change language
anda berada di: home - kliping berita newsletterlink

Support the Community

  
23 Februari 2014

La Comunità di Sant'Egidio ha ricordato Elisa e i poveri morti per strada a Napoli

In memoria de gli "Gli amici di strada"

 
versi cetak

 Elisa, Aleksandra, Ciro, Schevchek, Ringa, Samuel, Giusi, Claudio e tanti altri. Sono i nomi delle persone che avevano la strada come casa e che in questi anni hanno perso la vita. Da 16 anni la Comunità di Sant'Egidio ne fa memoria, come si ricorda un familiare, un parente stretto. Li chiamano senza dimora, barboni, clochard, homeless. In realtà sono persone. Quest'anno sono quattro le celebrazioni liturgiche dove sono stati pronunciati i 215 nomi di quelli che non ci sono più. Ad Aversa, nella chiesa dei Ss. Filippo e Giacomo, a Napoli nelle chiese del centro storico di San Pietro martire, e Ss. Filippo e Giacomo. Infine l'8 marzo nella chiesa di S. Maria Assunta in Cielo di San Giovanni a Teduccio. Nella messa celebrata a San Pietro martire, sede della Comunità di Sant'Egidio, alla presenza di tanti "amici di strada", don Giuseppe Mazzafaro dopo aver portato i saluti e l'abbraccio del Cardinale Sepe ha ricordato «gli amici che non ci sono più ma che ora sono accolti nella misericordia  di Dio, come il povero Lazzaro».

C'erano anche tanti volontari e rappresentanti  delle associazioni che operano nel settore. Per ogni senza dimora deceduto è stata accesa una candela, segno della vita. Elisa è stata la prima. Conosciuta nel 1992, viveva nei pressi della Stazione Centrale di piazza Garibaldi. E' morta il 17 febbraio 1997. Era una donna confusa, ma si ricordava di tutti.  «Siete i miei nipoti», diceva ai volontari di Sant'Egidio che la andavano a trovare. Samuel, uno degli ultimi. Aveva il suo giaciglio nei pressi di piazza Municipio. Di lui ha tanto parlato la stampa, ma non ha ancora avuto sepoltura perché non è stato identificato. Questa vicenda fa emergere in modo emblematico la problematica dei riconoscimenti delle identità delle persone morte, che talvolta restano per mesi e mesi in attesa della degna sepoltura.

La povertà aumenta e con essa le persone che da un giorno all'altro finiscono per strada. Quest'anno ce n'erano tante ben vestite. Dopo la messa è stato offerto un grande pranzo grazie all'aiuto del Consorzio della mozzarella di bufala, del Catering Rianna di San Giuseppe Vesuviano, del ristorante Amico Bio e del tarallificio Leopoldo. Usciti dalla chiesa i senza fissa dimora si imbattono nella maratona cittadina. La competizione è appena finita. Ma loro continuano la gara della sopravvivenza, che nella nostra città si fa sempre più dura.  


 JUGA MEMBACA
• BERITA
26 Mei 2011

Lima (Peru) - "The Party for Hope" with friends living on the street

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | RU
25 Maret 2011

Wurzburg (Germany) - Ecumenical prayer to remember all those who have been living and died in the street

IT | EN | DE | FR | PT | NL
berita semua
• PRINT
29 Februari 2016
La Vanguardia

Sant Egidi es revolucionario

22 Maret 2015
Avvenire

Il monito. «Mai più morti per l'indifferenza»

2 April 2017
La Vanguardia

La Michelin de los pobres

2 Maret 2016
La Vanguardia

Sant Egidi presenta ‘la guía Michelin de los pobres’

2 Maret 2016
El Punt

Sant Egidi reclama pisos per allotjar 1.400 sense llar

29 Februari 2016
La Vanguardia

¿Quién se acordará de mí?

semua rilis pers
• ACARA
3 Desember 2017 | NAPLES, ITALIA

Liturgia eucaristica di inizio dell'Avvento dedicata ai disabili

23 November 2017 | NAPLES, ITALIA

Napoli: presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace''

Semua pertemuan doa untuk damai
• DOKUMEN

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Dove Napoli 2015

Le persone senza dimora a Roma

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Padova 2014

semua dokumen

FOTO

244 kunjungan
semua media terkait