change language
you are in: home - press review contact usnewsletterlink

Support the Community

  
May 29 2015

Un sogno multiculturale che vive ancora

 
printable version

 Ventitré anni fa erano bersagli per la furia della disgregazione dei Balcani: chiese, moschee, sinagoghe dal 1992 al 1995 furono simboli dello scontro etnico, dentro Sarajevo, in Bosnia. Sarajevo, luogo della scintilla fatale che incendiò l'Europa con la prima guerra mondiale e, nel decennio finale del secondo millennio, dell'assedio delle forze serbo-bosniache. Sarajevo "Gerusalemme dei Balcani", paradigma di convivenza, che porta come stimmate le sue "rose", quella malta rossastra che riempie i vuoti scavati nelle strade dalle granate. Le incontri anche nei pressi della Cattedrale cattolica, poco distante dal mercato, simbolo di strage, in cui, il 5 febbraio 1994, furono uccise 68 persone.
Tre anni fa nei luoghi sacri di cristiani, ebrei e musulmani ritornò la vera identità della città. La Comunità di Sant'Egidio promosse e organizzò qui l'incontro "Vivere insieme è il futuro". Osservò Andrea Riccardi che si verificava l'incontro tra lo Spirito di Assisi e Sarajevo, la cui storia - aggiunse il fondatore della Comunità di Sant'Egidio - porta in sé «un'opposizione e una connaturalità» con quello slancio salvifico, che tornò - e ritorna - nella città distesa lungo una stretta vallata, percorsa da un fiume piccolo e dalle acque rapide. La bellezza di Sarajevo in cui Mitteleuropa e Oriente conoscono un'armonia felice, contrasta con il dato, amaro, di essere stata epicentro di due terribili conflitti: la prima guerra mondiale e quella più recente, locale ma altrettanto crudele. Eppure Sarajevo non rinuncia al futuro. Il giardino su cui guarda la chiesa serbo-ortodossa ospita una statua d'acciaio che rappresenta una figura umana mentre si solleva verso l'alto e porta con sé un messaggio, in italiano: "L'uomo multiculturale costruirà il mondo". Messaggio quanto mai attuale anche oggi in cui la Bosnia è divisa in due entità: la Federazione croato-musulmana e la Repubblica Srpska, territori punteggiati di edifici sacri, porte del cielo che le guerre volevano chiudere, serrare. Non ci sono riuscite.
All'inizio di maggio 150 studenti toscani, provenienti da Firenze, Livorno, Pisa, Pontedera e Lucca, accompagnati dalla Comunità di Sant'Egidio, sono volati a Sarajevo per un viaggio di solidarietà, a 20 anni dalla firma degli accordi di pace di Dayton e a 100 dall'ingresso dell'Italia nella prima guerra mondiale. «È bello vedere qui tanti giovani che sono speranza per l'Europa del futuro - ha detto loro il cardinate Vinko Pulijc, arcivescovo di Sarajevo-. È difficile spiegare cosa vuol dire sopravvivere alla guerra. Come pastore ho voluto dare speranza».
Una speranza da rafforzare davanti agli ostacoli. «La Sarajevo odierna - ha scritto lo storico Roberto Morozzo Della Rocca autore di "Cristiani a Sarajevo" (edizioni San Paolo) e di "Passaggio a Oriente" (Morcelliana) - è costituita da una realtà monolitica poco visibile al visitatore che si limiti a constatarne le apparenze monumentali, ossia come cattedrali, moschee e sinagoghe antiche facciano sempre bella mostra di sé le une accanto alle altre nel centro città». Oggi - aggiunge - «conformemente agli accordi di pace di Dayton del 1995, la Bosnia è uno Stato unico che si compone di due entità». All'interno della Federazione croato-musulmana si è originato un esodo dei cattolici che, per le discriminazioni, sono andati via a migliaia ogni anno. Pochi anni «sono bastati a dissolvere la Sarajevo multinazionale e multiconfessionale forgiata in una lunga appartenenza a formazioni statuali imperiali». Ma non è detto che questa sia l'ultima parola. l'Europa, con tutti i limiti, esercita una grande attrazione che rieduca, nonostante i limiti di questi anni, al gusto e alla necessità di stare insieme


 ALSO READ
• NEWS
October 4 2017
ROME, ITALY

A Conference remembering the 25 years from the signing of the peace in Mozambique: The Italian model that has given hope to Africa

IT | EN | DE | PT
October 4 2017

25 years of peace in Mozambique: the history of a country getting out of war and poverty

IT | EN | ES | DE | PT | ID
October 5 2016

5th October, World Teacher’s Day: All to school…of peace!

IT | EN | ES | DE | PT | RU | ID | HU
August 29 2016
NAIROBI, KENYA

Sant'Egidio in Nairobi to talk about peace, development and the right to care for all

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU | HU
March 2 2015

The appeal for reconciliation in the Central African Republic signed in Sant'Egidio: why is it important?

IT | EN | ES | FR | PT | UK
May 9 2014
KIEV, UKRAINE

Christians of different denominations invoke peace in Ukraine

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU | ZH | UK
all news
• PRESS
June 6 2015
Avvenire

La città da ricominciare

September 22 2016
Agencia Latinoamericana y Caribeña de Comunicación

Sed de paz en La Habana

July 1 2016
Vatican Insider

Impagliazzo: “Il sogno di un’Europa dei padri e dei figli che promuova la società del vivere insieme e la pace”

April 6 2015
AlfayOmega

Entrevista con Andrea Riccardi, fundador de la Comunidad de San Egidio

May 2 2014
Le Quotidien

Mediation - Résolution de la crise casamançaise: Sant’Egidio entrevoit une issue heureuse

all press releases
• EVENTI
November 6 2017 | MAPUTO, MOZAMBIQUE

Celebrare la memoria guardando al futuro. Con mons. Matteo Zuppi

November 5 2017 | TREVISO, ITALY

Preghiera per la pace. Presiede mons. Mario Salviato

All meetings of prayer for peace
• DOCUMENTS

''Entente de Sant'Egidio'': Political Agreement for Peace in the Central African Republic

Libya: The humanitarian agreement for the region of Fezzan, signed at Sant'Egidio on June 16th 2016 (Arabic text)

Nuclear Disarmament Symposium on the 70 th anniversary of the atomic bomb. Hiroshima, August 6 2015

all documents