Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - homeless - genti di pace - ostia (r... culture contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Ostia (Roma): 400 aquiloni afgani nel cielo di Ostia dicono no all'intolleranza, avvicinando popoli e culture


 
versione stampabile

Ostia (Roma): 400 aquiloni afgani nel cielo di Ostia dicono no all'intolleranza, avvicinando popoli e culture
 
12 luglio 2009

Nel pomeriggio di domenica 12 luglio, il cielo di Ostia si è popolato di colori: più di 400 aquiloni hanno preso il volo, grazie alle mani esperte di un gruppo di giovani afgani che, su invito di Genti di Pace e della Comunità di Sant'Egidio, hanno offerto a tanti la possibilità di partecipare alla "Festa degli Aquiloni", antica tradizione popolare afgana, trasformatasi in un'occasione di incontro e di scambio tra culture e popoli.

Circa un migliaio di persone di ogni età - dai bambini con le loro mamme, ai giovani, agli anziani, incuriositi a questo spettacolo così particolare - hanno accolto con entusiasmo l'invito e il porto turistico di Ostia è diventato teatro di un vero e proprio esperimento di "civiltà del convivere".

Per i giovani afgani, in gran parte rifugiati, la festa ha rappresentato la possibilità di praticare un'attività che in Afghanistan non è solo molto popolare, ma è divenuto il simbolo della cultura nazionale, per anni interdetta, che ha un profondo significato di anelito alla libertà.

Per tanti italiani di ogni età, si è trattato di una opportunità per conoscere di persona la realtà dei rifugiati, comprendendo in maniera semplice e diretta la ricchezza culturale che chi è immigrato porta con se'.

Per tutti, un pomeriggio che ha mostrato la bellezza della "società del convivere".

Tra i bambini ha avuto  molto successo il settore dove gli aquiloni  - sotto la guida esperta degli afgani - venivano costruiti con mezzi semplici: stecche di stuoia  flessibili e buste di plastica, poi personalizzati con scritte in caratteri farsi e pashtun (lingue usate in gran parte del paese).

Era possibile anche visitare alcuni stand con foto e filmati sull’Afghanistan e una mostra su emigrazione e immigrazione in Italia, realizzati dalla Comunità di Sant'Egidio e dall'Associazione Culturale degli Afgani in Italia, organizzatori dell'evento.  

La giornata si è conclusa con uno spettacolo musicale che ha visto, oltre alle danze afghane, anche il contributo del gruppo filippino Holy Family Chorale, musiche e balli dell’Africa e dal Brasile, la giovane band dei “Cugini di Giuseppe”: tanti modi diversi per esprimere un'amicizia e convivenza possibili contro la paura e l’intolleranza.

Immagini


NEWS CORRELATE
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

La preghiera di Papa Francesco per i martiri del nostro tempo. Le immagini della visita

IT | ES
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il Papa con profughi: un sopravvissuto di Lampedusa gli dona una cartolina con i volti delle vittime dei naufragi

7 Aprile 2017

Giornata internazionale dei Rom, Sant’Egidio: “Antigitanismo ancora diffuso contro un popolo di bambini"


Superare le logiche emergenziali e puntare sulla scolarizzazione
4 Aprile 2017
UNGHERIA

Al confine... e oltre. Un racconto dai campi profughi tra Serbia e Ungheria.

IT | ES | DE | NL | HU
1 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Lotta alla povertà e migrazioni al centro della visita del presidente del Niger, Mahamadou Issoufou, a Sant’Egidio


Colloquio questa mattina con Marco Impagliazzo e una delegazione della Comunità
IT | ES | DE | FR | PT | NL
27 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Anziani romani e migranti insieme per dire NO al razzismo


un incontro a Roma per promuovere l'integrazione
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
11 Aprile 2017
L'Osservatore Romano
La lavanderia del Papa
8 Aprile 2017
Vatican Insider
Rom, Paolo VI e quella svolta a Pomezia nel ‘65
7 Aprile 2017
Vatican Insider
Giornata dei Rom, Sant’Egidio: “Antigitanismo ancora diffuso contro un popolo di bambini”
17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera
Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare
28 Febbraio 2017
Corriere.it
Andiamo a convivere? Le nonne vanno a convivere per resistere alla crisi
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1199 visite

1172 visite

1137 visite

1202 visite

1186 visite
tutta i media correlati