change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - tirana 2...possible contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24/11/2017
Preghiera della Santa Croce

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
8 Settembre 2015 09:30 | Palazzo dei Congressi - Pallati i Kongreseve

Intervento di Carolyn Y. Woo


Carolyn Y. Woo


Presidente e Amministratore delegato del "Catholic Relief Service", USA

Gentili ospiti riuniti qui come persone di fede,

Permettetemi prima di tutto di esprimere la mia più profonda gratitudine e ammirazione per la Comunità di Sant’Egidio, per lo spirito di pace e comunione che ha creato in questo convegno. È per me il mio primo incontro e so che non sarà l’ultimo.
Per dieci minuti vorrei inquadrare due temi principali:
a. La gravità della crisi
b. Le risposte necessarie nelle nostre diverse competenze come persone di fede, cittadini dei nostri paesi, leader delle nostre istituzioni e fratelli e sorelle dei bisognosi.

(A) La gravità della crisi:

1. Nel 2014, secondo il rapporto dell’UNHCR, 59,1 milioni di persone sono state costrette a lasciare le loro case (contro i 37,5 milioni nel 2013). Questo è il più alto numero dalla seconda guerra mondiale. Se lo si contasse come un paese, sarebbe il 24° più grande del mondo.

2.Questo numero comprende 19,5 milioni di rifugiati, 38,2 milioni di sfollati interni e 1,8 milioni di richiedenti asilo. L’aumento maggiore si è avuto per gli sfollati interni, il cui numero è quintuplicato in 10 anni.

3. Approssimativamente 14 milioni di persone sono nuovi migranti. Il che equivale a 42.000 persone al giorno (rispetto agli 11.000 del 2010). Di contro, il numero di rifugiati che sono tornati a casa è di 126.000, il numero più basso degli ultimi 20 anni.

4. Del numero complessivo di sfollati, il 51% sono bambini, intesi come minori di 18 anni.

5. La Siria, l’Afghanistan e la Somalia rappresentano il 52% del totale. Gli altri paesi che completano la classifica dei primi dieci sono il Sudan, il Sud Sudan, la Repubblica Democratica del Congo, la Repubblica Centrafricana, Iraq, Eritrea e Myanmar.

6. I paesi che hanno più rifugiati interni sono la maggior parte di quelli ricordati prima, più Ucraina, Pakistan e Colombia.

7. In totale, ci sono 15 conflitti negli ultimi 5 anni: 8 in Africa, 3 in Medio Oriente, 3 in Asia e 1 in Europa.

(B) Risposte necessarie

1. La nostra storia di fede che sostiene i rifugiati/migranti conferma assolutamente la loro dignità.

2. Bisogno di misure per la protezione e contro i trafficanti (addestramento di personale, preparazione delle comunità, impegno delle autorità governative, individuazione di settori vulnerabili, integrazione dei programmi)

3. Sopperire ai bisogni immediati:
--cibo e nutrizione,
--forniture: prodotti non alimentari,
--alloggio,
--servizi igienici,
--assistenza sanitaria/farmaci,
--luoghi di preghiera

4. Fornire un’informazione accurata, traduzioni, riconoscimento dei loro diritti di rifugiati, altra assistenza legale

5. Educazione e sostegno psico-sociale per i bambini (Sesame Street ha ideato pupazzi-marionette)

6. Competenze che rafforzino:
--governo che supporta agenzie e polizia di frontiera
--società civile, anche organizzazioni confessionali, servizi sociali, scuole nei nuovi insediamenti
--comunità
--la capacità di collaborare tra organizzazioni partner

7.  Assistenza ai paesi ospiti

8. Assistenza legale:
--ai paesi ospiti su politiche di sostegno ai migranti
-- ai paesi ospiti e a istituzioni multilaterali in soluzioni diplomatiche delle crisi
--alle comunità per favorire l’accoglienza, l’ospitalità e, quando necessario, l’integrazione
--ai media per la visibilità delle notizie e una presentazione positiva; per sfidare la retorica anti-immigrati

9. rafforzare la raccolta fondi:
Secondo l’ONU, generalmente le crisi umanitarie sono finanziate solo con il 15-35% delle cifre necessarie. Le promesse fatte dai paesi donatori non vengono onorate. Questo ha portato alla fine della distribuzione delle razioni alimentari (per esempio a 1,3 milioni di rifugiati siriani) e il razionamento alimentare per i più poveri in Libano è fissato a 13 dollari al mese. 184 cliniche hanno chiuso in 10 dei 18 distretti in Iraq lasciando 3 milioni di persone senza accesso a cure sanitarie.

10. Lavorare sulla cause alla radice:
--conflitti, oppressione, violenza
--povertà, ingiustizia
--mancanza di accesso al lavoro e ai servizi di base (scuola, sanità, cibo, alloggio adeguato)
--crisiambientali
 

#peaceispossible
PROGRAMMA

DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming



NEWS CORRELATE
24 Agosto 2015
ROMA, ITALIA
INCONTRO INTERNAZIONALE

Le religioni a Tirana 6-8 settembre con Sant’Egidio per dire: la pace è sempre possibile #peaceispossible


per parlare delle vere emergenze del nostro mondo: ambiente, diseguaglianze sociali risoluzione dei conflitti e cercare insieme risposte e soluzioni
IT | EN | ES | DE | FR | PT | UK
8 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

Difendiamo i poveri per costruire un mondo migliore: dai giovani albanesi un sogno per i ragazzi di tutta Europa


A Tirana l'incontro con seicento giovani da tutta l'Albania che scoprono che la pace è possibile
8 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

Prodi al convegno di Sant'Egidio a Tirana: No all'Europa della paura paralizzata da populismo e respiro corto


L'Europa non si chiuda al sud del mondo e colga la sfida dell'integrazione o sarà out
7 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

All'incontro internazionale di Sant'Egidio a Tirana lo Spirito di Assisi si confronta con i grandi problemi dell'umanità


Gli interventi nella giornata centrale di dibattito – Il ministro Gentiloni chiede corridoi umanitari e accoglienza europea per una quota di migranti
30 Ottobre 2015

Grazie per averci mostrato la grandezza della religione: la lettera del ministro albanese Klosi a Sant'Egidio


Il Ministro degli Affari Sociali dell'Albania in una lettera a Marco Impagliazzo ringrazia la Comunità per i frutti di pace dell'Incontro internazionale di Tirana
IT | ES | DE | CA
6 Novembre 2015
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

In Burkina Faso le religioni si impegnano con Sant'Egidio per costruire una via di pace


A Ouagadougou l'Incontro interreligioso "La Pace è sempre possibile" nello Spirito di Assisi
IT | ES | DE | FR
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
24 Novembre 2017 | CASTANHEIRA DE PÊRA, PORTOGALLO

La vernice della speranza dei Giovani per la Pace di Porto e Lisbona


Dove il fuoco ha annerito tutto, tornano i colori e l'amicizia
23 Novembre 2017 | NAPOLI, ITALIA

Alla scuola di lingua e cultura di Napoli ci sono 500 nuovi diplomati .. anche in solidarietà


Corsi di livello universitario e impegno sociale fanno degli studenti nuovi europei una risorsa per la città
22 Novembre 2017

Con i bambini rifugiati in Ungheria


La visita e la fedeltà nell'aiuto solidale della Comunità ricordate anche dal cardinal Erdo, arcivescovo di Budapest
IT | ES | FR

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
21 Settembre 2016
La Vanguardia
El papa Francisco pide que ante la guerra no haya "división entre las religiones"
19 Settembre 2016
Vida Nueva
Líderes religiosos de todo el mundo conmemoran el 30º aniversario del ‘Espíritu de Asís’
19 Settembre 2016
CATALUNYARELIGIO.CAT
Francesc se suma al compromís de les religions per la pau a Assís
19 Settembre 2016
Alto Adige
ad Assisi l'Onu delle Religioni per la Pace
tutta la rassegna stampa correlata