Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - il paese...cobaleno - il paese...ocumenti - io ho un...r inform - america latina contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

America Latina


 
versione stampabile

"Io ho un sogno… andare a scuola"
MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE 
PER IL DIRITTO ALLO STUDIO
dossier informativo

AMERICA LATINA

Molti passi avanti sono stati fatti in America Latina nel campo dell'istruzione: tra il 1960 e il 1990 le iscrizioni alla scuola elementare sono aumentate fortemente, ma il nodo dell'educazione non è stato ancora risolto.

Alcuni dati possono fornire un'idea della complessità del problema: se a Cuba e in Argentina la percentuale dei giovani che terminano il I° ciclo scolastico è vicina a quella dei paesi europei, in Bolivia, Colombia, El Salvador ed Haiti il 40% degli studenti non riesce a completare le scuole dell'obbligo. Nel I° ciclo scolastico il numero delle bambine iscritte eguaglia quello dei bambini, ma vi è ancora una grande disparità nella frequenza della scuola secondaria. Nella maggior parte dei casi il diritto e l'obbligatorietà allo studio sono princìpi sanciti dalle Costituzioni, ma la povertà di ampie fasce di popolazione spinge verso l'abbandono scolastico. Un quarto dei bambini che s'iscrivono al I° anno della scuola primaria non raggiunge la fine del ciclo scolastico.

Fra le cause che favoriscono l'evasione scolastica vi è senz'altro il lavoro minorile, ma anche l'alto tasso di bocciature (che in alcuni paesi arriva al 40%). Un quarto dei bambini che comincia la scuola elementare, abbandona gli studi prima di raggiungere la quinta classe. Il Brasile e Guatemala hanno il primato per quanto riguarda il numero di bambini che ripete la stessa classe.

L'America Latina presenta disparità economiche molto grandi fra ricchi e poveri e la comprensione delle materie insegnate risulta difficile per le comunità indigene, che spesso non conoscono la lingua ufficiale. Inoltre, i metodi d'insegnamento sono spesso rigidi e tradizionali, non tengono conto delle difficoltà degli studenti più poveri, e non incentivano il proseguimento degli studi.

I più Giovani

I documenti


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini

IT | ES | DE | PT | HU
16 Novembre 2016
ADJUMANI, UGANDA

Un nuovo anno ricco di novità per i bambini profughi della School of Peace di Nyumanzi

IT | EN | ES | DE | PT | ID
9 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco dove a Roma l'ecologia incontra la solidarietà: la Città Ecosolidale e il mercato vintage di Sant'Egidio

9 Ottobre 2016
BERLINO, GERMANIA

No More Walls - 10 anni di Scuola della Pace a Berlino

IT | ES | DE | FR
5 Ottobre 2016

5 ottobre, World Teacher's day: Tutti a scuola... della pace!

IT | EN | ES | DE | PT | RU | ID | HU
5 Ottobre 2016
MOHALES HOEK, LESOTO

Si cresce alla Scuola della Pace anche in Lesotho, il piccolo paese nel sud dell'Africa

IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
28 Ottobre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi. Il paradosso della Chiesa di Francia

5 Ottobre 2016
Avvenire

Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi

9 Settembre 2016
La Nazione

«Soltanto la cultura ci salverà»: la speranza di Andrea Riccardi

9 Settembre 2016
Popoli e Missione

William Quijano: Nel paese degli scontri un giovane coltiva l’arte dell’incontro

22 Agosto 2016
La Stampa

Andrea Riccardi: "Pagare per la cittadinanza europea questa è la peggior globalizzazione"

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'appello finale del pellegrinaggio dei giovani europei ad Auschwitz (IT)

Per una città più umana: no alla violenza, sì alla pace

Comunità di Sant'Egidio

La mensa per i poveri di Via Dandolo

Saluto del Presidente Mario Monti

L'omelia di mons. Matteo Zuppi

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri