change language
sie sind in: home - pressearchiv kontaktnewsletterlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
1 Mai 2012

Gli attacchi. La minaccia integralista

Intervista al ministro Andrea Riccardi: «I cristiani perseguitati perché simbolo di pluralismo»

Pulizia etnica «In Iraq è in atto una pulizia etnica che ha lo scopo di cacciare i cristiani dalle terre dove vivono da millenni. In Siria, i cristiani temono di perdere la protezione del regime e così rischiano di apparire amici di Assad»

 
druckversion

ROMA - «Quello dei cristiani è un vero dramma del nostro tempo». Che sta succedendo, ministro? «Guardi, qui ci sono due fatti fondamentali. Il primo è che i cristiani, purtroppo non da oggi, sono il bersaglio della violenza: a cominciare dalla violenza radicale islamista che vuole inverarsi attraverso il sacrificio umano del cristiano...».

Non si può dire che Andrea Riccardi si mostri stupito. Di queste cose, il ministro per la Cooperazione internazionale si occupa da anni, come storico e fondatore della comunità di Sant' Egidio: attività diplomatica, innumerevoli incontri per favorire il dialogo tra le fedi e, tra gli altri, un libro pubblicato nel 2000: Il secolo del martirio.

Si riferiva a una definizione di Wojtyla... «Già. Giovanni Paolo II disse che il Novecento era tornato a essere un secolo di martiri. Però la persecuzione, per i cristiani, non è finita: questo, il XXI, è più che mai un secolo del martirio. E anche dove non c' è violenza religiosa, si attaccano comunque i cristiani perché sono miti e rappresentano un saldo e gratuito presidio di umanità: ecco il perché dell' uccisione di tanti missionari».

E il secondo fatto? «È quello, più specifico e oggettivo, della reviviscenza del terrorismo islamista in certe aree "calde". Nell' Africa Occidentale c' è un nuovo attivismo islamista che ha i suoi punti di forza in organizzazioni come Boko Haram, in Nigeria, e Aqmi, ovvero Al Qaeda nel Maghreb Islamico, soprattutto nel Mali. Lì si rischia veramente di trovarsi di fronte qualcosa che ricorda l' Afghanistan... Del resto abbiamo già l' esempio, emblematico, dell' Iraq». Perché emblematico? «Perché in Iraq è in corso una epurazione dei cristiani, una pulizia etnica che attraverso assassinii sistematici vuole costringere i cristiani ad abbandonare le terre che hanno sempre abitato e dove convivono con i musulmani da più di mille anni. In Nigeria sta accadendo qualcosa di analogo: soprattutto nel Nord islamizzato, si vuole costringere all' esodo la minoranza cristiana».

Sì, ma perché? «Perché i cristiani sono miti e si confrontano, dialogano, sono una garanzia di pluralismo che il totalitarismo musulmano vuole annientare. Gli attentati a luoghi di culto sono l' espressione di un totalitarismo imbestialito: colpire gente in preghiera è una vera bestemmia, anche se gli islamisti lo fanno in nome di Dio» Parlava della Nigeria: e in Kenya? «Lì si avverte un contagio della crisi somala. L' attentato terribile di Nairobi, in una situazione etnica già fragile, mira ad atterrire e minacciare i kenioti che sono intervenuti a favore del governo somalo».

Lei ha detto che gli islamisti sono un pericolo per i musulmani stessi... «... e lo confermo: tanti musulmani sono preoccupati per gli attacchi ai cristiani» Ma i loro leader non sono un po' timidi di fronte al totalitarismo islamista? «Per rispondere a questa domanda ci vorrebbe un libro. L' Islam è molto complesso, nella sua pentola bollono cose diversissime. Non si può generalizzare». C' è il rischio che la metastasi si diffonda per l' Africa? A cominciare da ciò che resta della primavera araba? «Parlare dell' intera Africa è eccessivo. Ci sono le due zone calde di cui abbiamo parlato, aree di destabilizzazione molto grave. Quanto alla primavera araba, i partiti musulmani religiosi hanno ormai egemonizzato la protesta. La nostra speranza è che riescano a coniugarsi con la democrazia: le cose, per ora, sembrano andare in questa direzione. Vedremo cosa succederà in Egitto. Lì c' è una grande attesa che lascia i cristiani con l' animo sospeso».

I vescovi in Siria sono assai indulgenti con Assad... «La maggioranza dei cristiani arabi è preoccupata di perdere la protezione che aveva sotto i regimi dittatoriali. La vicenda dell' Iraq li spaventa molto: non c' è dubbio che la dittatura di Saddam li proteggeva più di oggi. Si capisce il timore che hanno in Siria, anche se poi rischiano di apparire come amici di Assad». L' Europa e l' Italia cosa possono fare? «Nelle mie conversazioni con esponenti del mondo musulmano, ho sempre affrontato il tema delle minoranze e della loro tutela, e non per motivi confessionali ma perché è una garanzia per tutti: oggi tocca soprattutto ai cristiani, domani arriverà l' ora del musulmano diverso, dei laici, delle donne, delle minoranze etniche... Il totalitarismo è un mostro che, alla fine, divora i popoli».

________________________________

Nel mondo: Persecuzioni contro i cristiani sono in atto in molti Paesi, soprattutto in Asia e Africa, da parte di fondamentalisti islamici o indù, con attentati a fedeli e ai luoghi di culto, e da parte di regimi, con restrizioni alla libera pratica religiosa Africa I Paesi che negli ultimi tempi hanno registrato maggiori attacchi nel continente contro i cristiani sono la Nigeria (dove il 40% della popolazione è di questa fede), il Sudan (9,1%) e l' Egitto (11%). Nei primi due casi la questione religiosa è inserita in un ampio scontro politico e in parte militare Asia La fede cristiana non può essere professata liberalmente in Afghanistan, Arabia Saudita e Corea del Nord. Ha invece restrizioni in Cina, Pakistan, Bhutan e Iran. Persecuzioni sono particolarmente frequenti contro i cristiani in India, Iraq e ancora in Pakistan La classifica Per l' organizzazione cristiana Usa Open Doors, la classifica dei Paesi più ostili ai cristiani stilata nel 2011 vede in prima fila la Corea del Nord, seguita da Afghanistan, Arabia Saudita, Somalia, Iran, Maldive, Uzbekistan, Yemen, Iraq e Pakistan

 



 LESEN SIE AUCH
• NACHRICHTEN
13 Juli 2009

"Gefangene befreien in Afrika" - Solidarität italienischer Gefangener mit afrikanischen Gefangenen

IT | ES | DE | FR | PT
2 April 2017
TOGO

Sant'Egidio - ein Volk von Freunden auf der Straße mit den Armen: Besuch von Andrea Riccardi bei den Gemeinschaften von Togo

IT | ES | DE | FR | NL
8 Juli 2016
MAPUTO, MOZAMBIQUE

Andrea Riccardi trifft den Präsidenten der Republik Mosambik, Felipe Jacinto Nyusi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU | HU
8 Juli 2016
MAPUTO, MOZAMBIQUE

Die Weitergabe des Evangeliums in der Stadt - Treffen der Gemeinschaften von Sant'Egidio von Mosambik

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
5 April 2017
BENIN

Andrea Riccardi bei den Gemeinschaften von Benin: ein Kreuzungspunkt von Ethnien vermittelt die Freude des Zusammenlebens

IT | DE | NL
4 Oktober 2017
ROM, ITALIEN

Konferenz über 25 Jahre Frieden in Mosambik – das italienische Modell hat Afrika Hoffnung geschenkt

IT | EN | DE | PT
all news
• DRUCKEN
7 Dezember 2017
Famiglia Cristiana

E ora l'Europa si accorge dell'Africa

10 August 2017
Famiglia Cristiana

L'ultimo regalo di padre Jacques: ricordarci che l'estate è un tempo in cui sentire l'invito di Dio a prendersi cura del mondo

27 Juli 2017
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: La nuova Africa tra ricatti e riscatto

25 April 2017
Corriere della Sera

Bergoglio disarmato di fronte alla violenza

22 April 2017
SIR

Papa Francesco all’Isola Tiberina: Riccardi (Com. Sant’Egidio), “il grido dei rifugiati e il messaggio profondo del martirio al centro della visita”

22 April 2017
Avvenire

Papa Francesco. «I campi per i rifugiati non siano campi di concentramento»

alle pressemitteilungen
• GESCHEHEN
3 Dezember 2017

Incontro con Andrea Riccardi, oggi alle 12.15 e alle 20:30 a Soul, TV2000

Alle sitzungen des gebets für den frieden
• KEINE TODESSTRAFE
10 Oktober 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Oktober 2015
VEREINIGTE STAATEN

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Oktober 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 September 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 März 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

12 März 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

9 März 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

9 März 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 März 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

28 Februar 2015
VEREINIGTE STAATEN

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Februar 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Dezember 2014
MADAGASKAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

gehen keine todesstrafe
• DOKUMENTE

''Entente de Sant'Egidio'': Political Agreement for Peace in the Central African Republic

alle dokumente