Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - roma: la...deputati contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Roma: La Comunità di Sant'Egidio esprime preoccupazione per le norme sugli immigrati contenute nel "pacchetto sicurezza" votato oggi alla Camera dei Deputati


 
versione stampabile

Roma: La Comunità di Sant'Egidio esprime preoccupazione per le norme sugli immigrati contenute nel "pacchetto sicurezza" votato oggi alla Camera dei Deputati

La Comunità di Sant'Egidio esprime "forte preoccupazione" per "alcune disposizioni del pacchetto sicurezza", in particolare sul tema del prolungamento della permanenza nei Cie, dei matrimoni e per la norma sull'esibizione dei documenti per gli atti civili.

"Proponiamo che il Senato cambi almeno queste tre norme perchè se non c'è integrazione non ci sarà nemmeno sicurezza", spiega Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio, durante una conferenza stampa a Roma. "Innanzitutto siamo preoccupati perchè in un tema così delicato come l'immigrazione, il Governo ha posto la fiducia - aggiunge Impagliazzo - la materia va trattata con i tempi necessari, con calma e con la consultazione più ampia possibile. Il governo ha posto la fiducia sul pacchetto sicurezza perchè forse non riteneva di ottenere le maggioranza. Inoltre - prosegue - preoccupa l'idea di fondo che sta passando sull'immigrato, un'idea molto negativa, che porterà all'introduzione del reato di clandestinità. Infine - aggiunge Impagliazzo - ci preoccupano alcune normeche rendono difficile, se non impossibile, l'integrazione di molti immigrati che per noi sono uomini e donne con i loro diritti e non delle braccia". Per la Comunità di Trastevere, "preoccupa il giudizio negativo che degli immigrati si dà con questo ddl. Ci preoccupa questa idea che c'è di una superiorità dei cittadini italiani rispetto agli immigrati. Siamo tutti uomini e donne con gli stessi diritti".
Impagliazzo spiega poi le proposte concrete della Comunità di Sant'Egidio. "Diciamo no alla norma sul prolungamento della permanenza nel Cie da 2 mesi a 6 mesi, e proponiamo di destinare quei soldi - pari a 233 milioni di euro - all'Abruzzo, perchè allungare il tempo di permanenza non risolve il problema". La seconda norma contestata è quella relativa ai  matrimoni, che prevede che chi non ha il permesso di soggiorno non si possa sposare. "Vogliamo che sia abrogata questa disposizione che va contro anche le

PROPOSTE E DOCUMENTAZIONE

Solo una legge giusta può dare più sicurezza (Proposte di emendamento)

Dati sull'immigrazione

Dati sui naufragi di migranti nel Mediterraneo

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati prodotta da IMO e UNHCR (dal sito UNHCR)

leggi sulla cittadinanza italiana", prosegue Impagliazzo. Infine, la terza norma che preoccupa è quella relativa all'articolo 35 del ddl sicurezza che rende necessaria l'esibizione dei documenti alle autorità competenti per gli atti civili. "Ad esempio per le donne incinte che devono partorire - spiega Impagliazzo - questa norma provocherebbe un aumento dei numeri degli aborti clandestini e dei parti clandestini". "Non vediamo come queste norme - conclude il presidente di Sant'Egidio - possano aiutare la sicurezza dei cittadini italiani".  (APCOM)

Inoltre viene chiesta l'abrogazione dell'articolo che stabilisce come chi non ha il permesso di soggiorno non puo' sposarsi. "I matrimoni di comodo - spiega Impagliazzo - sono pochi, pochissimi: nel 2006 ci sono stati 24mila matrimoni misti con la nascita di 22mila bambini. E' la prova che si sono costituite tante famiglie". L'art. 45, infine, stabilisce che se una donna incinta si reca in un ospedale per partorire automaticamente si autodenuncia e quindi puo' essere sottoposta a un procedimento penale. Questo significa che meno donne andranno a partorire in ospedale per paura che i figli finiscano nel circuito delle adozioni, o, peggio ancora, molte per aggirare queste norme altamente punitive, ricorreranno all'aborto clandestino. (AGI)

NEWS CORRELATE
24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

22 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Integrazione è anche prendersi cura di chi è fragile: consegnati a Roma i diplomi di care giver e di lingua italiana


Tanti i nuovi europei che quest'anno hanno frequentato i corsi promossi dalla Comunità di Sant'Egidio
14 Novembre 2016
GENOVA, ITALIA

È come se i migranti fuggiti da guerra e miseria avessero scritto, con le loro vite, una preghiera nuova...


A Genova si festeggia l'integrazione con la consegna degli attestati del corso di lingua e cultura italiana
1 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

Inaugurato a Barcellona il nuovo anno scolastico della Scuola di Lingua e Cultura della Comunità di Sant'Egidio

IT | ES
31 Ottobre 2016
NOVARA, ITALIA

Consegna dei diplomi alla scuola di italiano di Sant'Egidio a Novara: un laboratorio di pace, cultura e integrazione

28 Ottobre 2016
TRIESTE, ITALIA

Cultura e integrazione a Trieste: la consegna della Costituzione e dei diplomi di italiano della scuola di Sant'Egidio

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
3 Dicembre 2016
Avvenire
Corridoi umanitari, quota 500 Arrivano da Homs e Aleppo
22 Novembre 2016
Corriere della Sera
La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio
21 Ottobre 2016
L'huffington Post
Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza
18 Ottobre 2016
Avvenire
Nei «Games4Peace» vince l'integrazione
17 Ottobre 2016
Il Gazzettino - ed. Padova
Studenti e migranti in campo per l'integrazione, In 160 alla sfida sportiva tra calcio e pallavolo
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri