Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - festa de..., a roma contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Festa dell'Epifania al CIE (Centro di identificazione e espulsione) di Ponte Galeria, a Roma


 
versione stampabile

6 gennaio 2009 - Festa dell'Epifania al C.I.E. (Centro di Identificazione ed Espulsione) di Ponte Galeria, alla periferia di Roma, con la Comunità di Sant'Egidio.

Il 6 gennaio è stata una giornata speciale al C.I.E, (Centro di Identificazione ed Espulsione) di Ponte Galeria: un gruppo della Comunità di Sant'Egidio di Roma e di Genti di Pace di varie nazionalià, si è recato nel centro con tutto l'occorrente per preparare una festa:  tovaglie colorate , addobbi natalizi, dolci e cioccolata, regali per tutti.

La sala da pranzo del Centro, addobbata a festa, ha cambiato aspetto. Le tavole apparecchiate di rosso, qualche bandiera di Genti di pace, con la colomba e l'arcobaleno, hanno creato subito un'atmosfera familiare e festosa. Su ogni tavolo è stata messa anche un'immagine natalizia, con il brano del Natale dal Vangelo di Luca e una preghiera di Giovanni Paolo II per i poveri e per la pace.

Sono arrivati circa 220 ospiti, in maggioranza donne, di varie provenienze, ma tutte molto giovani. Alcuni avevano già incontrato la Comunità alla mensa di Via Dandolo. 

Daniela Pompei ha rivolto a tutti un saluto a nome della Comunità di Sant'Egidio che da quasi 30 anni è vicina a coloro che, avendo lasciato il proprio paese, si trovano ad affrontare ogni giorno tante difficoltà. L'augurio per il nuovo anno è anche quello che "nessuno sia più considerato straniero".



Subito dopo è partita la musica, un canto nigeriano, quasi un gospel, che ha scatenato un grande applauso e tutta la sala è stata coinvolta in danze e canti. Uno spettacolo straordinario per un luogo contrassegnato solitamente da silenzio e tristezza. Anche il personale della Croce Rossa, che gestisce il Centro, ha partecipato a questo momento di gioia comune. 






I canti e i balli sono proseguiti per tutto il pomeriggio, mentre si mangiavano dolci, torroni e cioccolata.

Come accade in ogni famiglia nel periodo delle feste natalizie, c'erano anche i regali : giacche impermeabili, felpe, e poi, per tutti, la guida “Dove mangiare, dormire e lavarsi” e un foglio di indirizzi utili, sia per chi tornerà in patria, sia per chi resterà in Italia.

 

Immagini
 

NEWS CORRELATE
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA
Comunicato Stampa

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni


Firmato un Memorandum di intesa per promuovere e realizzare nuove attività di assistenza rivolte ai migranti in difficoltà
IT | ES | DE | FR | PT
24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

22 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Integrazione è anche prendersi cura di chi è fragile: consegnati a Roma i diplomi di care giver e di lingua italiana


Tanti i nuovi europei che quest'anno hanno frequentato i corsi promossi dalla Comunità di Sant'Egidio
14 Novembre 2016
GENOVA, ITALIA

È come se i migranti fuggiti da guerra e miseria avessero scritto, con le loro vite, una preghiera nuova...


A Genova si festeggia l'integrazione con la consegna degli attestati del corso di lingua e cultura italiana
1 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

Inaugurato a Barcellona il nuovo anno scolastico della Scuola di Lingua e Cultura della Comunità di Sant'Egidio

IT | ES
31 Ottobre 2016
NOVARA, ITALIA

Consegna dei diplomi alla scuola di italiano di Sant'Egidio a Novara: un laboratorio di pace, cultura e integrazione

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
7 Dicembre 2016
Il Secolo XIX
Spettro povertà, l'aiuto riparta dalle periferie
3 Dicembre 2016
Avvenire
Corridoi umanitari, quota 500 Arrivano da Homs e Aleppo
1 Dicembre 2016
Il Piccolo
«Chi chiede l'elemosina è vittima di pregiudizi»
22 Novembre 2016
Corriere della Sera
La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio
22 Novembre 2016
Giornale di Sicilia
«In difficoltà soprattutto gli anziani che per anni hanno aiutato figli e nipoti»
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri