change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - tirana 2...possible contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
09/12/2016
Preghiera della Santa Croce

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
8 Settembre 2015 09:30 | Museo Storico Nazionale

Intervento di Voitto Huotari



Voitto Huotari


Vescovo luterano, Finlandia

Aiutare i poveri è un elemento centrale dell’insegnamento etico di molte religioni. Come religiosi, noi riconosciamo questo come nostro dovere. Ma questo sembra generare pretese sul nostro stesso benessere e può quindi sembrare oneroso.

Ma può anche rappresentare un'opportunità e una fonte di energia per la vita spirituale. Questo è il caso del lavoro di Sant'Egidio, come io stesso ho potuto osservare. L’incontro con i poveri è l'occasione per mettere in pratica la propria fede e la propria umanità. Aiutare gli altri ci porta gioia.

I poveri sono per noi un segno spirituale. Gesù dice: “Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto" (Mt. 25:35)

La povertà di molti europei che esteriormente sembrano ricchi è invisibile. Si tratta di una povertà mentale e spirituale. Ce ne sono molti che sono soli, che non vedono alcuno scopo nella loro vita. In Finlandia, nel nord Europa, da dove vengo, il disagio mentale è considerato, infatti, una forma moderna di povertà.
 
Colui che è spiritualmente povero è una persona ansiosa. Non ha la forza di essere utile agli altri. Il compito fondamentale della religione è di liberare le persone da questa ansia interna. Allo stesso tempo la religione libera la gente per fargli amare i propri vicini. Essa li prepara a cercare i poveri e a servirli.

Proprio ora i più bisognosi di assistenza sono le molte persone che fuggono verso l'Europa a causa della guerra, della violenza e della fame. Nelle regioni in crisi del Medio Oriente e del Nord Africa, da dove i rifugiati vengono verso l’Europa, le religioni sono in conflitto tra loro. Fanno parte del problema; ma hanno bisogno di diventare parte della risposta. Solo attraverso il contributo della religione le persone possono vivere in sicurezza nei loro paesi d'origine.

La pace è il cuore di ogni religione. Compito della religione è quello di condannare la violenza in tutte le sue forme, non quello di sostenerla. L'azione dei leader religiosi ha un ruolo fondamentale in questo. Tra le religioni ci sono troppo pochi esempi di una buona volontà pacificatrice.

La religione ha un ruolo essenziale nel sostenere gli immigrati. Noi credenti dobbiamo sostenere il sogno che i poveri abbiano diritto alla dignità umana e a migliorare la propria vita. Non possiamo permettere che la portata della crisi dei rifugiati possa distruggere questo sogno.

La religione si prende cura dell’anima dell’uomo. Ma questo non può essere la sola preoccupazione della religione. Essa dovrebbe inoltre migliorare le situazioni che deturpano l’anima dell’uomo. La religione è necessaria per influenzare la società per consentire alle persone di raggiungere il loro pieno potenziale, materialmente e spiritualmente.

Nessuno di noi può risolvere tutti i problemi del mondo. Ma sicuramente l’individuo è, alla fine, in crisi. In tempi di crisi, la natura umana si rivela quando io guardo negli occhi il mio vicino che ha perso la propria casa, e lo vedo affamato o comunque in difficoltà. Il mondo non sperimenta la fame – la si percepisce nella pancia di una persona. Il mondo non  sperimenta la violenza – è sentita solo dal corpo di  una persona. Il mondo non sperimenta l’ansia – la si prova solo nell'anima di una persona.

Non possiamo eliminare la povertà ovunque, ma possiamo eliminarla per una persona alla volta. Non abbiamo bisogno semplicemente di andare avanti lamentandoci per la diffusione della povertà. E 'sufficiente se aiutiamo il povero che, in questo momento, è il nostro prossimo. Questo è quello che possiamo fare.

Quando cerchiamo di servire un povero, rispondiamo alla chiamata della nostra religione. A livello pratico, è la donazione di cibo, acqua e riparo. Ma non è solo un compito pratico; è anche spirituale.

 

#peaceispossible
PROGRAMMA

DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming



NEWS CORRELATE
13 Settembre 2016

Assisi, Sete di pace: 30 anni di dialogo in 30 secondi di video!

IT | EN | ES | FR | PT
8 Settembre 2016
OAKLAND, STATI UNITI

Mercy, the Heart of Peace: Preghiera e dialogo per la pace negli USA nello spirito di Assisi

IT | EN | ES | DE | FR | ID | HU
6 Novembre 2015
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

In Burkina Faso le religioni si impegnano con Sant'Egidio per costruire una via di pace


A Ouagadougou l'Incontro interreligioso "La Pace è sempre possibile" nello Spirito di Assisi
IT | ES | DE | FR
31 Ottobre 2015
EL SALVADOR

Lo Spirito di Assisi soffia anche in Salvador: dal dialogo tra le religioni una speranza di pace


A El Salvador l'incontro interreligioso per la pace #peaceispossible
IT | ES | DE | CA | RU
30 Ottobre 2015

Grazie per averci mostrato la grandezza della religione: la lettera del ministro albanese Klosi a Sant'Egidio


Il Ministro degli Affari Sociali dell'Albania in una lettera a Marco Impagliazzo ringrazia la Comunità per i frutti di pace dell'Incontro internazionale di Tirana
IT | ES | DE | CA
22 Settembre 2015
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Nella regione dei Grandi Laghi, ferita da tante violenze, Sant'Egidio parla di pace nello Spirito di Assisi #peaceispossible


Un incontro tra le religioni a Bukavu in comunione con Tirana
IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
9 Dicembre 2016 | OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia


Sabato 10 dicembre la premiazione delle opere più votate all'EX[de]PO’.
9 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.


Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.
8 Dicembre 2016

Libia, Sant’Egidio: prima riconciliazione tra Misurata e Zintan


Dopo una lunga crisi, firmata a Roma con la mediazione della Comunità di Sant'Egidio una dichiarazione congiunta tra i rappresentanti delle due città libiche
IT | DE | FR | PT

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
21 Settembre 2016
La Vanguardia
El papa Francisco pide que ante la guerra no haya "división entre las religiones"
19 Settembre 2016
Vida Nueva
Líderes religiosos de todo el mundo conmemoran el 30º aniversario del ‘Espíritu de Asís’
19 Settembre 2016
CATALUNYARELIGIO.CAT
Francesc se suma al compromís de les religions per la pau a Assís
19 Settembre 2016
Alto Adige
ad Assisi l'Onu delle Religioni per la Pace
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri