change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - tirana 2...possible contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11/12/2016
Liturgia della domenica

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
7 Settembre 2015 16:30 | Hotel Rogner

Intervento di Brian C. Stiller



Brian C. Stiller


Global Ambassador della Alleanza Evangelica mondiale, USA

Vangelo secondo Marco, 9, 14-29

E arrivando presso i discepoli, videro attorno a loro molta folla e alcuni scribi che discutevano con loro. E subito tutta la folla, al vederlo, fu presa da meraviglia e corse a salutarlo. Ed egli li interrogò: «Di che cosa discutete con loro?». E dalla folla uno gli rispose: «Maestro, ho portato da te mio figlio, che ha uno spirito muto. Dovunque lo afferri, lo getta a terra ed egli schiuma, digrigna i denti e si irrigidisce. Ho detto ai tuoi discepoli di scacciarlo, ma non ci sono riusciti». Egli allora disse loro: «O generazione incredula! Fino a quando sarò con voi?Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo da me». E glielo portarono. Alla vista di Gesù, subito lo spirito scosse con convulsioni il ragazzo ed egli, caduto a terra, si rotolava schiumando. Gesù interrogò il padre: «Da quanto tempo gli accade questo?». Ed egli rispose: «Dall’infanzia; anzi, spesso lo ha buttato anche nel fuoco e nell’acqua per ucciderlo. Ma se tu puoi qualcosa, abbi pietà di noi e aiutaci». Gesù gli disse: «Se tu puoi! Tutto è possibile per chi crede». Il padre del fanciullo rispose subito ad alta voce: «Credo; aiuta la mia incredulità!». Allora Gesù, vedendo accorrere la folla, minacciò lo spirito impuro dicendogli: «Spirito muto e sordo, io ti ordino, esci da lui e non vi rientrare più». Gridando e scuotendolo fortemente, uscì. E il fanciullo diventò come morto, sicché molti dicevano: «È morto». Ma Gesù lo prese per mano, lo fece alzare ed egli stette in piedi.
Entrato in casa, i suoi discepoli gli domandavano in privato: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli disse loro: «Questa specie di demòni non si può scacciare in alcun modo, se non con la preghiera».


La guerra non è semplicemente un conflitto tra esseri umani. Per quanto essa nasca da torti a livello locale, incomprensioni, interessi egoistici ed avidità, nel nostro mondo più vasto c’è una forza che chiamiamo “male” che inasprisce il conflitto umano.

Questo può non piacere in un mondo occidentale tecnologico, in cui viene svalutata la metafisica e viene dileggiata la nozione di anima-spazio interiore di una persona con una prospettiva di eternità. 

Ma se vogliamo anche solo iniziare a trattare della pace come condizione cui aspirare, come cristiani dobbiamo lavorare nel quadro della storia biblica. E questa storia parla del male che cerca di impedire il buon lavoro del Padre.
•  Lo vediamo nei nostri primi genitori: Satana che cercò di minare l’autorità di Dio;
•  Abramo lo affrontò nel male di Sodoma;
•  Giobbe fu messo alla prova quando Dio permise l’accesso a Satana;
•  Gesù affrontò il potere e la presenza del male, specialmente nella vita delle persone – essere indemoniati significava essere attaccati da una presenza estranea che voleva fare soltanto il male;
•  Gesù disse che era un leone ruggente, che cercava chi divorare.


In questa storia, dopo l’esperienza del monte della trasfigurazione in cui Gesù e tre discepoli incontrano tre figure del passato
•  Ritornano alla vita quotidiana e scoprono che quelli che non erano andati sul monte erano incapaci di dare pace al ragazzo e alla sua famiglia:
•  Gesù intervenne e portò liberazione
•  “perché tu sei riuscito e noi no?”, chiesero
•  Gesù: «Questa specie di demòni non si può scacciare in alcun modo, se non con la preghiera».

Quali sono gli insegnamenti:

1. Viviamo in un cosmo in cui il bene e il male sono realtà esistenziali. La narrazione biblica è costruita su questo asse. Nell’eschaton finale, Cristo sconfigge il maligno come scritto nell’Apocalisse di san Giovanni (20,10)
2. Il male secondo le parole di Pietro: “Siate sobri, vegliate. Il vostro nemico, il diavolo, come un leone ruggente va in giro cercando chi divorare” (1Pt 5,8)
Il male non è un’idea o semplicemente un disallineamento di ragioni o interessi umani.
È una realtà che esiste in sé, ma cerca la sua strada nelle nostre vite, comunità e relazioni.
3. La guerra che trae le sue radici in relazioni spezzate, interessi egoistici e avidità, è esacerbata dal male che usa le nostre mancanze come leve per espandere e approfondire la violenza.
4. Pregare per la pace non è una gentile conversazione in cui abbiamo un dialogo con Dio allo scopo di arricchirci interiormente. È una guerra nel regno dello spirito. Non ci ha dato uno spirito di paura ma uno spirito di forza e di saggezza.
5. La preghiera non è un’attività passiva, ma ciò cui Dio ci chiama ad impegnarci come partecipanti nell’esercizio spirituale del suo Spirito nel combattere il male. Quando preghiamo per la pace, non è un’educata richiesta ma, per usare la metafora dell’Antico Testamento, è entrare nel Santo dei Santi e afferrare il corno sull’altare.
•  Non possiamo fare questo da soli
6. Il campo di battaglia non è quello solito: è una lotta spirituale
•  I nostri strumenti non sono sufficienti per vincere la battaglia. Non si può usare un metro per tagliare un pezzo di legno.
7. Le lettere di Berlicche (The ScrewtapeLetters) è un romanzo di C. S. Lewis scritto in stile satirico rivolto ai cristiani, una serie di lettere dal vecchio demone Berlicche (Screwtape) a suo nipote Malacoda (Wormwood), un giovane tentatore.
8. Storia finale: Sud Africa1994:
•  1994 – Nelson Mandela corre per la presidenza ed è probabile che vinca.
•  Il capoButhelezi (politico sudafricano e capo della tribù Zulu che aveva fondato l’Inkatha Freedom Party
•  Buthelezi rifiuta di permettere al suo popolo di votare. Il risultato probabile è questo: Mandela vince e allora Buthelezi potrà dire che l’elezione era irregolare perché il suo popolo non ha votato ed è probabile che ci sarà stato uno spargimento di sangue. La sfida è convincerlo a cambiare idea e che permetta al suo popolo di votare.
•  Washington Okumudel Kenya, negoziatore di pace, viene portato da Cassidy per negoziare.
•  Michael Cassidy dell’African Enterprise
•  Dà in affitto lo stadio di Durban per la preghiera
•  Buthelezi rifiuta di aspettare Okumu che arrivi all’aeroporto per i colloqui. Se ne va, ma il pilota è costretto a tornare per difficoltà tecniche. Nel frattempo Okumu è arrivato e inizia il colloquio. Alla fine Buthelezi accetta che il suo popolo sia coinvolto nelle elezioni.
 

#peaceispossible
PROGRAMMA

DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming



NEWS CORRELATE
13 Settembre 2016

Assisi, Sete di pace: 30 anni di dialogo in 30 secondi di video!

IT | EN | ES | FR | PT
8 Settembre 2016
OAKLAND, STATI UNITI

Mercy, the Heart of Peace: Preghiera e dialogo per la pace negli USA nello spirito di Assisi

IT | EN | ES | DE | FR | ID | HU
6 Novembre 2015
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

In Burkina Faso le religioni si impegnano con Sant'Egidio per costruire una via di pace


A Ouagadougou l'Incontro interreligioso "La Pace è sempre possibile" nello Spirito di Assisi
IT | ES | DE | FR
31 Ottobre 2015
EL SALVADOR

Lo Spirito di Assisi soffia anche in Salvador: dal dialogo tra le religioni una speranza di pace


A El Salvador l'incontro interreligioso per la pace #peaceispossible
IT | ES | DE | CA | RU
30 Ottobre 2015

Grazie per averci mostrato la grandezza della religione: la lettera del ministro albanese Klosi a Sant'Egidio


Il Ministro degli Affari Sociali dell'Albania in una lettera a Marco Impagliazzo ringrazia la Comunità per i frutti di pace dell'Incontro internazionale di Tirana
IT | ES | DE | CA
22 Settembre 2015
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Nella regione dei Grandi Laghi, ferita da tante violenze, Sant'Egidio parla di pace nello Spirito di Assisi #peaceispossible


Un incontro tra le religioni a Bukavu in comunione con Tirana
IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
10 Dicembre 2016 | REGGIO EMILIA, ITALIA

Nella Giornata Internazionale dei Diritti Umani, il Premio per la Pace Giuseppe Dossetti a Sant'Egidio


Assegnato per la realizzazione dei Corridoi Umanitari che finora hanno permesso l’ingresso di 500 profughi in Italia. La cerimonia di consegna del premio oggi a Reggio Emilia
IT | DE
10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione


Marco Impagliazzo consegna il premio alle opere più votate dalle centinaia di persone che in questi giorni hanno visitato l'esposizione
10 Dicembre 2016 | SPAGNA

La Comunità di Sant'Egidio tra i premiati del René Cassin 2016 per i corridoi umanitari


#HumanRightsDay
IT | ES

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
21 Settembre 2016
La Vanguardia
El papa Francisco pide que ante la guerra no haya "división entre las religiones"
19 Settembre 2016
Vida Nueva
Líderes religiosos de todo el mundo conmemoran el 30º aniversario del ‘Espíritu de Asís’
19 Settembre 2016
CATALUNYARELIGIO.CAT
Francesc se suma al compromís de les religions per la pau a Assís
19 Settembre 2016
Alto Adige
ad Assisi l'Onu delle Religioni per la Pace
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri