Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - il paese...cobaleno - il paese...ocumenti - io ho un...r inform - asia contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Asia


 
versione stampabile

DOSSIER INFORMATIVO SULLA CONDIZIONE DELL'ISTRUZIONE NEL MONDO
PROBLEMI E DATI (Roma, 4 giugno 2000)

ASIA
L'istruzione in Asia

E' stato calcolato che nel XXI secolo ci saranno circa 855 milioni di persone completamente analfabete, incapaci di scrivere anche la loro firma.

L'Africa subsahariana e l'Asia meridionale sono le regioni che dovranno affrontare più difficoltà per iscrivere tutti i bambini entro il 2010. L'analfabetismo inizia come triste realtà della vita quotidiana per tanti bambini.

Paese 

Uomini 

Donne

Afghanistan 

36

11

Bangladesh 

66

58

Cambogia 

100

90

Cina 

100

100

Tasso di scolarizzazione elementare (%)

Numerosi sono i motivi dell'abbandono scolastico nei Paesi asiatici in Via di Sviluppo. Fra i problemi più gravi di questo continente vi è senz'altro il numero molto alto di bambini lavoratori. Sono in molti a lavorare, sia in casa che altrove, e con il loro stipendio contribuiscono al sostentamento della famiglia. I bambini rappresentano una importante fonte di reddito per le famiglie, e spesso, anche l'unica. Svolgono lavori molto pesanti, per molte ore al giorno, ed è impossibile contemporaneamente frequentare la scuola.

Uno studio ha dimostrato che il costo supplementare per mandare a scuola tutti i bambini del mondo per un anno (circa sei miliardi di dollari) equivale a ciò che il mondo spende per le armi in quattro giorni.

Inoltre, andare a scuola è molto costoso. In molti paesi asiatici l'istruzione non è gratuita e spesso le rette scolastiche sono più alte del reddito familiare. Altri costi diretti sono i libri, la divisa che tutti devono indossare, le borse e tutto il materiale scolastico. Per i bambini, lavorare significa dare sostentamento all'intera famiglia, mentre, andare a scuola, comporta solo ulteriori spese che in pochi possono affrontare.

Vi sono altri fattori che impediscono ai bambini di frequentare le lezioni: spesso le scuole sono molto distanti dai luoghi di abitazione, le strade da percorrere dissestate, e i bambini possono incorrere in diversi pericoli lungo il percorso.

Un altro problema è rappresentato dalla mancanza di infrastrutture scolastiche: in Pakistan, ad esempio, non ci sono scuole per più della metà dei bambini in età scolare. Ciò vuol dire che gli edifici esistenti non riescono ad accogliere neanche il 50% dei bambini pakistani.

In alcune regioni anche gli insegnanti sono pochi: nella provincia del Bengala Occidentale, in India, è stato calcolato che mancano circa 40.000 insegnanti. Le classi sono costituite in media da 50/60 alunni. Oltretutto gli insegnanti non si recano regolarmente alle lezioni, in quanto i salari sono di solito molto bassi e le condizioni di lavoro molto difficili. Questo, tra l'altro, riduce notevolmente la quantità di ore di lezione settimanale.

In molti paesi le lezioni vengono svolte nella lingua dell'ex potenza coloniale che occupava il paese, e, se questa non è parlata a casa, i problemi di apprendimento si accumulano.

Per di più i contenuti dell'insegnamento sono piuttosto tradizionali e senza uno specifico sbocco lavorativo, quindi non appaiono importanti ai genitori, i quali hanno la sensazione che ciò i loro figli imparano a scuola non è utile nè per il presente nè per il futuro.

Paese 

%

Afghanistan 

43

Bangladesh 

47

Cambogia 

74

Cina 

94

India 

59

Pakistan 

48

Percentuale di iscritti 
che completa la scuola elementare

I più Giovani

I documenti


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Giugno 2011

Napoli (Italia): "Facciamo la pace" a Scampia, con il Paese dell'Arcobaleno

IT | ES | DE | CA | NL | RU
8 Luglio 2011

Garoua (Camerun):Alla Scuola della Pace si impara ad essere solidali con i più poveri: una visita ai bambini abbandonati nell'istituto pubblico della città

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
4 Giugno 2011

Roma - "Siamo tutti italiani": Bambini, giovani e anziani da tutto il mondo in festa per la Giornata della Repubblica Italiana

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
5 Dicembre 2011

Solidarietà e ecologia: torna Il "Rigiocattolo". Appuntamenti in Italia e nel mondo

IT | ES | DE | FR | CA
16 Agosto 2011

Conakry (Guinea Conakry): I bambini e i ragazzi adottati a distanza alla Festa del Paese dell’Arcobaleno

5 Agosto 2011

Adozioni a distanza e diritto allo studio: in Indonesia 27 tra i primi ragazzi "adottati" oggi frequentano l'università

IT | ES | DE | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
2 Dicembre 2015
Il Gazzettino - ed. Padova

Don Bizzotto: «Pensiamo ai bimbi e non alle statuine di cartapesta»

19 Giugno 2017
Vatican Insider

Ius Soli, Sant'Egidio: “Non strumentalizzare una riforma attesa da anni”

18 Giugno 2017
Il Fatto Quotidiano

Ius soli: l’appello di Papa Francesco riguarda tutti noi, non solo i migranti

8 Giugno 2017
La Repubblica - Ed. Genova

Il Cep in festa con la Scuola della pace

28 Febbraio 2017
Corriere.it

Andiamo a convivere? Le nonne vanno a convivere per resistere alla crisi

21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana

Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
29 Marzo 2017 | NOVARA, ITALIA

Marcia di pace dei bambini 2017

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

L'appello finale del pellegrinaggio dei giovani europei ad Auschwitz (IT)

Per una città più umana: no alla violenza, sì alla pace

Comunità di Sant'Egidio

La mensa per i poveri di Via Dandolo

Saluto del Presidente Mario Monti

L'omelia di mons. Matteo Zuppi

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore
tutti i libri