Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - il paese...cobaleno - il paese...ocumenti - io ho un...r inform - america latina - storia di beatriz contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Storia di Beatriz


 
versione stampabile

"Io ho un sogno… andare a scuola"
MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE 
PER IL DIRITTO ALLO STUDIO
dossier informativo

AMERICA LATINA
Storia di Beatriz

Io mi chiamo Beatriz, ho cinque fratelli, vivo a San Esteban nella parte nord occidentale del paese dove si trovano bellissime montagne e appartengo all'etnia quichè.

I miei genitori mi hanno raccontato che, quando arrivarono qui, non c'era proprio niente: per trovare lo spazio per costruire la nostra casa e per avere del terreno da coltivare hanno dovuto tagliare gli alberi.

Quando ero molto più piccola, rimanevo con la mia famiglia solo quattro mesi l'anno nella nostra casa di San Esteban. Gli altri mesi dovevamo spostarci sulla costa per coltivare il caffè: ricordo che tutti i miei fratelli lavoravano nelle piantagioni, e così non sono mai andati a scuola. Io sono fortunata perché ora non ci dobbiamo più spostare e posso andare a scuola.

Certo, prima di andare a scuola ho tante cose da fare: la mattina mi alzo alle quattro e aiuto la mamma a badare alle pecore, alle galline e a qualche altro piccolo animale; poi l'aiuto a cucinare per il resto della famiglia. Quando ho finito di fare tutte queste cose, anche se sono già un po' stanca, vado a scuola.

Io arrivo a scuola dopo due ore di cammino, molti miei compagni impiegano più tempo. La mia scuola non è molto alta, perché un vento molto forte, come ce ne sono spesso da queste parti, può sollevarla e portare via tutto; perciò è piccola, con pareti di canne, che vengono piantate nel terreno e legate con della corda. Neppure a scuola c'è l'elettricità, come a casa mia.

Nella mia classe siamo in quaranta, la materia che preferisco è il quiché, che è la mia lingua. Studio anche lo spagnolo, ma per me è molto difficile. Mamma e papà non mi possono aiutare ad impararlo, perché non sono mai andati a scuola, e non lo sanno parlare. Io ho buoni voti, ma tanti miei compagni sono stati bocciati e poi non sono più tornati a scuola. A me piacerebbe tanto studiare anche dopo le elementari, ma la scuola secondaria è lontana, è in città, e forse dovrò aiutare i miei genitori nel lavoro dei campi e non ci potrò andare.

I più Giovani

I documenti


NEWS CORRELATE
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio


Le iniziative di Sant'Egidio ad Anversa
IT | ES | FR | CA
17 Marzo 2017
LIVORNO, ITALIA

Storia e futuro nel Mediterraneo: a Livorno il convegno internazionale Medì


oggi la sessione inaugurale. Il programma
3 Marzo 2017
ADJUMANI, UGANDA

I bambini della School of Peace nel campo profughi di Nyumanzi studiano tutti i giorni e ne sono orgogliosi


Mons. Vincenzo Paglia in visita ai piccoli rifugiati in Uganda: ''Il regno dei cieli è come questa scuola, perché Gesù vuole sempre la pace e mai la guerra''.
IT | ES | DE | NL
11 Febbraio 2017
COMUNICATO STAMPA

Decreto immigrazione, l'appello di Impagliazzo al Parlamento: ''Si ispiri a princìpi di umanità e integrazione''


Il presidente di Sant'Egidio: ''Garantire i diritti dei profughi, reintrodurre vie di ingresso regolare anche per motivi di lavoro e approvare subito la riforma della cittadinanza''
4 Gennaio 2017

Ultimi giorni della grande vendita di beneficenza alla città ecosolidale di Roma


Fino al 6 gennaio a Via del Porto Fluviale, 2. Un'occasione da non perdere per uno shopping che aiuta l'Africa
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini


Le Scuole della Pace, il programma "Bravo!", i centri nutrizionali, il programma DREAM... come la Comunità protegge i diritti dei più piccoli. E alcune storie
IT | ES | DE | PT | HU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Febbraio 2017
Corriere.it
Andiamo a convivere? Le nonne vanno a convivere per resistere alla crisi
21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana
Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina
7 Febbraio 2017
Avvenire
Integrazione. Cittadinanza, le seconde generazioni: legge subito
6 Febbraio 2017
AdnKronos
Migranti: Santerini e Chaouki a Grasso, Senato approvi legge cittadinanza
24 Gennaio 2017
Huffington Post
Dopo diciotto anni e nove tentativi Cristina è riuscita finalmente a diventare italiana
tutta la rassegna stampa correlata