change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - oriente ...civilta' contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Il 25 maggio finalissima del contest musicale Play Music Stop Violence 2017

LIVE al Pala Atlantico di Roma alle 17:00 con Max Giusti e Giulia Luzi. In streaming sulla pagina Facebook dei Giovani per la Pace

Dona il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio. Non costa nulla ma vale tanto! Basta un numero: 80191770587

Gli ANZIANI ci hanno dato tanto. Ora tocca a noi aiutarli a vivere una vecchiaia felice. GUARDA IL VIDEO, scarica e diffondi IL VOLANTINO E I BANNER
25/05/2017
Preghiera per la Chiesa

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Palazzo Vecchio - Salone dei Cinquecento


Firenze

 Il Salone dei Cinquecento sorge nell’area di un vasto ambiente costruito alla fine del XV secolo per accogliere le adunanze del Consiglio della Repubblica fiorentina, in sostituzione dell’attigua sala, oggi detta dei Duecento, che svolgeva quella funzione da quando i Priori e il Gonfaloniere di Giustizia avevano preso alloggio nel Palazzo. Nel 1494 i fiorentini avevano cacciato i Medici dalla città e, su suggerimento di fra’ Girolamo Savonarola, avevano proclamato una nuova Repubblica che prevedeva l’ampliamento della partecipazione al governo attraverso l’istituzione di un Gran Consiglio composto da più di tremilatrecento cittadini. Anche se la partecipazione fu poi ridotta a mille membri che, come ricorda il nome moderno della sala, si riunivano a rotazione in gruppi di cinquecento, la riforma rese necessaria la costruzione di una nuova aula più capiente della precedente, su modello di quella del Consiglio Maggiore della Serenissima Repubblica di Venezia. La “Sala Nova”, costruita da Simone del Pollaiolo detto il Cronaca, con la collaborazione di altri architetti, e già in uso nel 1496, occupava lo stesso spazio dell’attuale Salone, ma era più bassa di circa sette metri, con finestre su tutti i lati, un altare sulla parete ovest e, dalla parte opposta, una tribuna per la Signoria, affiancata da due porte che conducevano al Segreto, la stanza degli scrutini, e allo Specchio, dove si tenevano i registri dei debitori della Repubblica. Tutte le volte che i Medici tornarono al potere la Sala Grande venne declassata ad alloggio delle guardie, finché Cosimo I non si recò a risiedere nel Palazzo nel 1540 e la trasformò nel fastoso Salone che vediamo oggi, luogo delle udienze pubbliche del duca e fulcro della celebrazione della sua gloria. I lavori di ristrutturazione e decorazione della sala si protrassero fino al 1572, sotto la direzione prima di Baccio Bandinelli e Giuliano di Baccio d’Agnolo e poi di Giorgio Vasari. A quella data la corte si era già trasferita nella nuova reggia di Palazzo Pitti, ma i successori di Cosimo I avrebbero continuato a usare il Salone di Palazzo Vecchio per le feste e le cerimonie solenni e, di conseguenza, ad arricchirne l’apparato ornamentale. Quando la città insorse contro gli Asburgo-Lorena nel 1848, nel segno della tradizione, il Corpo Legislativo Toscano si adunò nel Salone dei Cinquecento, tra le tribune e gli addobbi realizzati per l’occasione dall’architetto Giuseppe Martelli. Parte di quell’allestimento poté essere riutilizzato quando nella sala si tenne l’Assemblea Toscana il 1° agosto 1859. Ma fu soprattutto negli anni di Firenze capitale del Regno d’Italia, tra il 1865 e il 1871, che il Salone tornò a svolgere la sua originaria funzione di aula parlamentare, ospitando le sedute della Camera dei Deputati nello scenario di una sorta di anfiteatro posticcio realizzato da Carlo Falconieri. Nel secolo scorso il Comune ha restituito al Salone la magnificenza dell’epoca granducale rendendolo parte integrante del percorso di visita dei Quartieri Monumentali di Palazzo Vecchio, senza tuttavia rinunciare a utilizzarlo anche come sede di cerimonie e manifestazioni importanti, con riguardo alla sua tradizionale funzione di centro della vita pubblica fiorentina.


Oriente e Occidente: Dialoghi di Civilta'

Panel I: Oriente e Occidente: come comprendersi?

8 Giugno 2015 16:00 programma 
{BoxFirenze2015ProgPDF}
Segui l'evento in streaming


NEWS CORRELATE
25 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Il pluralismo religioso in Indonesia, una risorsa da custodire e implementare


Nel seminario tenutosi ieri presso la Comunità di Sant'Egidio, le voci dei rappresentanti dell'Islam indonesiano per il dialogo e la pace
8 Maggio 2017
FIRENZE, ITALIA

A Firenze per l'anniversario della Comunità il card. Betori richiama il legame tra Vangelo e gioia nell'esperienza di Sant'Egidio

18 Aprile 2017
PARIGI, FRANCIA
Comunicato stampa

Firma al Quai d'Orsay di Parigi un accordo di cooperazione tra Sant'Egidio e il governo francese


Prevede la collaborazione nel lavoro per la pace, il dialogo interreligioso, l’accoglienza dei rifugiati e la protezione delle minoranze cristiane
IT | DE | FR
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
8 Settembre 2016
OAKLAND, STATI UNITI

Mercy, the Heart of Peace: Preghiera e dialogo per la pace negli USA nello spirito di Assisi

IT | EN | ES | DE | FR | ID | HU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
30 Aprile 2017
Corriere della Sera
L’intervento. Il patto con l'islam che aiuta l'unità tra cristiani
28 Aprile 2017
FarodiRoma
In Egitto l’abbraccio del Papa con il Grande Imam di Al-Azhar: Francesco, fratello caro
7 Marzo 2017
Avvenire
Sabrina, la luce dei disabili (spenta dal suo papà)
30 Gennaio 2017
La Nazione
Messa a S. Maria dei Ricci per ricordare i senza fissa dimora
2 Gennaio 2017
La Nazione
Fiaccole accese per la pace
tutta la rassegna stampa correlata