change language
sie sind in: home - pressearchiv kontaktnewsletterlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
10 Februar 2017

L'arcivescovo Becciu per l'anniversario di Sant'Egidio

Una presenza vivace

Andate avanti su questa strada preghiera, poveri e pace. E camminando cosi aiutate a far crescere la compassione

 
druckversion

Continuare a lavorare tenacemente «per la pace, la riconciliazione, il dialogo fraterno con i membri delle varie religioni»: è quanto ha raccomandato l'arcivescovo Angelo Becciu sostituto della Segreteria di Stato, alla comunità di Sant'Egidio, nel quarantanovesimo anniversario della fondazione. Nella circostanza il presule ha celebrato la messa nella basilica di San Giovanni in Lacerano alla presenza soprattutto di studenti, lavoratori, anziani e senza fissa dimora, profughi, immigrati, volontari, amici collaboratori della Comunità, guidati dal presidente Marco Impagliazzo e dal fondatore Andrea Riccardi.
«Presenza vivace creativa nella Chiesa di Roma» - ha ricordato monsignor Becciu - 
Sant'Egidio «gradatamente si è diffusa in tante altre Chiese nel mondo» dilatando il raggio d'azione «non soltanto geograficamente, ma anche nella molteplicità delle iniziative e delle opere». Non è stato, ha spiegato, «un progetto programmato a tavolino. Con apertura e generosità vi siete lasciati guidare dallo Spirito che, attraverso le circostanze più varie, vi ha aperto strade sempre nuove, dilatando i vostri orizzonti su quelli stessi della Chiesa».
Commentando le letture della liturgia, il celebrante ha ricordato come la comunità di 
Sant'Egidio fin dagli inizi si sia «rivolta verso chi è in situazione di emarginazione in stato dì abbandono. Si è lasciata guidare dalla grande lezione del libro della Genesi: uomo e donna sono creature di Dio, plasmate dalle sue mani; portano in sé l'immagine e la somiglianza con Dio. Quale dignità della persona umana!». Del resto, ha fatto notare, «Lo sguardo del Creatore non è discriminante, non divide in categorie i suoi figli e le sue figlie: sono la sua creatura, amata, per la quale è pronto a sacrificare il Figlio amato, perché l'ama come ama suo Figlio. Davanti all'uomo e alla donna egli stesso mostrò la sua meraviglia ed esplose in un grido di gioia». Per cui «secondo questa pagina della Scrittura, non ci sono persone ai margini: ogni persona è al centro, è il centro». Da qui l'invito affinché lo sguardo del Creatore diventi «il nostro sguardo: ogni persona che incontro è "molto" buona, è "carne della mia carne, ossa delle mie ossa". Di ogni persona mi "ricordo" e "prendo cura". Mi è stata affidata dall'amore di Dio, come Eva è stata posta davanti ad Adamo che l'ha riconosciuta e accolta come un altro sé; diversa da sé e insieme simile a sé. È la ricchezza della complementarietà che ognuno offre all'altro e dall'altro riceve. L'altro è il dono che Dio mi fa perché la mia vita sia completa, perché non sia solo».
Inoltre, ha proseguito monsignor Becciu, «da quando Dio si è incarnato e si è identificato con ogni persona, l'uomo e la donna hanno acquistato un valore davvero inestimabile». Anzi «l'altro, per piccolo che sia, è davvero Gesù! Devo amarlo come amo Gesù. Anche perché lo stesso «Papa Francesco continua a ripeterci che l'amore cristiano non è una idea astratta, ma si rende concreto nell'aiutare gli altri, cominciando dai deboli e i poveri, che sono "la carne di Cristo"». Di conseguenza «il valore dell'altro non si misura dal reddito e dall'efficienza. Che i
poveri siano sempre il vostro tesoro - ha esortato il sostituto della Segreteria di Stato - e possiate continuare a toccare in loro la "carne di Cristo", con l'amore e la cura con cui si vive l'Eucaristia».
In particolare l'arcivescovo ha voluto fare riferimento «all'integrazione di immigrati e rifugiati, di cui le nostre società hanno bisogno» incoraggiando la comunità «a continuare a costruire ponti, legami, perché si affermi una civiltà del vivere insieme, una civiltà dell'amore, anche se questo non è l'orientamento del nostro mondo, soprattutto in questi tempi». Ricordando poi come il cammino di 
Sant'Egidio abbia «preso origine da un gruppo di liceali che, invece di progettare un futuro pensando esclusivamente al successo e alla carriera professionale, ha deciso di dar vita a una scuola popolare per i bambini emarginati delle baraccopoli romane, lasciandosi interpellare dalle audaci esigenze del Vangelo».
Il celebrante ha marcato gli inizi dell'esperienza nelle «periferie, ben prima che questa parola fosse impiegata in maniera programmatica da Papa Francesco». Dunque oggi la missione della Comunità «è andare in tutte le periferie, dove vi sono conflitti, dove le persone non sono riconosciute nella loro dignità, dove le diversità sono vissute come esclusione e conflitto invece che come arricchimento» per portavi «la presenza di Cristo», rigenerare la fratemità e far sì che «le periferie, tornino a essere "al centro"» rendendole «consapevoli della loro dignità, attive e protagoniste nel tessuto sociale e nella vita della Chiesa».
Quindi l'arcivescovo Becciu ha commentato l'episodio proposto dal Vangelo di Marco: «Sento forte la suggestione di questa donna: - ha detto - viene dalla regione della Siria e chiede pietà per la figlia. Non rappresenta - si è chiesto - le mamme siriane che chiedono aiuto per i figli? Le mamme che assistono in varie parti del mondo allo strazio della guerra?
» E poiché «la donna trova sua figlia guarita, tornando a casa», il presule ha chiesto ai membri di Sant'Egidio, con l'aiuto di Dio, di contribuire «ad alleviare le sofferenze di tante madri!».
Infine si è soffermato sul luogo della celebrazione: «Questa chiesa di San Giovanni in Laterano, che la tradizione vuole "madre e capo di tutte le chiese"». In proposito ha ricordato come la comunità sia nata nella Chiesa di Roma e ne sia «tuttora un'espressione vitale». Per questo, ha affermato, occorre amare la città e cooperare per «renderla ancora più bella e ospitale. Il legame con il vescovo di Roma - ha sottolineato - deve continuare a caratterizzaivi, non soltanto qui, ma anche nelle altre parti del mondo dove giunge la vostra carità». Anzi, «la vostra "romanità" faccia di voi altrettanti collaboratori di Papa Francesco, che dilatano il suo cuore e le sue braccia, giungendo là dove non può arrivare fisicamente. Facendo così concorrerete a riportare ogni persona al centro e a fare di ogni periferia un nucleo di vita e di umanità nuova. Solo così cambierà anche la geopolitica mondiale e il seme del Vangelo produrrà frutti abbondanti di pace».
In conclusione l'arcivescovo Becciu ha riproposto la consegna di Papa Francesco quando nel giugno 2014 visitò la comunità: «Andate avanti su questa strada: preghiera, poveri e pace. E camminando così aiutate a far crescere la compassione nel cuore della società - che è la vera rivoluzione, quella della compassione e della tenerezza - a far crescere l'amicizia al posto dei fantasmi dell'inimicizia e dell'indifferenza».


 LESEN SIE AUCH
• NACHRICHTEN
4 Februar 2016

Arme und Freunde der Armen: Das Volk von Sant'Egidio feiert heute den 48. Gründungstag der Gemeinschaft

IT | ES | DE | FR
7 Februar 2017

Die Gemeinschaft Sant’Egidio wird 49 Jahre alt. Vielen Dank allen, die täglich diesen Traum durch #periferiealcentro (Peripherien in den Mittelpunkt) verwirklichen

IT | ES | DE | FR | PT | RU
15 Juni 2015

Vor einem Jahr der Besuch von Papst Franziskus bei der Gemeinschaft Sant’Egidio: Gebet, Arme und Frieden

IT | EN | ES | DE | FR
20 September 2016
ASSISI, ITALIEN

Die Christen, Bäume des Lebens, die die Gleichgültigkeit aufsaugen. Papst Franziskus beim Friedensgebet in Assisi

IT | EN | ES | DE | PT | HU
22 August 2017

Für den Papst ist die Integration der wesentliche Prozess. Ein Artikel von Andrea Riccardi über die Botschaft von Papst Franziskus über die Migranten

IT | ES | DE | FR
9 Februar 2017

Sant'Egidio feiert den 49. Jahrestag mit dem Volk der Gemeinschaft

IT | ES | DE | FR | PT | CA
all news
• DRUCKEN
10 Februar 2017
Avvenire

Roma. Becciu: Sant'Egidio porta Cristo nelle periferie

10 Februar 2017
RomaSette.it

Becciu a Sant’Egidio: «I poveri siano sempre il vostro tesoro»

9 Februar 2017
Vatican Insider

Becciu: “I manifesti? Il Papa ci ha riso su”

9 Februar 2017
L'Osservatore Romano

L’arcivescovo Becciu per l’anniversario di Sant’Egidio - Una presenza vivace

3 August 2016
Vida Nueva

Las periferias, un desafío para nuestras sociedades

alle pressemitteilungen
• GESCHEHEN
15 November 2017 | BARCELONA, SPANIEN

Presentación del libro de Andrea Riccardi: "Periferias. Crisis y novedades para la Iglesia"

Alle sitzungen des gebets für den frieden
• KEINE TODESSTRAFE
10 Oktober 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Oktober 2015
VEREINIGTE STAATEN

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Oktober 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 September 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 März 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

12 März 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

9 März 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

9 März 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 März 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

28 Februar 2015
VEREINIGTE STAATEN

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Februar 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Dezember 2014
MADAGASKAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

gehen keine todesstrafe
• DOKUMENTE

Grußwort von Marco Impagliazzo am Ende der Liturgie zum 48. Jahrestag der Gemeinschaft Sant'Egidio

alle dokumente

FOTOS

109 besuche

246 besuche

160 besuche

200 besuche

160 besuche
alle verwandten medien