change language
usted está en: home - selecciÓn de prensa cómo contactarnosnewsletterlink

Ayuda a la Comunidad

  
3 Abril 2014

Africa: La lezione del Ruanda a 20 anni dall'eccidio

Costruiamo una cultura del vivere insieme perché non si ripeta nulla di simile

 
versión para imprimir

Sono passati vent`anni dal genocidio in Ruanda. Proprio il 6 aprile 1994 venne abbattuto l`aereo del presidente Habyarimana da parte degli estremisti hutu. Era l`inizio del massacro durato sino alla metà di luglio dello stesso anno. Cento terribili giorni: più di un milione di vittime, in larga parte tutsi, su una popolazione di poco superiore a sette milioni. Fu il genocidio dei tutsi. Li si voleva sradicare e distruggere.
In quei giorni la Radio Mille Collines e altre stazioni private martellavano la popolazione con messaggi di morte e istruzioni agli Interahamwe, le squadre assassine. Bisognava uccidere! Fare presto! Le truppe ruandesi appoggiarono quel massacro sistematico. Fu un`ubriacatura collettiva di odio assassino.
Gli hutu, vissuti normalmente in buoni rapporti con le famiglie tutsi, all`improvviso si scagliavano contro i vicini di etnia diversa e li uccidevano. I bambini hutu e tutsi avevano giocato insieme fino a quel momento. Poi si aprì un abisso. Persone normali si trasformarono in assassini, spronati da una propaganda folle. La convinzione tra gli hutu era che si doveva eliminare i tutsi per non essere eliminati da parte loro. Era una convinzione insensata, pagata con la vita di centinaia di migliaia di persone e con cento giorni di terrore.

UNA FEDE SMENTITA DAI FATTI. Questo genocidio è avvenuto nel cuore dell`Africa, in un Paese molto cattolico (lo è circa l`80 per cento dei cittadini). Intanto a Roma si stava tenendo il Sinodo dei vescovi africani sull`evangelizzazione: quel genocidio è stato una vera smentita del cattolicesimo del Paese. Giovanni Paolo II denunciò, implorò, ma invano. Hutu e tutsi sono cattolici. E non differiscono in niente, nemmeno nella lingua. Un hutu (assassino) ha raccontato: «Una volta abbiamo scovato un gruppo di tutsi tra i papiri. Aspettavano i colpi di machete pregando... li sfottevamo sulla bontà del Signore, scherzavamo sul paradiso che li attendeva».

Ho visitato il Kigali Memorial Centre: ho visto le bare degli uccisi assieme alle immagini di tanti orrori. Si leggono i nomi dei bambini tutsi assassinati, con notizie sui loro giochi e i loro gusti. Sono sopravvissuti 400.000 orfani. Intere famiglie sono state distrutte. La vittoria di Kagame ha fermato il genocidio e avviato il Paese alla stabilità. Si percepiscono ancora le gravi ferite.
Il 6 aprile non è solo un giorno di memoria ufficiale, ma un profondo lutto nazionale, dietro cui si percepisce la domanda: può accadere di nuovo? La storia è talvolta piena di amare sorprese. Bisogna prevenirle, costruendo una vera società del vivere insieme. Non solo in Ruanda, ma ovunque.


 LEA TAMBIÉN
• NOTICIAS
23 Diciembre 2011

Pajule (Uganda del Norte) - Unos 200 niños obtienen el certificado de nacimiento

IT | ES | DE | PT | CA | NL | RU
8 Noviembre 2011

Burkina Faso – Visita del ministro de Administración Territorial a los cursos de formación para funcionarios del registro civil

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
2 Noviembre 2011

Uagadugú (Burkina Faso) – Inaugurado el primer curso de formación para los funcionarios del registro civil organizado por Bravo! para la inscripción universal y gratuita de los nacimientos

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
18 Octubre 2011

Adopciones a distancia: vacaciones en el mar para los niños de la casa familia de Antananarivo (Madagascar)

IT | ES | DE | CA | NL | RU | UK
6 Septiembre 2011

"¡Bravo!", la campaña de inscripción gratuita de nacimientos, ha llegado a Mozambique

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU
17 Mayo 2011

Monrovia (Liberia) – Se han inscrito con el programa Bravo! 200 niños: es un inicio que ayuda a mucha gente a mantener la esperanza

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | RU
todas las noticias
• PRENSA
1 Mayo 2012
Corriere della Sera

Intervista al ministro Andrea Riccardi: «I cristiani perseguitati perché simbolo di pluralismo»

29 Septiembre 2011
Main.de

Würzburg-Hilfe kommt in Kenia an

26 Noviembre 2010
Noticias

Ampliado esforço para registar mais crianças

26 Noviembre 2010
Savana

Benvinda Levi deplora duplos registos:

11 Julio 2016
La Croix

Les projets de Sant’Egidio pour l’Afrique: entretien avec Marco Impagliazzo

todos los comunicados de prensa
• NO PENA DE MUERTE
31 Octubre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Octubre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Septiembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Septiembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

ir a ninguna pena de muerte
• DOCUMENTOS

Comunicado de prensa contra los linchamientos en Mali

todos los documentos

FOTOS

1517 visitas

1459 visitas

1509 visitas

1462 visitas

1455 visitas
todos los medios de comunicación afines