Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - il paese...cobaleno - il paese... impegni contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Il Paese dell'Arcobaleno - Gli impegni


 
versione stampabile

GLI IMPEGNI DEL MOVIMENTO DEL PAESE DELL'ARCOBALENO

GLI IMPEGNI DEI BAMBINI DEL MOVIMENTO

Ad ogni bambino il movimento propone di sostenere un bambino lontano che si trova in difficoltà. Tanti sono i modi che si possono scegliere:


Gemellaggi con le scuole della pace del Sud del mondo
Le scuole della pace d'Europa raccolgono materiali scolastici, producono giochi, inventano favole e storie per i bambini loro amici che frequentano una scuola della pace nel Sud del mondo. il materiale viene inviato due volte l'anno insieme a lettere e video di saluti. Gli incontri internazionali del movimento sono l'occasione per vedersi di persona.

Sostegno ai bambini mozambicani
I bambini più piccoli potranno raccogliere nei salvadanai i soldi che vorranno destinare all'aiuto dei bambini mozambicani, che hanno imparato a conoscere attraverso filmati e diapositive. I soldi raccolti vengono utilizzati per le merende delle scuole della pace mozambicane.

  

GLI IMPEGNI DEGLI ADOLESCENTI DEL MOVIMENTO

Raccolgono le firme contro la pena di morte.
Aiutano i più piccoli nelle scuole della pace.
Visitano gli anziani ricoverati negli istituti, organizzando feste e incontri.
Hanno dato vita alla redazione de "Il Paese dell'Arcobaleno news", il bollettino di notizie del movimento.

 

Inoltre, a seconda del proprio talento, delle doti personali e dei propri interessi, ogni iscritto può scegliere di partecipare:
   
alla band del Paese dell'Arcobaleno
al coro del movimento (2 sezioni: piccoli e adolescenti)
al corpo di ballo
alla squadra di calcio
   
   

 

Del movimento fanno parte anche molti ex alunni delle scuole della pace, ormai non più bambini, ma giovani ed anche adulti che condividono le finalità del movimento, partecipano alle iniziative e contribuiscono alla diffusione del movimento. Infatti tutti possono far parte del Paese dell'Arcobaleno.

I più Giovani


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini

IT | ES | DE | PT | HU
16 Novembre 2016
ADJUMANI, UGANDA

Un nuovo anno ricco di novità per i bambini profughi della School of Peace di Nyumanzi

IT | EN | ES | DE | PT | ID
9 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco dove a Roma l'ecologia incontra la solidarietà: la Città Ecosolidale e il mercato vintage di Sant'Egidio

9 Ottobre 2016
BERLINO, GERMANIA

No More Walls - 10 anni di Scuola della Pace a Berlino

IT | ES | DE | FR
5 Ottobre 2016

5 ottobre, World Teacher's day: Tutti a scuola... della pace!

IT | EN | ES | DE | PT | RU | ID | HU
5 Ottobre 2016
MOHALES HOEK, LESOTO

Si cresce alla Scuola della Pace anche in Lesotho, il piccolo paese nel sud dell'Africa

IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
28 Ottobre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi. Il paradosso della Chiesa di Francia

5 Ottobre 2016
Avvenire

Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi

9 Settembre 2016
Popoli e Missione

William Quijano: Nel paese degli scontri un giovane coltiva l’arte dell’incontro

9 Settembre 2016
La Nazione

«Soltanto la cultura ci salverà»: la speranza di Andrea Riccardi

22 Agosto 2016
La Stampa

Andrea Riccardi: "Pagare per la cittadinanza europea questa è la peggior globalizzazione"

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'appello finale del pellegrinaggio dei giovani europei ad Auschwitz (IT)

Per una città più umana: no alla violenza, sì alla pace

Comunità di Sant'Egidio

La mensa per i poveri di Via Dandolo

Saluto del Presidente Mario Monti

L'omelia di mons. Matteo Zuppi

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

1030 visite

962 visite

1024 visite

930 visite

1033 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri