change language
sei in: home - rassegna stampa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
15 Novembre 2013

La lezione laica sulla cultura dell'incontro

 
versione stampabile

Le visite dei papi al Quirinale sono state sempre momenti significativi, a partire  da quella di Pio XII a re Vittorio Emanuele III nel 1939. Sembrò sorprendente, nonostante  la Conciliazione del 1929, che un papa ritornasse nella dimora lasciata da Pio IX nel 1870 e divenuta reggia dei Savoia. Pio XI aveva ricevuto il re in Vaticano, ma non si recò mai al Quirinale. Pio XII, in quel tragico 1939, lavorava perché l'Italia restasse fuori dal conflitto mondiale. Era lo scopo di un passo inedito. Ma Mussolini non andò al Quirinale. Bisogna aspettare papa Giovanni per ritrovare, con serenità, un Pontefice nel Quirinale, non più reggia, ma «casa comune di tutti gli italiani » (come l'ha chiamata Giorgio Napolitano con bella espressione). Pure Paolo VI si è recato al Quirinale (lui che, nei viaggi, non visitava mai le sedi dei capi di Stato). Sono seguite tre visite di papa Wojtila e due di papa Ratzinger. Ormai il papa visita ogni presidente al Quirinale. Negli anni della Repubblica, queste visite si sono collocate in due diversi scenari politici. Il primo, con un grande partito cattolico, era quello di una laicità particolare, in cui gli uomini della Dc - talvolta con decisione e sempre con ossequio - gestivano direttamente i rapporti con il Vaticano e il mondo cattolico, che rappresentavano politicamente. Se Arturo Carlo Jemolo parlava di «regime clericale», oggi si rivaluta la laicità di quegli anni, a partire da De Gasperi, senza dimenticare Pantani e Moro. Dopo la fine della Dc si profila un'altra stagione: i vertici della Cei, con la presidenza del cardinale Ruini, hanno assunto una rappresentanza più marcata del cattolicesimo nel contatto con la politica e, in particolare, con Berlusconi che sembrava meglio garantire interessi e valori della Chiesa. Il presidente Luigi Scalfaro, un cattolico al Quirinale dal 1992 al 1999, fu assai critico verso questo orientamento. Ormai questo scenario si è consumato, già dagli ultimi tempi di Benedetto XVI. Grandi cambiamenti sono avvenuti sulla scena politica (tra cui la crisi del berlusconismo). E papa Francesco ha inaugurato un nuovo scenario anche nel rapporto con l'Italia. La visita di papa Francesco è molto significativa, perché ha rappresentato un'espressione matura di un rinnovato orizzonte di relazioni tra la Chiesa e la società italiana.

Il papa, così poco monarca e poco addossato alla politica, ha ribadito l'interesse peculiare della Chiesa e suo per l'Italia. Ha confermato, parlando al Quirinale, il quadro tradizionale (sereno dei rapporti tra le due rive del Tevere, ma ha anche manifestato il senso simbolico della visita al palazzo del presidente: «Vorrei idealmente bussare alla porta di ogni abitante di questo Paese, dove si trovano le radici della mia famiglia terrena, e offrire a tutti la parola risanatrice e sempre nuova del Vangelo». Gli italiani sono importanti per il papa. Egli li guarda con gli occhi del vescovo di Roma e del primate d'Italia. L'Italia credente e quella laica gli interessano. Viene al Quirinale come un grande leader religioso, ma anche come un vescovo del nostro Paese. Il papa resta un evangelizzatore, che non vuol dire qualcuno che fa proselitismo, ma un testimone del Vangelo e un uomo di dialogo. Nell'accoglierlo, Giorgio Napolitano ha dato un rilevante saggio della laicità italiana. Le sue parole hanno illustrato la simbolicità della visita (non rituale). Il messaggio va al di là della contingenza e resta un'acquisizione per la storia repubblicana. Il presidente ha parlato di «rapporti essenziali» tra l'Italia, la Chiesa e la Santa Sede, radicati nella Costituzione repubblicana (e la sua particolare recezione della Conciliazione). Ha espresso grande considerazione per l'impegno dei cattolici italiani per i poveri, nella lotta contro quei «mali estremi» - ha detto - «da un lato la disperante condizione dei giovani privi di lavoro, che vengono come "schiacciati sul presente", e dall'altro la solitudine in cui vengono lasciati i vecchi».

Ma la Chiesa per Napolitano non è solo un importante agente sociale. Il presidente ha parlato del messaggio del papa come fonte d'ispirazione civile: «Quanto siamo lontani nel nostro Paese da quella "cultura dell'incontro" che Ella ama evocare, da quella Sua invocazione 'Dialogo, dialogo, dialogo"». Ne ha tratto insomma una lezione laica per la classe politica: «E tempo di levare più in alto lo sguardo, di riguadagnare lungimiranza e di portarci al livello di sfide decisive che dall'oggi già si proiettano sul domani», ha detto a una politica stanca e rissosa. La laicità italiana, fondata sulla distinzione tra lo Stato e la Chiesa, è anche un'originale circolazione di idee e valori, costitutiva di quella cultura del - l'incontro che esprime il meglio dell'Italia. Così l'abbiamo vista ieri al Quirinale, raramente la troviamo nella cronaca politica. 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
13 Febbraio 2016
L'AVANA, CUBA

L'abbraccio tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill a Cuba. Video e approfondimenti

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
12 Marzo 2016

Tre anni con papa Francesco, per costruire ponti e non muri. Il dono di un nuovo slancio missionario.

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
15 Giugno 2014
ROMA, ITALIA

Domenica 15 giugno papa Francesco visita la Comunità di Sant'Egidio. L'incontro con i poveri al centro della giornata

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU | ID | PL | HU | CS | ZH | UK
18 Febbraio 2014

"La Chiesa di papa Francesco". Video intervista ad Andrea Riccardi

IT | ES | FR | PT
10 Novembre 2015

Andrea Riccardi sulle parole del Papa a Firenze: "Un invito al cambiamento insieme ai poveri, risorsa per la Chiesa"

tutte le news
• STAMPA
6 Marzo 2016
La Vanguardia

El Papa alaba "el signo de paz" del proyecto italiano de pasillo humanitario para traer mil refugiados sirios en 2 años

30 Ottobre 2017
Notizie Italia News

Il tempo del dialogo, 500 anni dopo ...

22 Maggio 2017
Corriere della Sera

Quei cardinali «di periferia» scelti dal Papa

11 Maggio 2017
Famiglia Cristiana

Il dialogo: scelta non debole ripiego

21 Marzo 2017
Clarín

El Papa Francisco, los refugiados y los corredores humanitarios

21 Settembre 2016
Diario Co Latino

“Las Iglesias solo queremos la paz”: Jaime Aguilar

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
4 Ottobre 2015
STATI UNITI

Il Governatore del Missouri commuta la condanna di Kimber Edwards

24 Settembre 2015
STATI UNITI

Papa Francesco al Congresso Usa: “Abolite la pena di morte. La vita è sacra!"

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

3 Luglio 2014
FILIPPINE

Filippine. I vescovi: no al ripristino della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Intervento di Jaime Aguilar, della Comunità di Sant'Egidio di San Salvador

tutti i documenti