change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - tirana 2...possible contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
28/06/2017
Preghiera con i Santi

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
6 Settembre 2015 17:00 | Palazzo dei Congressi - Pallati i Kongreseve

Intervento di Louis Raphaël I Sako Patriarca di Babilonia dei Caldei, Iraq



Louis Raphaël I Sako


Patriarca di Babilonia dei Caldei, Iraq

Mille grazie alla Comunità di Sant’Egidio per l’interesse concreto che essa ha per le minoranze religiose ed etniche in Medio Oriente. Grazie per la vostra solidarietà con i cristiani in questa Patria sconvolta.
L’uomo creato da Dio merita di vivere con dignità e felicità. La violenza è contro il piano di Dio e contro la natura dell’uomo. Bisogna fare tutto il possibile per salvare questa dignità: la democrazia, la libertà e i diritti dell’uomo non debbono restare degli slogans, sono dei progetti che debbono essere realizzati. E’ la missione di noi tutti.
Infelicemente, fabbricare armi significa creare delle guerre e, di conseguenza, morti e distruzioni!

La violenza che sta scuotendo l’Irak, la Siria e il Medio Oriente è uno choc. Uno choc per i nostri paesi, ma anche un trauma per il mondo intero. L’umanità non può accontentarsi di restare a guardare.

Il comunitarismo con i suoi riflessi tribali è stato la terra di coltura dell’ideologia jihadista. Senza quei muri, visibili e invisibili, che dividono i nostri paesi secondo la religione, la lingua o l’etnia, (senza parlare della corruzione, dell’ingiustizia, della disoccupazione e della povertà) l’ideologia jihadista non avrebbe potuto prendere piede.

Per questo una vera cittadinanza per tutti in Medio Oriente, incarnata politicamente, può essere una soluzione ideale, sul modello dell’Albania. Per realizzare questo progetto l’Albania ha dovuto fare un lungo cammino, ma oggi essa è diventata un paese di coesistenza pacifica e di libertà per tutti.

In Iraq dal 2003 contiamo sempre i nostri morti, con tre milioni di rifugiati e le infrastrutture rovinate. Ma anche la Siria, lo Yemen e la Libia e l’esodo attuale delle emigrazioni. Io mi chiedo: in nome di chi e di che cosa tutto questo?
Per una soluzione stabile e giusta per tutti  io propongo:

1. Una cittadinanza incarnata politicamente.
Per mettere fine a questa ideologia jihadista con tutta la sua brutalità, bisogna realizzare una riconciliazione politica in Irak e in Siria e nei paesi del Medio Oriente, basata sulla cittadinanza. La pace implica una riforma della Costituzione per includere tutte le componenti della Società civile, senza logiche tribali o settarie. Per questo occorre che tutti i cittadini siano uguali e che le discriminazioni comunitarie, specialmente in seno alle amministrazioni, debbono essere vietate. Soltanto la competenza personale di ognuno dovrebbe entrare in gioco.

E’ a queste condizioni che i nostri paesi potranno restare uniti! Questa cittadinanza concreta implica la separazione tra la religione e lo Stato, come qui in Albania e in Indonesia, dove c’è una maggioranza musulmana. Per vivere insieme è anche necessario che si faccia giustizia. Oggi l’ideologia jihadista è portata avanti da uomini armati, che destabilizzano la regione. È per questo che deve essere messa in atto un’iniziativa internazionale in favore della stabilità dei nostri paesi.

2. Per una Carta dei manuali di educazione religiosa
La situazione attuale  nei nostri paesi distrutti, i nostri concittadini uccisi e dispersi, tutto questo deve provocare uno choc delle coscienze. Per costruire la pace di domani, è indispensabile una Carta dei manuali di educazione religiosa. Questi manuali debbono favorire l’apertura, essere accettati da tutti ed utilizzabili da tutti. I manuali di educazione religiosa (musulmana) debbono parlare in maniera positiva e rispettosa delle altre religioni. Gli attuali programmi di educazione sfortunatamente contengono idee estremiste che rifiutano le altre religioni.
La religione deve essere una fonte di speranza, che contribuisce allo sviluppo e alla stabilità della società. Essa non deve diffondere l’odio e la divisione come purtroppo è il caso quando essa è utilizzata da interessi comunitaristi e settari.

3. La cittadinanza fino nell’urgenza umanitaria
Milioni di persone vivono in condizioni indegne, e sono inquiete per il loro futuro e per quello dei loro figli.
L’assistenza internazionale è urgente per le famiglie sfollate, che vivono non più nelle loro case, nei campi e sotto le tende. Esse hanno bisogno di alloggi degni, di cibo, di vestiti, di medicine e di scuole. Queste famiglie debbono poter lavorare per continuare ad aver fiducia in se stesse: è anche questo che permetterà loro di ritornare a casa, una volta che le loro regioni saranno liberate.

L’impegno è speranza . Fortunatamente, nel mezzo di questa crisi umanitaria, alcuni  hanno mostrato che la cittadinanza comune era possibile. Penso a quei musulmani che sono venuti in aiuto dei cristiani rifugiati, a quei sunniti che hanno salvato degli sciiti e viceversa, e penso in particolare ai kurdi che hanno accolto milioni di rifugiati di tutte le religioni in Kurdistan. Penso a quel musulmano anziano che è venuto a trovarmi e a dirmi: Ecco 5000 dollari per aiutare i cristiani sfollati, come ringraziamento per i suoi studi in una scuola di suore. Sono questi uomini e queste donne l’avvenire e  la speranza del Vicino Oriente.

Cristiani e musulmani insieme debbono impegnarsi a preparare un futuro migliore per tutti. Noi non dobbiamo più ridurci ad una appartenenza etnica o religiosa.
 

#peaceispossible
PROGRAMMA

DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming



NEWS CORRELATE
8 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

Difendiamo i poveri per costruire un mondo migliore: dai giovani albanesi un sogno per i ragazzi di tutta Europa


A Tirana l'incontro con seicento giovani da tutta l'Albania che scoprono che la pace è possibile
8 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

Prodi al convegno di Sant'Egidio a Tirana: No all'Europa della paura paralizzata da populismo e respiro corto


L'Europa non si chiuda al sud del mondo e colga la sfida dell'integrazione o sarà out
7 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

All'incontro internazionale di Sant'Egidio a Tirana lo Spirito di Assisi si confronta con i grandi problemi dell'umanità


Gli interventi nella giornata centrale di dibattito – Il ministro Gentiloni chiede corridoi umanitari e accoglienza europea per una quota di migranti
30 Ottobre 2015

Grazie per averci mostrato la grandezza della religione: la lettera del ministro albanese Klosi a Sant'Egidio


Il Ministro degli Affari Sociali dell'Albania in una lettera a Marco Impagliazzo ringrazia la Comunità per i frutti di pace dell'Incontro internazionale di Tirana
IT | ES | DE | CA
6 Novembre 2015
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

In Burkina Faso le religioni si impegnano con Sant'Egidio per costruire una via di pace


A Ouagadougou l'Incontro interreligioso "La Pace è sempre possibile" nello Spirito di Assisi
IT | ES | DE | FR
31 Ottobre 2015
EL SALVADOR

Lo Spirito di Assisi soffia anche in Salvador: dal dialogo tra le religioni una speranza di pace


A El Salvador l'incontro interreligioso per la pace #peaceispossible
IT | ES | DE | CA | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
27 Giugno 2017 | ROMA, ITALIA

Il fattore in più del programma Viva gli Anziani. Ce lo spiega Sofia

27 Giugno 2017 | NAPOLI, ITALIA

La casa famiglia per anziani della Comunità di Sant'Egidio a Napoli. VIDEO


Servizio del TG3 Campania
26 Giugno 2017 | STATI UNITI

Rilanciamo la campagna contro la pena di morte: Sant'Egidio e le associazioni abolizioniste a Washington


Annemarie Pieters, della Comunità di Sant'Egidio, eletta vicepresidente della World Coalition Against the Death Penalty
IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
21 Settembre 2016
La Vanguardia
El papa Francisco pide que ante la guerra no haya "división entre las religiones"
19 Settembre 2016
Vida Nueva
Líderes religiosos de todo el mundo conmemoran el 30º aniversario del ‘Espíritu de Asís’
19 Settembre 2016
CATALUNYARELIGIO.CAT
Francesc se suma al compromís de les religions per la pau a Assís
19 Settembre 2016
Alto Adige
ad Assisi l'Onu delle Religioni per la Pace
tutta la rassegna stampa correlata