle "baby gang"

In Europa le scuole della pace si rivolgono spesso a minori in difficoltà che vivono nelle grandi periferie urbane. Si tratta anche di ragazzi molte volte "attratti" dalla violenza e dalle aggregazioni devianti, con problemi familiari, di deprivazione affettiva ed economica, di figli di immigrati con difficoltà di integrazione.

Da Roma ad Anversa, a Barcellona, a Parigi, a Wurzburg, le scuole della pace aiutano a crescere generazioni di ragazzi, prevenendo la loro esclusione dal circuito scolastico e favorendo il loro pieno inserimento nella società.

Le scuole della pace si presentano come una risposta per quel disagio giovanile che sempre più, nelle società occidentali e ad alto tasso di benessere e di sviluppo, si esprime nella crescita della devianza e delle gang giovanili. Sempre più spesso i media riportano notizie di minori come protagonisti di fatti di cronaca o coinvolti in episodi di microcriminalità. Si constata infatti una mancanza di valori, un'assenza di prospettive, un "vuoto" di proposte per i più giovani, in cui i bambini e gli adolescenti sono costretti a crescere, un vuoto magari riempito dai videogiochi, dalla televisione, dal computer, fra consumismo e mode create dalla pubblicità.

Il superamento di questo vuoto è una delle sfide che noi oggi sentiamo più forti. Per questo le scuole della pace di Sant'Egidio si propongono come luoghi affettivamente significativi per i bambini e gli adolescenti, capaci di trasmettere, attraverso una specifica pedagogia, quei valori necessari allo sviluppo della personalità. Imparare ad aprirsi agli altri, giocare con i coetanei, scrivere lettere ad amici lontani, in modo non scolastico ma non per questo meno efficace creano solidarietà e interesse per gli altri, stimolano la conoscenza dei problemi del mondo e l'impegno per la giustizia. Il riconoscimento di situazioni di ingiustizia vicine e lontane sono alla base di un impegno che i bambini, fin da quando sono assai piccoli, sono capaci di vivere, differentemente da quello che si può ritenere. I bambini, e ancor più i giovani amano assumersi delle responsabilità, occuparsi cioè con continuità e amore di quanto (situazioni, persone, etc.) necessita di cura e attenzione.

Il rispetto verso tutti, ma particolarmente verso chi si trova in difficoltà, è uno dei valori educativi che le scuole della pace si impegnano a comunicare ai bambini e agli adolescenti. Comprendere l'altro (sia l'immigrato o il barbone …) nella sua diversità, conoscerne la storia, capirne le difficoltà, riconoscerne il valore è un atteggiamento nuovo che i nostri bambini e adolescenti imparano, uscendo da un universo culturale angusto e spesso intollerante.

In un simile contesto educativo ed affettivo, è la nostra esperienza, il bambino e l'adolescente ritrovano la sicurezza di un riferimento affettivo che sia capace di guidarlo e di indirizzarlo nel suo cammino e nel consolidamento della sua personalità e di valorizzare appieno le sue capacità umane e culturali. Solo così troveranno la forza di sfuggire ai tanti rischi di emarginazione che si trovano dinanzi.

Nelle scuole della pace sono accolti bambini di differenti nazionalità ed etnie, insieme a bambini Rom e Sinti.

Particolarmente in Italia e in Spagna, per i minori nomadi, la scuola della pace costituisce un luogo di crescita assai importante, per favorire la loro integrazione attraverso il sostegno all'inserimento scolastico, l'educazione sanitaria ed alimentare, il sostegno alla famiglia, l'aiuto nel disbrigo delle pratiche relative al soggiorno, per le famiglie straniere.

I più Giovani


 LEGGI ANCHE
• NEWS
14 Giugno 2016
ROMA, ITALIA

Roma, la marcia dei bambini di Colle Salario: ''La pace non va in vacanza!''

31 Dicembre 2015

Pace in tutte le terre 2016: una marcia contro l'indifferenza

IT | ES | FR | CA
23 Novembre 2015
CATANIA, ITALIA

Musulmani e cristiani uniti per la pace a Catania, il video che ha emozionato la rete

IT | ES
11 Dicembre 2014
ROMA, ITALIA

A Tor Bella Monaca, periferia di Roma, un messaggio in musica per tutta la città: "La pace è il futuro!"

16 Novembre 2014
PISTOIA, ITALIA

Premio per la Pace, Cultura, Giustizia e Solidarietà alla Comunità di Sant'Egidio in ricordo di Giorgio La Pira

12 Novembre 2014
WÜRZBURG, GERMANIA

Würzburg: più di mille studenti marciano per un mondo senza divisioni, 25 anni dopo la caduta del muro di Berlino

IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
7 Gennaio 2015
Notizie Italia News

L’antidoto alla violenza è la scuola: onorarne il valore e il messaggio

12 Novembre 2013
Ciociaria Oggi

Costruire la pace, studenti in campo

8 Novembre 2013
La Provincia di Frosinone

Studenti ed insegnanti parlano di pace

19 Settembre 2013
Flama.info

"S'ha de limitar el comerç d'armes per contenir la violència que hi ha al món"

28 Maggio 2013
La Nazione

Giornata Cittadina per la Pace

15 Gennaio 2013

Giuseppe, 14 anni. Un ... Quasi-Testamento per la Pace

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
23 Maggio 2015 | LUCCA, ITALIA

Together in Peace: testimonianze, musica, tanti modi di dire Pace.

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

L'omelia di mons. Matteo Zuppi

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

674 visite

609 visite

642 visite

570 visite

634 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri