change language
главная: Дома...ница - ОБЗО...ЧАТИ newsletterlink

Support the Community

  

Adista Segni Nuovi

24 Июня 2015

L'immigrazione rifiutata

 
версия для печати

Solidarietà zero.

La storia ci massacrerà (spero) per il modo inumano, ragionieristico con cui stiamo trattando la questione immigrazione. Per aver trasformato l'umanità in "buon...ismo". Per la mancanza cronica di visione su come affrontare in modo strutturale il problema. Senza alcuna empatia, senza alcuna reale solidarietà. E senza un briciolo di autocritica. Bruciamo le loro case diroccate e ce la prendiamo con chi cerca di scapparne invece di arrostirci dentro. E ci lamentiamo di non essere abbastanza bravi a chiuderli a chiave, invece di chiederci come spegnere l'incendio. Indecenti. (Fabio Chiusi, giornalista free lance)

Pacco postale.

Ho visto arrivare in un campo rom a Roma 6-7 macchine, tra polizia e vigili, per prendere... un bambino di meno di un anno. Nessun preavviso. Il decreto del Tribunale dei minori in mano, nessun assistente sociale, nessuno psicologo. Dovevano semplicemente "prenderlo" dalla nonna, metterlo in una macchina della polizia senza nessun familiare ("ci mettiamo solo una mezz'oretta", dicevano per tranquillizzare...) e portarlo alla madre, in un istituto dove lei era stata trasferita dal carcere (ma nessuno della famiglia l'aveva vista, né le aveva parlato, né sapeva dove fosse). Di fronte alla disperazione della donna, solo la sensibilità individuale femminile di due poliziotte o vigilasse - erano in borghese -, ha fatto sì che, dopo una serie infinita di telefonate, venisse autorizzata una mediazione meno disumana, con l'aiuto di responsabili della Caritas e della Comunità di S. Egidio, accorsi subito per legami personali con la famiglia.
Ho dedotto che per le istituzioni: 1) un bambino rom di un anno è un pacco da prelevare e trasferire senza alcuna cautela; 2) le donne rom (nonne, madri, ecc.) sono di una specie subumana che non sente amore e attaccamento per la sua prole. Se non avessi visto non avrei creduto possibile un simile orrore.
Rileggiamo la ricerca "La zingara rapitrice. Racconti, denunce, sentenze (1986-2007)" di Sabrina Tosi Cambini (2008, ma sempre valida). Commissionata dalla Fondazione Migrantes della Caritas all'Università di Verona, dimostra sia che non esistono casi accertati di rapimenti di bambini da parte di rom, sia, viceversa, che i bambini rom vengono spesso dichiarati adottabili (il 60% di possibilità in più anche secondo "Mia madre era Rom", della Associazione 21 luglio) più per l'immagine stereotipata bambino rom=bambino maltrattato che per un'analisi reale.

Stazioni

Milano, Roma... Non solo razzismo e intolleranza. Mentre l'Europa viola gli accordi di Schengen e chiude le frontiere, mentre si provoca il panico con fantasmi di malattie curabili come la scabbia o non contagiose come la malaria, moltissimi portano aiuti e solidarietà ai migranti ammassati nelle nostre stazioni.

Morire di speranza

Il 18 giugno, presso la Basilica di S. Maria in Trastevere, a Roma, diverse realtà (tra cui Comunità di Sant'Egidio, Caritas, Acli) hanno organizzato una preghiera in memoria di quanti hanno perso la vita nei viaggi verso l'Europa.


 ЧИТАЙТЕ ТАКЖЕ
• НОВОСТИ
19 Ноября 2009

Витков (Чехия): в Школе Мира с цыганскими детьми, чтобы расти вместе без насилия.

IT | ES | FR | CA | NL | RU
28 Сентября 2010

Рим, собор св.Варфоломея: в молитве с цыганами в память Марио и всех цыганских детей, умерших в Риме

IT | EN | DE | FR | NL | RU
25 Июня 2011

Падуя - Умереть от надежды: имена и истории иммигрантов, погибших в путешествии к Европе, вспоминались в молитве в церкви Св.Луки.

IT | DE | FR | NL | RU
4 Июня 2011

Рим. "Мы все итальянцы": Дети, молодежь и пожилые люди со всего мира собрались на праздник в день итальянской Республики

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
2 Июня 2011

Жить вместе возможно! В Чивитавекиа и Гвидония (Италия) Община Святого Эгидия принимает беженцев из Ливии.

IT | ES | DE | CA | NL | RU
21 Мая 2011

"Умереть ради надежды": в Катании и Палермо прошла молитва в память о тех, кто погиб в Средиземном море

IT | EN | ES | FR | CA | RU
все новости
• PRINT
11 Мая 2017
Avvenire

Traccia bruciante

17 Декабря 2015
Radio France International

Sant'Egidio crée des corridors humanitaires avec le Maroc et le Liban

18 Июля 2015
Avvenire

«Nella capitale clima d'odio mai visto Una città che non accoglie non è comunità»

27 Июня 2015
Corriere di Novara

«Siamo tutti in cammino. Ed è meglio esserlo assieme, aiutandoci vicendevolmente»

18 Июня 2015
L'Osservatore Romano

Una nazione senza terra

все пресс-релизы
• ДОКУМЕНТЫ

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

все документы

ФОТО

477 посещений

1771 посещений

427 посещений

361 посещений

383 посещений
все связанные с этим средства массовой информации