news

Inaugurata un'infermeria nella prigione di Tete in Mozambico. L'impegno di Sant'Egidio per la prevenzione del contagio nelle carceri

2 Maggio 2020 - TETE, MOZAMBICO

Carcerecoronavirus

Condividi su

Le condizioni di vita dei detenuti nelle carceri sono sempre piuttosto difficili, tanto più in Africa. Soprattutto in questo periodo di pandemia è importante garantire a tutti le migliori condizioni igieniche, specialmente in luoghi sovraffollati.

Nel carcere della città di Tete, in Mozambico, che ospita circa 700 detenuti, l'aiuto di Sant'Egidio ha permesso la costruzione di un nuovo impianto idrico, che comprende, tra l'altro, 15 bagni, 10 docce e due cisterne, ed ha cominciato ad essere operativo proprio nei giorni scorsi, in coincidenza con il diffondersi del coronavirus.

Per prevenire i contagi, inoltre, è stata approntata una nuova infermeria, con tre stanze, di cui due per malatti infettivi.

PER CHI VUOLE AIUTARE

DONA

CONTATTACI

Dona su Facebook



Inaugurata un'infermeria nella prigione di Tete in Mozambico. L'impegno di Sant'Egidio per la prevenzione del contagio nelle carceri
Inaugurata un'infermeria nella prigione di Tete in Mozambico. L'impegno di Sant'Egidio per la prevenzione del contagio nelle carceri
Inaugurata un'infermeria nella prigione di Tete in Mozambico. L'impegno di Sant'Egidio per la prevenzione del contagio nelle carceri