Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - rassegna stampa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
2 Gennaio 2017

Corteo dalla Nunziata a San Lorenzo, attraverso le barriere antiterrorismo

Marcia della pace, in 1.500 con i profughi

Chiappori (Sant'Egidio): «Il cristiano non è uomo in pace ma uomo di pace»

 
versione stampabile

Un corteo di festa, colori e palloncini, sotto un cielo plumbeo che ha salutato il 2017. Mentre dal mondo rimbalza l'immagine di un Capodanno di sangue, con l'attentato di Istambul, a Genova c'è - ancora - chi marcia per la pace. «La pace è un dono di Dio, comincia dal cuore di ognuno di noi e si espande piano piano. - ha spiegato il cardinale Angelo Bagnasco, proprio durante il corteo - Se aspettiamo le grandi soluzioni forse aspettiamo invano. Speriamo che quest'anno attraverso i vari canali internazionali si arrivi a stabilire più zone di pace rispetto a quelle di oggi».
Tante mani bianche, marroni e nere a reggere lo striscione "La pace è il futuro" che apriva, ieri pomeriggio, la "Marcia per la pace" organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio. Più di un migliaio, i partecipanti, in gran parte provenienti dal mondo del volontariato. E con loro tanti migranti ospitati nei centri d'accoglienza genovesi, in parte profughi scappati proprio da zone di guerra. Hanno fatto lo slalom tra i new jersey di cemento piazzati la sera prima per esorcizzare lo spettro dell'attentato terroristico di Berlino. Un'immagine simbolica, quella del serpentone di persone che superava le barriere della città impaurita, reggendo i palloncini colorati. Per aprire il nuovo anno con una speranza di pace in più. «Ormai la guerra è tornata ad essere uno strumento come altri a disposizione degli Stati», è la riflessione amara del responsabile della Comunità di Sant'Egidio Andrea Chiappori.
Il corteo ha percorso la distanza tra piazza della Nunziata e la cattedrale di San Lorenzo. In chiesa, ha parlato Chiappori: «Essere cristiani non è mai una cosa facile o scontata. Il cristiano non è un uomo in pace, ma un uomo di pace. Fare la pace, attivamente, deve essere la nostra vocazione. Dobbiamo sempre chiederci cosa possiamo fare in più, non accontentarci di come stanno le cose».
Dopo il suo discorso c'è stata la testimonianza di una donna della parrocchia di Ventimiglia che ha accolto i rifugiati al confine con la Francia, nella difficile estate della cittadina. «Avevo chiesto al Signore di poter andare in Africa come volontaria e il Signore mi ha portato l'Africa sottocasa. Sono loro che aiutano noi», ha detto la donna. Mentre un'altra volontaria della Comunità, Elisa, ha parlato della necessità del volontariato e dell'impegno diretto nelle periferie: «Le scuole della pace sono state la porta con cui tanti giovani periferici hanno trovato la Comunità di Sant'Egidio. Nelle periferie non troviamo lotta di classe o una violenza orientata socialmente, ma tanta solitudine. E la violenza diventa solo uno sfogo, per chi non sa come riempire quel vuoto. Oggi si deve lavorare nelle periferie per sostenere la scuola,far sentire ai giovani che la Chiesa è vicina, riempire il vuoto».
A concludere la cerimonia, nella chiesa della Nunziata, prima del corteo, le parole del cardinale Angelo Bagnasco che ha ricordato l'importanza di mobilitazioni non violente: «La non violenza è razionale, e ragionevole. Vale quindi per tutti, non solo per i credenti - ha detto l'arcivescovo di Genova - La non violenza è un "di più" che da soli non sappiamo darci e che viene da Dio. Questo vuol dire non scoraggiarci davanti ai nostri insuccessi, non possiamo chiuderci nei nostri recinti ed il mondo vada come vada. La grazia non è qualcosa che ci deresponsabilizza, perché il vero campo di battaglia è il cuore umano».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
16 Marzo 2017
GENOVA, ITALIA

Anziani, senza casa: ma tutto può cambiare! Succede a Genova

15 Marzo 2017

La forza disarmata della pace, il nuovo libro di Andrea Riccardi in libreria

IT | PT
4 Marzo 2017
GENOVA, ITALIA

A Genova DOVE mangiare dormire e lavarsi se si è poveri? E' disponibile la nuova guida. Anche online

28 Febbraio 2017
GENOVA, ITALIA

La storia del piccolo Abdul, dai bombardamenti in Siria a una nuova vita in Italia

IT | NL
28 Febbraio 2017

L'Abuna Matthias, patriarca della Chiesa etiope, ha scritto una lettera alla Comunità all'indomani della sua visita

IT | EN | ES | DE | FR
9 Febbraio 2017

Sant'Egidio fa festa per i 49 anni con il popolo della Comunità

IT | ES | DE | FR | PT | CA
tutte le news
• STAMPA
27 Marzo 2017
Corriere di Novara

Marcia della pace dei bambini mercoledì a Novara

14 Marzo 2017
Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Per una nuova cittadinanza globale. La conoscenza strumento di pace

11 Marzo 2017
La Repubblica - Ed. Genova

Raddoppiati i bambini tra i nuovi poveri

9 Marzo 2017
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: Guerra fredda? No, molto peggio

2 Febbraio 2017
Il Secolo XIX

Gli anziani siano un'opportunità, non un problema

19 Gennaio 2017
ANSA

Coperte per senzatetto raccolte a Genova

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
29 Marzo 2017 | NOVARA, ITALIA

Marcia di pace dei bambini 2017

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

La Guida Dove mangiare, dormire, lavarsi - Genova 2016: alcuni dati

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Genova 2016

Appello di Pace 2016

Nuclear Disarmament Symposium on the 70 th anniversary of the atomic bomb. Hiroshima, August 6 2015

tutti i documenti
• LIBRI

La forza disarmata della pace





Jaca Book

Religioni e violenza





Francesco Mondadori
tutti i libri