Riccardi Andrea: en la web

Riccardi Andrea: en las redes sociales

Riccardi Andrea: revista de prensa

change language
usted está en: home - selecciÓn de prensa cómo contactarnosnewsletterlink

Ayuda a la Comunidad

  

Roma

26 Julio 2017

Il libro: "E adesso la palla passa a me". Antonio Mattone racconta la sua esperienza di volontario nel carcere di Poggioreale

Alla ricerca della dignità perduta

 
versión para imprimir

Tutti dentro. Non è un delirio giustizialista ma un appello accorato, quello che Antonio Mattone lancia con "E adesso la palla passa a me" (Guida): dieci anni di volontariato nel carcere di Poggioreale testimoniati da una cinquantina di articoli usciti sul quotidiano "Il Mattino" e raccolti nel volume che si presenta oggi alle 17,30 nella sala del refettorio di San Domenico Maggiore. Con l'autore ci saranno il giornalista Antonio Manzo, il sottosegretario alla Giustizia, Gennaro Migliore e Stefania Tallei, della Comunità di Sant'Egidio. L'assessore alla cultura Nino Daniele saluterà gli intervenuti che saranno moderati da Alessandro Milone, mentre le letture sono affidate a Maria Castronuovo e all'attore Gennaro Silvestro.
In un paese come l'Italia, in cui i detenuti sono circa 60mila, parlare di carcere significa imbattersi in problematiche relative al sovraffollamento degli istituti, all'inadeguatezza delle strutture, agli effetti nefasti dell'inattività prolungata, alla presenza, sempre più numerosa di extra
comunitari senza famiglia.
Una realtà complessa e difficile nella quale Mattone si muove con delicatezza e rispetto, nella consapevolezza che se, come recita la Costituzione, le pene "non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato", allora la società non può non interessarsi a quello che avviene dietro le sbarre.
Perché se il carcere non rieduca, inevitabilmente diventa un incubatore di criminali, pronti nuovamente ad agire nell'illegalità, non appena le loro condanne sono state eseguite. Infatti, il carcere, così com'è oggi in Italia, "è cancerogeno", scrive Mattone con un'espressione molto efficace. Quali le proposte per spezzare il circolo vizioso che proprio nel carcere vede il suo catalizzatore? Non è l'autore a fornirle, ma il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, che ha firmato la prefazione del libro: si tratta sia di favorire le misure alternative alla detenzione, sia di incoraggiare il lavoro e lo studio in carcere, ma anche di lavorare sulla sburocratizzazione e sullo svecchiamento del linguaggio che, per come viene praticato all'interno delle case circondariali, è infantile e mortificante.
Invece, il compito che Mattone si pone è quello di accompagnare il lettore dentro la realtà carceraria, in modo da avvicinarlo a un mondo che, pur nella sua separatezza, gli è molto più vicino di quanto egli stesso non creda. Perché dietro quelle mura alte e spesse ci sono degli uomini: condannati molti, in attesa di giudizio tanti, in custodia cautelare troppi. Tutti accomunati da una colpevolezza accertata o da verificare, è vero, ma innanzitutto "uomini". Ed è verso questa "umanità dolente" che si dirige lo sguardo attento di Mattone. Che, non a caso, usa un'espressione dantesca. Solo che qui, "la città dolente", come il poeta chiamava l'Inferno, non si trova nell'altro mondo ma è la realtà, concreta e tangibile, del carcere.
Mattone vi si avvicina, prima con circospezione da neofita e poi con sempre maggior confidenza, ogni volta con compassione e sollecitudine: non da giudice, ma da amico.
È il senso evangelico delle opere di misericordia che Mattone mette in atto: membro storico della Comunità di 
Sant'Egidio, l'autore vive il suo cristianesimo con passione e determinazione. La sua non è una carità sdolcinata e umiliante: quello che gli interessa è aiutare i detenuti a non dimenticare di essere uomini.
Non si tratta allora di offrir loro una spalla su cui piangere, ma soprattutto di regalare un momento di serenità: il pranzo di Natale, lo show di un cantante famoso, la visita di una personalità importante rappresentano una boccata d'aria luminosa nel grigiore stagnante della vita in cella. Forse il primo passo verso il recupero della dignità perduta. Si spiega così anche il titolo del libro: «E adesso la palla passa a me» l'ha detto a Mattone un detenuto sul punto di essere scarcerato. Un'esplicita ammissione di responsabilità nei confronti dell'unica partita che meriti di essere giocata fino in fondo, quella della vita.
Un libro coraggioso perché punta l'obiettivo là dove gli altri girano gli occhi. Su coloro che dai più vengono guardati con disprezzo e considerati rifiuti sociali. Su coloro che, essendo privati dei diritti politici, non garantiscono voti e quindi non sono interes
santi per chi aspira a consolidare il proprio potere. Su coloro verso i quali, risulta anzi più conveniente, da un punto di vista strettamente elettorale, dichiararsi spietati.
Mite nei toni ma lucido nei contenuti, "E adesso la palla passa a me" fotografa un universo tragico davanti al quale l'autore non si sente, in quanto uomo, di rimanere indifferente. E così fa una scelta di campo: si schiera dalla parte degli ultimi, dei miseri, dei reietti riconoscendo loro la dignità di uomini. E così indica la via per un riscatto possibile.
Un riscatto per i detenuti, che solo partendo dalla dignità ritrovata possono pensare a ritornare nella società da cittadini liberi e disposti a vivere nel rispetto della legge.
Un riscatto per la società intera che, lasciandosi inquietare dalla testimonianza di Mattone, deve darsi da fare a trovare, per arginare la delinquenza, soluzioni diverse dal "mettiamoli dentro e buttiamo la chiave". Magari rispondendo a
quella che rimane la più straordinaria provocazione di Cristo: "Chi è senza peccato, scagli la prima pietra".


 LEA TAMBIÉN
• NOTICIAS
7 Noviembre 2016

Donde se responde a la violencia con el perdón, allí también el amor que derrota toda forma de mal puede conquistar el corazón de quien se ha equivocado.

IT | EN | ES | DE | FR | PT
16 Junio 2017
JOS, NIGERIA

Sant'Egidio lleva agua corriente a la cárcel de menores de Jos (Nigeria)

IT | ES | DE | FR
3 Mayo 2017
ABUJA, NIGERIA

Nigeria: entrega de ayudas a las mujeres detenidas en la cárcel de Suleja

IT | EN | ES | DE | PT | NL
24 Abril 2017
BUKAVU, REPÚBLICA DEMOCRÁTICA DEL CONGO

En el Congo Sant'Egidio celebra la Pascua liberando algunos jóvenes presos de la cárcel de Bukavu

IT | ES | FR | PT | NL | RU | HU
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBIQUE

Alimentos y rosas en la cárcel de mujeres de Ndlavela de Mozambique, donde la pobreza es también abandono

IT | ES | DE | PT
9 Septiembre 2016
DOUALA, CAMERÚN

El papa Francisco, a los presos de Douala: 'Es hermosa, su Puerta Santa: el material es humilde pero la iniciativa es noble'

IT | ES | DE | FR
todas las noticias
• PRENSA
23 Septiembre 2017
L'Osservatore Romano

Solitudine e riscatto nel carcere - Corsa verso il mare

21 Agosto 2017
Roma

Vita e morte nei racconti dì Mattone

26 Julio 2017
Roma

La Comunità di Sant'Egidio porta in carcere musica e gelato

2 Abril 2017
La Vanguardia

La Michelin de los pobres

14 Julio 2016
AlfayOmega

Las periferias y el futuro del cristianismo

todos los comunicados de prensa
• EVENTOS
25 Agosto 2017 | MAPUTO, MOZAMBIQUE

Presentazione a Maputo dell'edizione portoghese de ''Il prezzo di due mani pulite''

Todas las reuniones de oración por la paz
• DOCUMENTOS

La GUÍA "DÓNDE comer, dormir, lavarse" 2016

todos los documentos
• LIBROS

Periferias





San Pablo
todos los libros

FOTOS

668 visitas

241 visitas

646 visitas

655 visitas

227 visitas
todos los medios de comunicación afines