Riccardi Andrea: op het internet

Riccardi Andrea: op sociale netwerken

Riccardi Andrea: persoverzicht

change language
u bent in: home - persoverzicht newsletterlink

Support the Community

  
9 Februari 2012

I rom, nomadi per forza

 
afdrukvoorbeeld

L’incendio del campo rom di Viale Umberto Maddalena (che poi non era un campo, ma il dismesso stabilimento della Coca-Cola) ripropone il problema dei campi rom, di questa vergogna tutta italiana di una piccola popolazione tenuta da decenni in condizioni disumane. Sono circa 60/70mila i rom nei campi in tutta Italia.
I campi nascono dall’equivoco, storico per più versi, che i rom siano nomadi. Cioè che non abbiano, e soprattutto non vogliano, una dimora stabile. Forse anche nell’intenzione di rispettare le loro tradizioni, in anni ormai lontani, passò l’idea di istituzionalizzare gli accampamenti di fortuna dei rom, che la soluzione potesse essere dotarli di un minimo di servizi e poi disinteressarsi del loro destino. Ecco i “campi sosta” previsti in legislazioni regionali, più o meno avanzate. Ecco i campi allestiti da amministrazioni locali. E insieme quelli più o meno autorizzati, accettati, tollerati, sopportati. Insomma una soluzione che non è una soluzione. Il provvisorio che diventa permanente.
Il fatto è che i rom non sono nomadi. Alcuni mestieri tradizionali (come l’artigianato o il commercio) prevedevano, certo, spostamenti periodici in aree geografiche limitate. Ancora oggi viaggiano i giostrai o i circensi. Ma di nomadismo non si può parlare. Per lo più i rom vengono in Italia, come tutti gli altri immigrati, alla ricerca di opportunità e di prospettive. Chi con cadenza “stagionale” (e non è l’unico caso tra gli immigrati), chi con l’aspirazione di stabilirsi nel nostro paese.
Certo, i rom hanno il loro stile di vita. In genere è tutto il nucleo familiare a muoversi. O gruppi di famiglie. Nella loro “tradizione” ha un ruolo il manghèl, l’elemosina. E si potrebbe continuare. Insomma, li caratterizza una certa adattabilità e intraprendenza, per cui anche in mancanza di tutto costituiscono in aree marginali piccoli insediamenti, che tendono alla stabilità.
Sono “nomadi”, sì, ma per forza. Loro malgrado. Perché, per motivi sulla cui validità qui non voglio discutere, vengono spesso sgombrati da quelle aree marginali, attraverso la distruzione degli insediamenti. Più spesso ad opera delle istituzioni. Da un po’ di tempo però si è diffuso il fenomeno di distruzioni operate dalla popolazione locale. Con motivi spesso pretestuosi.
Quella dei campi poteva essere solo una soluzione provvisoria, così come si alloggia in un campo di tende una popolazione che ha subito un terremoto. Nessuno penserebbe di lasciarcela per sempre. Invece i campi sono diventati permanenti. E il campo sembra l’unica soluzione possibile. Anche per quel presupposto (fasullo) di cui dicevo. In ogni caso, in Italia oggi non c’è alternativa.
I pochi campi autorizzati e almeno teoricamente attrezzati – per non dispiacere a nessuno – dovevano sorgere il più lontano possibile, in aree il più possibile insignificanti o remote, finendo però per insistere sui quartieri popolari e periferici delle città. I campi erano già troppo grandi per come sono stati pensati: centinaia, migliaia di rom in un solo campo sono troppi. Ma si sono anche ingrossati, attirando quelli che non trovavano pace per gli sgomberi. Attirando anche immigrati di nazionalità diverse e perfino italiani in difficoltà. Come è avvenuto a Viale Maddalena, che pure era solo un “campo” tollerato, e men che meno attrezzato.
La pericolosità dei campi è resa evidente da incidenti come questo, per fortuna senza vittime. L’impatto sociale e ambientale è altrettanto evidente. Esso cresce a dismisura in assenza di prospettive di integrazione. Il fatto, allora, pone ancora una volta il problema serissimo del superamento di questa fase dei campi come risposta alla presenza dei rom in Italia, attraverso interventi di integrazione, scolarizzazione di massa, politiche abitative e lavorative.
Questo per tacere tutti gli aspetti legati alla dignità della persona e ai suoi diritti. Perché i rom, con tutti i loro difetti, sono persone.


 LEES OOK
• NIEUWS
19 November 2009

Vitkov (Tsjechië): In de School van Vrede met de zigeunerkinderen, om samen op te groeien zonder geweld

IT | ES | FR | CA | NL | RU
30 Mei 2011

Rome – Feest "Recht op school, recht op een toekomst”: wanneer de schoolintegratie van roma kinderen een succes is

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | UK
8 Februari 2011

De Kardinaal-vicaris voor Rome, Agostina Vallini, gaat een gebedswake voor in Santa Maria in Trastevere voor de roma kinderen die omkwamen bij een brand.

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
28 September 2010

Rome: Verenigd in gebed in de basiliek van San Bartolomeo, tesamen met de roma en de sinti, om Mario en alle andere gestorven zigeunerkinderen te gedenken

IT | EN | DE | FR | NL | RU
31 Mei 2010

Rome: "Recht op school, recht op een toekomst". Intercultureel feest op het einde van het tweede jaar van het programma voor scholarisatie van de roma zigeuners.

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID
30 Mei 2010

Pécs (Hongarije): herinnering aan de joden en zigeuners die gedeporteerd werden tijdens de Tweede Wereldoorlog

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
alle nieuws
• PRINT
29 Mei 2015
Corriere della Sera - Ed. Roma

«Pochi controlli e tantissima povertà» Don Giuseppe: ma l'integrazione è possibile

19 Februari 2015
Il Gazzettino - ed. Padova

«Dopo le molotov sono arrivate di notte anche le minacce»

5 Januari 2014
La Stampa.it

Ecco chi resiste alla fuga dalle scuole

11 Augustus 2017
Vatican Insider

Migranti, Sant’Egidio: in corso a Catania “Tre Giorni senza Frontiere”

11 Mei 2017
Avvenire

Traccia bruciante

11 Mei 2017
Il Messaggero Veneto

Rogo camper. Obiettivo integrazione: il rimedio mai adottato

alle persberichten
• EVENEMENTEN
19 November 2017 | NAPELS, ITALIË

Consegna dei diplomi della Scuola di Italiano di Sant'Egidio a Napoli

5 November 2017 | GENUA, ITALIË

Marcia in memoria della deportazione degli ebrei di Genova

Alle ontmoeting voor de vrede
• DOCUMENTEN

Intervention de Branislav Savic durant la visite du pape François à la Communauté de Sant'Egidio

alle documenten

VIDEO FOTO'S
3:11
Clochard aggrediti selvaggiamente a Genova

237 bezoeken

208 bezoeken

203 bezoeken

129 bezoeken

123 bezoeken
alle gerelateerde media