Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - il paese...cobaleno - il paese...ocumenti - io ho un...r inform - america latina - storia di beatriz contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Storia di Beatriz


 
versione stampabile

"Io ho un sogno… andare a scuola"
MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE 
PER IL DIRITTO ALLO STUDIO
dossier informativo

AMERICA LATINA
Storia di Beatriz

Io mi chiamo Beatriz, ho cinque fratelli, vivo a San Esteban nella parte nord occidentale del paese dove si trovano bellissime montagne e appartengo all'etnia quichè.

I miei genitori mi hanno raccontato che, quando arrivarono qui, non c'era proprio niente: per trovare lo spazio per costruire la nostra casa e per avere del terreno da coltivare hanno dovuto tagliare gli alberi.

Quando ero molto più piccola, rimanevo con la mia famiglia solo quattro mesi l'anno nella nostra casa di San Esteban. Gli altri mesi dovevamo spostarci sulla costa per coltivare il caffè: ricordo che tutti i miei fratelli lavoravano nelle piantagioni, e così non sono mai andati a scuola. Io sono fortunata perché ora non ci dobbiamo più spostare e posso andare a scuola.

Certo, prima di andare a scuola ho tante cose da fare: la mattina mi alzo alle quattro e aiuto la mamma a badare alle pecore, alle galline e a qualche altro piccolo animale; poi l'aiuto a cucinare per il resto della famiglia. Quando ho finito di fare tutte queste cose, anche se sono già un po' stanca, vado a scuola.

Io arrivo a scuola dopo due ore di cammino, molti miei compagni impiegano più tempo. La mia scuola non è molto alta, perché un vento molto forte, come ce ne sono spesso da queste parti, può sollevarla e portare via tutto; perciò è piccola, con pareti di canne, che vengono piantate nel terreno e legate con della corda. Neppure a scuola c'è l'elettricità, come a casa mia.

Nella mia classe siamo in quaranta, la materia che preferisco è il quiché, che è la mia lingua. Studio anche lo spagnolo, ma per me è molto difficile. Mamma e papà non mi possono aiutare ad impararlo, perché non sono mai andati a scuola, e non lo sanno parlare. Io ho buoni voti, ma tanti miei compagni sono stati bocciati e poi non sono più tornati a scuola. A me piacerebbe tanto studiare anche dopo le elementari, ma la scuola secondaria è lontana, è in città, e forse dovrò aiutare i miei genitori nel lavoro dei campi e non ci potrò andare.

I più Giovani

I documenti


NEWS CORRELATE
13 Giugno 2009

Bari (Italia): La manifestazione del Paese dell'Arcobaleno "I colori dell'amicizia"

IT | DE | PT | NL
7 Giugno 2011

Napoli (Italia): "Facciamo la pace" a Scampia, con il Paese dell'Arcobaleno

IT | ES | DE | CA | NL | RU
3 Giugno 2010

Parma (Italia): Con il Paese dell'Arcobaleno, una festa per dire che è bello vivere insieme

24 Ottobre 2009

Buenos Aires (Argentina): Festa del movimento del Paese dell'Arcobaleno "I volti dell'amicizia"

IT | ES | DE | FR | NL | RU
30 Giugno 2009

Djicoroni (Mali) - La festa del Paese dell'Arcobaleno supera il muro che separa il quartiere dal "villaggio dei lebbrosi"

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Giugno 2009

"W i COLORI": la festa del Paese dell'Arcobaleno a Parma

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
6 Settembre 2017
Il Paese della Sera
#Altrimondi – L’estate dei bambini Rom fra tabelline e verbi
27 Agosto 2017
Avvenire
L'intervista . «Un no all'odio. Vivere insieme si può»
24 Agosto 2017
Il Dubbio
«Il Papa ha ragione: alcuni migranti sono già italiani...»
22 Agosto 2017
Il Mattino di Padova
Lavorare per far crescere la "voglia di comunità" a Padova
21 Agosto 2017
La Repubblica - Ed. Roma
A Rocca di Papa l'estate di studio per i bambini rom
tutta la rassegna stampa correlata