change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - tirana 2...possible contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
06/12/2016
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
8 Settembre 2015 09:30 | Palazzo dei Congressi - Pallati i Kongreseve

Intervento di Hugo Martinez



Hugo Martinez


Ministro degli Affari Esteri, El Salvador

Amiche e amici,

L’immigrazione è antica quanto l’umanità stessa e nonostante questo continuiamo a non volerla vedere come una condizione insita negli esseri umani.  Le immagini che recentemente hanno colpito il mondo e ci hanno condotto a riflettere sui rischi che corrono tutti coloro che si vedono costretti a emigrare, esponendosi perfino a perdere la vita, non sono purtroppo nuove per il mio paese né per molti paesi del mondo.  Ciononostante, mi piacerebbe condividere questo pensiero che mi riempie di speranza:

“Di fronte alla tragedia di decine di migliaia di rifugiati che fuggono dalla morte per la guerra o per la fame e che percorrono un cammino verso una speranza di vita, il Vangelo ci chiama a essere ospitali con i più piccoli e abbandonati e a dar loro una speranza concreta”.  Questa frase di Sua Santità Papa Francesco che ha spinto all’azione molti cattolici nel mondo, ci fa prendere coscienza della dimensione umana delle migrazioni e dei complessi e tragici contesti in cui esse possono aver luogo.  La migrazione di migliaia di persone in tutti i nostri territori ci deve obbligare a ripensare il mondo alla luce di concetti fondamentali quali la solidarietà, l’empatia, l’amore e la famiglia. Dinanzi alle varie crisi migratorie non dobbiamo perdere di vista che siamo esseri umani al di là delle nazionalità, etnie, frontiere, politiche e che a partire da ciò possiamo riconoscerci come fratelli e sorelle.  Ciò ci conduce a comprendere il carattere dinamico dell’immigrazione, che presenta molteplici cause e dimensioni, dal momento che colpisce i vari ambiti della società e pertanto lo sviluppo delle persone, in quanto altera tutte le strutture economiche, sociali, culturali nonché politiche, sia nel paese di origine dei migranti, sia nei paesi di transito o di destinazione.  In tal senso, è importante non perdere di vista i diversi approcci alla gestione delle migrazioni, che passano da un lato per la garanzia dei diritti ma che dall’altro devono rispondere alle necessità dei vari popoli e alla promozione dello sviluppo umano.

Amiche e amici,Dobbiamo analizzare l’immigrazione a partire da una concezione integrale che privilegi l’applicazione di azioni migratorie basata sui principi di tolleranza, solidarietà, pieno rispetto dei diritti umani, uguaglianza di genere, giustizia, inclusione ed equità sociale, mettendo al centro l’essere umano. La nostra esperienza di un paese che storicamente ha sempre vissuto flussi migratori per diverse cause ci ha permesso di comprendere il tema dell’immigrazione e di riconoscervi una prospettiva sociale che richiede risposte statali adeguate agli standard internazionali in materia di diritti umani. Ciò ci ha portati ad avere una visione più complessiva delle difficoltà affrontate dalla popolazione e delle necessità cui dobbiamo provvedere, oltre a porci degli obiettivi chiari e strategici su come affrontare le motivazioni che spingono le persone a emigrare anche in condizioni sfavorevoli. Comprendiamo anche che le sfide dell’immigrazione non possono essere affrontate dagli Stati in modo isolato. E che, dinanzi alla mobilità umana, gli Stati devono assumere responsabilità condivise, a partire dalla nostre realtà e dal nostro contesto specifico.

Amiche e amici,  Parlare dell’immigrazione e delle sfide che essa rappresenta è particolarmente doloroso quando, com’è avvenuto negli ultimi mesi, abbiamo dovuto vedere una realtà che mostra un volto ancor più triste di quando l’immigrazione è causata dalla disuguaglianza o dall’irregolarità.  Dobbiamo rispondere alla chiamata che ci rivolgono le migliaia di bambini, bambine, madri, padri, anziani di tutte le razze che di fronte a una situazione insostenibile nei loro paesi vedono nell’emigrazione l’unica speranza di protezione e di una vita migliore.

Tale realtà lacerante che ora si è posta davanti ai nostri occhi, è il pane quotidiano di molti migranti che espongono le loro vite a grandi pericoli alla ricerca di un futuro migliore o come unica scelta per salvarsi. Dinanzi a questa realtà che abbiamo osservato con tristezza negli ultimi giorni, non possiamo restare indifferenti. Pertanto dobbiamo pensare che è dovere di tutti i popoli porre questa realtà come questione di primaria importanza, non solo quando esiste un’emergenza che ci travolge o che ci colpisce mediaticamente, ma anche come parte degli obblighi della solidarietà internazionale e degli obblighi che abbiamo come Stato.

Dobbiamo aprire gli occhi e renderci conto che una sola perdita umana è troppo ed è sufficiente per agire e pensare che i nostri paesi non possano continuare a vedersi sotto l’ottica delle frontiere o esclusivamente della sicurezza territoriale. Non possiamo permettere che il costo in vite umane, speranze e futuro sia così alto per i nostri paesi. È per questo che ci auguriamo che si affronti questo tema con la profondità che richiede, dandogli l’importanza che merita ma anche compiendo passi sostanziali verso la protezione dei Diritti Umani e il miglioramento della vita della popolazione.  Voglio ringraziare la Comunità di Sant’Egidio per l’invito a questa conferenza, per lo sforzo di riflessione e analisi che ci permette di creare spazi particolarmente fecondi per conoscerci e condividere le nostre esperienze.

La Comunità di Sant’Egidio è sempre stata un alleato nel nostro paese, ci ricorda continuamente che siamo debitori verso il prossimo, verso i nostri fratelli salvadoregni che hanno bisogno di noi e, soprattutto, è stata un alleato strategico nel dare impulso alla causa del nostro amato Monsignor, oggi Beato, Romero.  Sono convinto che questo spazio e questi giorni di dialogo ci permetteranno di giungere a importanti conclusioni e di creare una maggiore consapevolezza dei problemi che affronta il nostro pianeta e soprattutto che essi non ci siano indifferenti.

Molte grazie e che Dio ci benedica tutti.

#peaceispossible
PROGRAMMA

DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming



NEWS CORRELATE
13 Settembre 2016

Assisi, Sete di pace: 30 anni di dialogo in 30 secondi di video!

IT | EN | ES | FR | PT
8 Settembre 2016
OAKLAND, STATI UNITI

Mercy, the Heart of Peace: Preghiera e dialogo per la pace negli USA nello spirito di Assisi

IT | EN | ES | DE | FR | ID | HU
6 Novembre 2015
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

In Burkina Faso le religioni si impegnano con Sant'Egidio per costruire una via di pace


A Ouagadougou l'Incontro interreligioso "La Pace è sempre possibile" nello Spirito di Assisi
IT | ES | DE | FR
31 Ottobre 2015
EL SALVADOR

Lo Spirito di Assisi soffia anche in Salvador: dal dialogo tra le religioni una speranza di pace


A El Salvador l'incontro interreligioso per la pace #peaceispossible
IT | ES | DE | CA | RU
30 Ottobre 2015

Grazie per averci mostrato la grandezza della religione: la lettera del ministro albanese Klosi a Sant'Egidio


Il Ministro degli Affari Sociali dell'Albania in una lettera a Marco Impagliazzo ringrazia la Comunità per i frutti di pace dell'Incontro internazionale di Tirana
IT | ES | DE | CA
22 Settembre 2015
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Nella regione dei Grandi Laghi, ferita da tante violenze, Sant'Egidio parla di pace nello Spirito di Assisi #peaceispossible


Un incontro tra le religioni a Bukavu in comunione con Tirana
IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
5 Dicembre 2016

Salvare vite umane dalla guerra in Siria si può: con i #corridoiumanitari


già 500 persone in salvo dalla guerra. E si continua.... Guarda il video
IT | ES | PT | CA
5 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.


Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.
3 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''


Le opere realizzate dagli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte della Comunità in mostra all'EX[de]PO' di Ostia. Tema di quest'anno la condizione di vita degli anziani.
IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
21 Settembre 2016
La Vanguardia
El papa Francisco pide que ante la guerra no haya "división entre las religiones"
19 Settembre 2016
Vida Nueva
Líderes religiosos de todo el mundo conmemoran el 30º aniversario del ‘Espíritu de Asís’
19 Settembre 2016
CATALUNYARELIGIO.CAT
Francesc se suma al compromís de les religions per la pau a Assís
19 Settembre 2016
Alto Adige
ad Assisi l'Onu delle Religioni per la Pace
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri