Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - rassegna stampa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

15 Gennaio 2013

Giuseppe, 14 anni. Un ... Quasi-Testamento per la Pace

 
versione stampabile

Ho visto Giuseppe sulle foto, l'ho incontrato tra le lacrime degli occhi di mamma, papà, Veronica e dei suoi amici di scuola e paesani. Ho letto di lui e ho letto lui. Ho sentito parlare di lui. Giuseppe bello, Giuseppe intelligente e vivace, Giuseppe... un amore e di più. Giuseppe è un adolescente di Calabria che, nel giugno 2012, è stato promosso all'esame di terza media e si prepara alla Scuola Superiore. Giuseppe va al Camposcuola della Parrocchia. Si diverte e vive da amico l'esperienza.

©Rogate ergo

Torna a casa e una malattia in pochi giorni se lo porta via. Vorrei dedicare questa pagina della pace a questo figlio speciale e dolce, lasciandolo parlare da una di quelle pagine che a 14 anni si scrivono con coscienza o incoscienza adolescenziale. Ma è molto bello ascoltare, in un mondo come il nostro che consuma tragicità sotto gli occhi dei ragazzi, il grido semplice quasi scontato (ma non lo è!) di un... ragazzino di terza media che dal cielo sussurra così. Il 13 marzo 2012, a scuola, su un foglio bianco, l'alunno Giuseppe Giampà, di fronte alla provocazione "Disegna o descrivi la pace che superi le diffidenze e le discriminazioni per costruire un futuro di pace", scrive: Discriminazione, un problema che, ai nostri giorni, non trova soluzione.

Parlare con amore, affetto, solidarietà, accettazione delle diversità fanno parte dell'umanità, però poi non si riflettono sul comportamento, nel modo di fare e di stare con gli altri nella quotidianità. Che fine ha fatto la nostra umanità?... A vedere... mi sa che si è trasformata in avidità. Quando pensiamo a questi episodi, pensiamo sempre a un luogo lontano. Invece, se ci giriamo intorno, ce li troviamo a portata di mano. Perché escludere, emarginare, quando potremmo vivere in un mondo dove si potrebbe amare? Dove non ci sono più differenze tra bianco e nero e dove protagonista diventa l'amore vero. Come sarebbe bello andare per strada, guardarsi in giro e sperare di non incontrare gente che ti 'etichetta': chi è pachistano, rumeno, marocchino o italiano. Siamo nel 21° secolo e non accettiamo la diversità, eppure, non siamo esseri umani che vivono qui e là? Non dovremmo odiarci, ma pensare soprattutto per i giovani e al domani.

E poi è bello vivere in un mondo interculturalee pieno di uomini sani. Dove si può conoscere una nuova cultura e un nuovo modo di parlare, dove potersi controllare, senza ripudiare, ma esprimendo la propria opinione e ascoltare. Perché il mondo non è solo nostro, ma di tutti, dove non si escludono né belli, né brutti. Questo è il mondo che ci piace... per costruire un futuro di Pace. Giuseppe profondo, Giuseppe poeta, Giuseppe, dal cielo, ci invita a una pace che sa di concretezza semplice e pura come i suoi occhi di bambino che diventa giovane.

La Pace non è solo il problema dei potenti della terra, ma è il desiderio e il progetto dei ragazzi che si aprono alla storia. Giuseppe ha capito che non bastava un disegno o delle parole. Ma ha fatto un... disegno di parole che ci insegnano a rinnovare la vita facendo la pace nel quotidiano soprattutto, come diceva anche don Tonino Bello, nella convivialità delle differenze. Pace significa ascoltare i bambini, i ragazzi, i giovani: essi non ci perdoneranno mai le guerre. Essi sono per la pace. I ragazzi sono la Pace e i maestri della Pace. Ciao Giuseppe, piccolo grande profeta di pace nel tuo breve passaggio su questa terra.

www.giosycento.it 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Dicembre 2011

Solidarietà e ecologia: torna Il "Rigiocattolo". Appuntamenti in Italia e nel mondo

IT | ES | DE | FR | CA
16 Agosto 2011

Conakry (Guinea Conakry): I bambini e i ragazzi adottati a distanza alla Festa del Paese dell’Arcobaleno

5 Agosto 2011

Adozioni a distanza e diritto allo studio: in Indonesia 27 tra i primi ragazzi "adottati" oggi frequentano l'università

IT | ES | DE | CA | NL
8 Luglio 2011

Garoua (Camerun):Alla Scuola della Pace si impara ad essere solidali con i più poveri: una visita ai bambini abbandonati nell'istituto pubblico della città

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
4 Luglio 2011

Jakarta (Indonesia) - In tanti si sono raccolti nella manifestazione del Paese dell'Arcobaleno per dire "Io amo la Pace"

IT | DE | FR | NL | ID
10 Giugno 2011

Manila (Filippine) - In festa con i bambini della Scuola della Pace di Cainta

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | RU
tutte le news
• STAMPA
19 Febbraio 2014
Famiglia_Cristiana.it

Fuori dall'ombra con Sant'Egidio

5 Marzo 2014
Il Messaggero

Quell'esercito di disperati che sopravvive come può

9 Febbraio 2014
Corriere Mercantile

Sant'Egidio, 46 anni di solidarietà

7 Febbraio 2014
Avvenire

Sant'Egidio. Becciu: tra i poveri, per i poveri

7 Febbraio 2014
L'Osservatore Romano

Per una Chiesa in uscita

13 Giugno 2014
AICA

El papa Francisco visitará el domingo a la Comunidad de San Egidio

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Messaggio del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, inviato al Summit Intercristiano di Bari 2015

Marco Impagliazzo

Saluto di Marco Impagliazzo alla liturgia di ringraziamento per il 47° anniversario della Comunità di Sant’Egidio

Omelia del Card. Jaime Lucas Ortega y Alamino, arcivescovo dell’Havana, alla liturgia di ringraziamento per il 47° anniversario della Comunità di Sant’Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

Alla Scuola della Pace





San Paolo

Elogio dei poveri





Francesco Mondadori
tutti i libri

FOTO

997 visite

1042 visite

959 visite

986 visite

971 visite
tutta i media correlati