Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - rassegna stampa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
10 Febbraio 2017

L'arcivescovo Becciu per l'anniversario di Sant'Egidio

Una presenza vivace

Andate avanti su questa strada preghiera, poveri e pace. E camminando cosi aiutate a far crescere la compassione

 
versione stampabile

Continuare a lavorare tenacemente «per la pace, la riconciliazione, il dialogo fraterno con i membri delle varie religioni»: è quanto ha raccomandato l'arcivescovo Angelo Becciu sostituto della Segreteria di Stato, alla comunità di Sant'Egidio, nel quarantanovesimo anniversario della fondazione. Nella circostanza il presule ha celebrato la messa nella basilica di San Giovanni in Lacerano alla presenza soprattutto di studenti, lavoratori, anziani e senza fissa dimora, profughi, immigrati, volontari, amici collaboratori della Comunità, guidati dal presidente Marco Impagliazzo e dal fondatore Andrea Riccardi.
«Presenza vivace creativa nella Chiesa di Roma» - ha ricordato monsignor Becciu - 
Sant'Egidio «gradatamente si è diffusa in tante altre Chiese nel mondo» dilatando il raggio d'azione «non soltanto geograficamente, ma anche nella molteplicità delle iniziative e delle opere». Non è stato, ha spiegato, «un progetto programmato a tavolino. Con apertura e generosità vi siete lasciati guidare dallo Spirito che, attraverso le circostanze più varie, vi ha aperto strade sempre nuove, dilatando i vostri orizzonti su quelli stessi della Chiesa».
Commentando le letture della liturgia, il celebrante ha ricordato come la comunità di 
Sant'Egidio fin dagli inizi si sia «rivolta verso chi è in situazione di emarginazione in stato dì abbandono. Si è lasciata guidare dalla grande lezione del libro della Genesi: uomo e donna sono creature di Dio, plasmate dalle sue mani; portano in sé l'immagine e la somiglianza con Dio. Quale dignità della persona umana!». Del resto, ha fatto notare, «Lo sguardo del Creatore non è discriminante, non divide in categorie i suoi figli e le sue figlie: sono la sua creatura, amata, per la quale è pronto a sacrificare il Figlio amato, perché l'ama come ama suo Figlio. Davanti all'uomo e alla donna egli stesso mostrò la sua meraviglia ed esplose in un grido di gioia». Per cui «secondo questa pagina della Scrittura, non ci sono persone ai margini: ogni persona è al centro, è il centro». Da qui l'invito affinché lo sguardo del Creatore diventi «il nostro sguardo: ogni persona che incontro è "molto" buona, è "carne della mia carne, ossa delle mie ossa". Di ogni persona mi "ricordo" e "prendo cura". Mi è stata affidata dall'amore di Dio, come Eva è stata posta davanti ad Adamo che l'ha riconosciuta e accolta come un altro sé; diversa da sé e insieme simile a sé. È la ricchezza della complementarietà che ognuno offre all'altro e dall'altro riceve. L'altro è il dono che Dio mi fa perché la mia vita sia completa, perché non sia solo».
Inoltre, ha proseguito monsignor Becciu, «da quando Dio si è incarnato e si è identificato con ogni persona, l'uomo e la donna hanno acquistato un valore davvero inestimabile». Anzi «l'altro, per piccolo che sia, è davvero Gesù! Devo amarlo come amo Gesù. Anche perché lo stesso «Papa Francesco continua a ripeterci che l'amore cristiano non è una idea astratta, ma si rende concreto nell'aiutare gli altri, cominciando dai deboli e i poveri, che sono "la carne di Cristo"». Di conseguenza «il valore dell'altro non si misura dal reddito e dall'efficienza. Che i
poveri siano sempre il vostro tesoro - ha esortato il sostituto della Segreteria di Stato - e possiate continuare a toccare in loro la "carne di Cristo", con l'amore e la cura con cui si vive l'Eucaristia».
In particolare l'arcivescovo ha voluto fare riferimento «all'integrazione di immigrati e rifugiati, di cui le nostre società hanno bisogno» incoraggiando la comunità «a continuare a costruire ponti, legami, perché si affermi una civiltà del vivere insieme, una civiltà dell'amore, anche se questo non è l'orientamento del nostro mondo, soprattutto in questi tempi». Ricordando poi come il cammino di 
Sant'Egidio abbia «preso origine da un gruppo di liceali che, invece di progettare un futuro pensando esclusivamente al successo e alla carriera professionale, ha deciso di dar vita a una scuola popolare per i bambini emarginati delle baraccopoli romane, lasciandosi interpellare dalle audaci esigenze del Vangelo».
Il celebrante ha marcato gli inizi dell'esperienza nelle «periferie, ben prima che questa parola fosse impiegata in maniera programmatica da Papa Francesco». Dunque oggi la missione della Comunità «è andare in tutte le periferie, dove vi sono conflitti, dove le persone non sono riconosciute nella loro dignità, dove le diversità sono vissute come esclusione e conflitto invece che come arricchimento» per portavi «la presenza di Cristo», rigenerare la fratemità e far sì che «le periferie, tornino a essere "al centro"» rendendole «consapevoli della loro dignità, attive e protagoniste nel tessuto sociale e nella vita della Chiesa».
Quindi l'arcivescovo Becciu ha commentato l'episodio proposto dal Vangelo di Marco: «Sento forte la suggestione di questa donna: - ha detto - viene dalla regione della Siria e chiede pietà per la figlia. Non rappresenta - si è chiesto - le mamme siriane che chiedono aiuto per i figli? Le mamme che assistono in varie parti del mondo allo strazio della guerra?
» E poiché «la donna trova sua figlia guarita, tornando a casa», il presule ha chiesto ai membri di Sant'Egidio, con l'aiuto di Dio, di contribuire «ad alleviare le sofferenze di tante madri!».
Infine si è soffermato sul luogo della celebrazione: «Questa chiesa di San Giovanni in Laterano, che la tradizione vuole "madre e capo di tutte le chiese"». In proposito ha ricordato come la comunità sia nata nella Chiesa di Roma e ne sia «tuttora un'espressione vitale». Per questo, ha affermato, occorre amare la città e cooperare per «renderla ancora più bella e ospitale. Il legame con il vescovo di Roma - ha sottolineato - deve continuare a caratterizzaivi, non soltanto qui, ma anche nelle altre parti del mondo dove giunge la vostra carità». Anzi, «la vostra "romanità" faccia di voi altrettanti collaboratori di Papa Francesco, che dilatano il suo cuore e le sue braccia, giungendo là dove non può arrivare fisicamente. Facendo così concorrerete a riportare ogni persona al centro e a fare di ogni periferia un nucleo di vita e di umanità nuova. Solo così cambierà anche la geopolitica mondiale e il seme del Vangelo produrrà frutti abbondanti di pace».
In conclusione l'arcivescovo Becciu ha riproposto la consegna di Papa Francesco quando nel giugno 2014 visitò la comunità: «Andate avanti su questa strada: preghiera, poveri e pace. E camminando così aiutate a far crescere la compassione nel cuore della società - che è la vera rivoluzione, quella della compassione e della tenerezza - a far crescere l'amicizia al posto dei fantasmi dell'inimicizia e dell'indifferenza».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
13 Marzo 2017

L'Intervista di papa Francesco a El Pais in traduzione italiana

3 Marzo 2017

Papa Francesco ha ricevuto in udienza Andrea Riccardi

IT | ES | DE | FR | PT | NL
3 Marzo 2017
ADJUMANI, UGANDA

I bambini della School of Peace nel campo profughi di Nyumanzi studiano tutti i giorni e ne sono orgogliosi

IT | ES | DE | NL
21 Febbraio 2017
AMSTERDAM, PAESI BASSI

Una liturgia ad Amsterdam per celebrare i 49 anni della Comunità di Sant'Egidio

IT | FR | NL
21 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

La benedizione di una lunga vita: Michele ha compiuto 101 anni! Auguri da tutta la Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | FR | RU
tutte le news
• STAMPA
28 Marzo 2017
Corriere del Mezzogiorno

Giù le Vele a Scampia, su Nagorà dibattito tra urbanisti e intellettuali

25 Marzo 2017
Aleteia.org

La creatività per una Chiesa in uscita

23 Marzo 2017
L'huffington Post

Un'Europa da fare e sognare, tra Sergio Mattarella e Papa Francesco

21 Marzo 2017
Clarín

El Papa Francisco, los refugiados y los corredores humanitarios

21 Marzo 2017
Avvenire

Dal Papa il presidente Kagame, una svolta. La Chiesa in Ruanda. Purificare la memoria

18 Marzo 2017
Rosso Porpora

Andrea Riccardi, i corridoi umanitari e papa Francesco

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
25 Febbraio 2017 | PAVIA, ITALIA

Liturgia per il 49° anniversario della Comunità di Sant'Egidio a Pavia. Presiede mos. Corrado Sanguineti

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
4 Ottobre 2015
STATI UNITI

Il Governatore del Missouri commuta la condanna di Kimber Edwards

24 Settembre 2015
STATI UNITI

Papa Francesco al Congresso Usa: “Abolite la pena di morte. La vita è sacra!"

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia

Saluto di Marco Impagliazzo al termine della liturgia per il 48° anniversario della Comunità di Sant’Egidio

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Messaggio del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, inviato al Summit Intercristiano di Bari 2015

tutti i documenti
• LIBRI

Periferias





San Pablo

Periferie





Jaca Book
tutti i libri

FOTO

151 visite

179 visite

239 visite

125 visite

168 visite
tutta i media correlati