Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - festa de..., a roma contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Festa dell'Epifania al CIE (Centro di identificazione e espulsione) di Ponte Galeria, a Roma


 
versione stampabile

6 gennaio 2009 - Festa dell'Epifania al C.I.E. (Centro di Identificazione ed Espulsione) di Ponte Galeria, alla periferia di Roma, con la Comunità di Sant'Egidio.

Il 6 gennaio è stata una giornata speciale al C.I.E, (Centro di Identificazione ed Espulsione) di Ponte Galeria: un gruppo della Comunità di Sant'Egidio di Roma e di Genti di Pace di varie nazionalià, si è recato nel centro con tutto l'occorrente per preparare una festa:  tovaglie colorate , addobbi natalizi, dolci e cioccolata, regali per tutti.

La sala da pranzo del Centro, addobbata a festa, ha cambiato aspetto. Le tavole apparecchiate di rosso, qualche bandiera di Genti di pace, con la colomba e l'arcobaleno, hanno creato subito un'atmosfera familiare e festosa. Su ogni tavolo è stata messa anche un'immagine natalizia, con il brano del Natale dal Vangelo di Luca e una preghiera di Giovanni Paolo II per i poveri e per la pace.

Sono arrivati circa 220 ospiti, in maggioranza donne, di varie provenienze, ma tutte molto giovani. Alcuni avevano già incontrato la Comunità alla mensa di Via Dandolo. 

Daniela Pompei ha rivolto a tutti un saluto a nome della Comunità di Sant'Egidio che da quasi 30 anni è vicina a coloro che, avendo lasciato il proprio paese, si trovano ad affrontare ogni giorno tante difficoltà. L'augurio per il nuovo anno è anche quello che "nessuno sia più considerato straniero".



Subito dopo è partita la musica, un canto nigeriano, quasi un gospel, che ha scatenato un grande applauso e tutta la sala è stata coinvolta in danze e canti. Uno spettacolo straordinario per un luogo contrassegnato solitamente da silenzio e tristezza. Anche il personale della Croce Rossa, che gestisce il Centro, ha partecipato a questo momento di gioia comune. 






I canti e i balli sono proseguiti per tutto il pomeriggio, mentre si mangiavano dolci, torroni e cioccolata.

Come accade in ogni famiglia nel periodo delle feste natalizie, c'erano anche i regali : giacche impermeabili, felpe, e poi, per tutti, la guida “Dove mangiare, dormire e lavarsi” e un foglio di indirizzi utili, sia per chi tornerà in patria, sia per chi resterà in Italia.

 

Immagini
 

NEWS CORRELATE
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza


Anche Sant'Egidio alla manifestazione antirazzista per l'integrazione: ''Più la città diventa una comunità, più è sicura''
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio


Le iniziative di Sant'Egidio ad Anversa
IT | FR
13 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Per una città senza violenza: in memoria delle tre sorelle rom morte nel rogo di Centocelle


Photogallery, Video
12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

''Un futuro migliore per i bambini e le bambine rom che vivono nella nostra città''. Le parole di Marco Impagliazzo


alla preghiera in ricordo delle sorelline uccise nel rogo di Centocelle
12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Photogallery della veglia di preghiera in ricordo di Francesca, Angelica ed Elisabeth


uccise nell'incendio del loro camper a Roma
12 Maggio 2017

In tanti per la memoria della giovani rom vittime della violenza. I VIDEO

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
19 Maggio 2017
Corriere della Sera On Line
Rom, con una casa un futuro diverso è possibile
18 Maggio 2017
Famiglia Cristiana
Bruciate vive? Erano rom.
12 Maggio 2017
Il Messaggero
La tragedia di Centocelle. Il dolore della madre
12 Maggio 2017
La Repubblica - Ed. Roma
Rom uccise, dolore e polemiche
12 Maggio 2017
Roma sette
Rogo di Centocelle: Roma prega per le sorelle arse vive
tutta la rassegna stampa correlata