change language
you are in: home - press review contact usnewsletterlink

Support the Community

  
April 3 2014

Africa: La lezione del Ruanda a 20 anni dall'eccidio

Costruiamo una cultura del vivere insieme perché non si ripeta nulla di simile

 
printable version

Sono passati vent`anni dal genocidio in Ruanda. Proprio il 6 aprile 1994 venne abbattuto l`aereo del presidente Habyarimana da parte degli estremisti hutu. Era l`inizio del massacro durato sino alla metà di luglio dello stesso anno. Cento terribili giorni: più di un milione di vittime, in larga parte tutsi, su una popolazione di poco superiore a sette milioni. Fu il genocidio dei tutsi. Li si voleva sradicare e distruggere.
In quei giorni la Radio Mille Collines e altre stazioni private martellavano la popolazione con messaggi di morte e istruzioni agli Interahamwe, le squadre assassine. Bisognava uccidere! Fare presto! Le truppe ruandesi appoggiarono quel massacro sistematico. Fu un`ubriacatura collettiva di odio assassino.
Gli hutu, vissuti normalmente in buoni rapporti con le famiglie tutsi, all`improvviso si scagliavano contro i vicini di etnia diversa e li uccidevano. I bambini hutu e tutsi avevano giocato insieme fino a quel momento. Poi si aprì un abisso. Persone normali si trasformarono in assassini, spronati da una propaganda folle. La convinzione tra gli hutu era che si doveva eliminare i tutsi per non essere eliminati da parte loro. Era una convinzione insensata, pagata con la vita di centinaia di migliaia di persone e con cento giorni di terrore.

UNA FEDE SMENTITA DAI FATTI. Questo genocidio è avvenuto nel cuore dell`Africa, in un Paese molto cattolico (lo è circa l`80 per cento dei cittadini). Intanto a Roma si stava tenendo il Sinodo dei vescovi africani sull`evangelizzazione: quel genocidio è stato una vera smentita del cattolicesimo del Paese. Giovanni Paolo II denunciò, implorò, ma invano. Hutu e tutsi sono cattolici. E non differiscono in niente, nemmeno nella lingua. Un hutu (assassino) ha raccontato: «Una volta abbiamo scovato un gruppo di tutsi tra i papiri. Aspettavano i colpi di machete pregando... li sfottevamo sulla bontà del Signore, scherzavamo sul paradiso che li attendeva».

Ho visitato il Kigali Memorial Centre: ho visto le bare degli uccisi assieme alle immagini di tanti orrori. Si leggono i nomi dei bambini tutsi assassinati, con notizie sui loro giochi e i loro gusti. Sono sopravvissuti 400.000 orfani. Intere famiglie sono state distrutte. La vittoria di Kagame ha fermato il genocidio e avviato il Paese alla stabilità. Si percepiscono ancora le gravi ferite.
Il 6 aprile non è solo un giorno di memoria ufficiale, ma un profondo lutto nazionale, dietro cui si percepisce la domanda: può accadere di nuovo? La storia è talvolta piena di amare sorprese. Bisogna prevenirle, costruendo una vera società del vivere insieme. Non solo in Ruanda, ma ovunque.


 ALSO READ
• NEWS
January 13 2009

News from BRAVO!: programme of birth registration for children in Ivory Coast and Rwanda

IT | EN | ES | DE | FR | PT
November 8 2011

Burkina Faso – Visit of the Minister for Territorial Administration at the formation courses for civil registrars

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
November 2 2011

Ouagadougou (Burkina Faso) – Launch of the first training course for civil registrars organized by Bravo! for the universal and free registration of births

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
May 17 2011

Monrovia (Liberia) - 200 children registered with Bravo: it is a hopeful beginning

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | RU
January 12 2011

Ouagadougou (Burkina Faso) - Bravo! gives cabinets and typewriters to the offices of civil status of all the municipalities in Burkina Faso

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
October 10 2010

Following the success of the "Bravo!" programme, with 3 million people legally registered in Burkina Faso, a memorandum of understanding to continue the campaign at national level signed in Rome today

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | SV
all news
• PRESS
May 1 2012
Corriere della Sera

Intervista al ministro Andrea Riccardi: «I cristiani perseguitati perché simbolo di pluralismo»

September 29 2011
Main.de

Würzburg-Hilfe kommt in Kenia an

November 26 2010
Noticias

Ampliado esforço para registar mais crianças

November 26 2010
Savana

Benvinda Levi deplora duplos registos:

July 11 2016
La Croix

Les projets de Sant’Egidio pour l’Afrique: entretien avec Marco Impagliazzo

all press releases
• NO DEATH PENALTY
October 31 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

October 12 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

September 20 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

September 20 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

go to no death penalty
• DOCUMENTS

''Entente de Sant'Egidio'': Political Agreement for Peace in the Central African Republic

Declaration of the African Union on the Republican Pact"

all documents

PHOTOS

1462 visits

1455 visits

1364 visits

1662 visits

1492 visits
all the related media