news

Willkommen, #siamoamille (#wirsindbeitausend)! Video von der Ankunft der neuen Flüchtlinge #corridoiumanitari (#humanitäreKorridore)

27 Oktober 2017

Humanitäre Korridore

Marco Impagliazzo: die erste Phase ist abgeschlossen, aber die Türen bleiben offen, weil die Integration erfolgreich ist!

Teilen Auf

Es sind wieder 120 syrische Flüchtlinge aus dem Libanon durch die humanitären Korridore angekommen. Wir haben die Zahl 1000 erreicht. Unter ihnen war auch ein eineinhalbmonatiges Kind und ein neu verheiratetes junges Paar aus Aleppo.

Alle wurden vom Präsidenten von Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, begrüßt: „Wir nehmen euch als Brüder und Schwestern auf! Das Projekt wird weitergehen, denn es hat alle vereint. Die Türen bleiben offen, denn die Integration verläuft erfolgreich durch die humanitären Korridore!“

Eine Bestätigung kam auch von der italienischen Regierung durch den Vizeminister Mario Giro: „Die humanitären Korridore werden fortgesetzt, sie sind herausragend für Italien und Europa.“

Paolo Naso von der Föderation der evangelischen Kirchen Italiens sagte zur Presse: „Verleiht diesem schönen und gastfreundlichen Italien eine lautere Stimme, bauen wir einen Gegenerzählung über die Immigration auf.“

 

 

Dall'Ansa

Lacrime, sorrisi ed abbracci. E’ la fotografia dell’arrivo, questa mattina, all’aeroporto di Fiumicino del nuovo gruppo di 125 profughi siriani attraverso il progetto dei Corridoi Umanitari. Si tratta di 47 nuclei familiari, sia musulmani sia cristiani, tra cui 54 minori (il più piccolo ha un mese e mezzo), tanti con le bandierine tricolori in mano, giunti via Beirut, accolti dal vice ministro degli Esteri, Mario Giro ("Ringrazio Alitalia, per lo sforzo fatto in questa fase, e tutte le forze dell’ordine"), dal presidente della Comunità  di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, da Paolo Naso, della Comunità valdese italiana, e da rappresentati del ministero dell’Interno, oltre che dai volontari e dal personale di Aeroporti di Roma. Per loro anche il commosso benvenuto di familiari ed amici siriani, già  integrati in Italia ed arrivati con i primi dei 16 voli complessivi dall’inizio del
progetto umanitario. Tra i profughi arrivati anche due giovani novelli sposi, assai commossi, accolti con un bouquet di fiori dal fratello dello sposo, già  integrato in Italia.

Ebbe tutto inizio un anno e mezzo fa: la prima famiglia ad arrivare con un regolare volo di linea da Beirut fu quella della piccola Falak, originaria di Homs, seguita, il 29 febbraio, dal primo cospicuo corridoio umanitario, composto da un centinaio di siriani. "Siamo molto felici che oggi, arrivando alla quota simbolica di 1000 arrivi, si chiuda una prima fase del progetto - ha sottolineato Impagliazzo - ma non è l’ultima fase: le porte non si chiudono ma restano aperte. Gli italiani hanno apprezzato un progetto umanitario che li ha uniti e non divisi, come in ogni campagna elettorale. Umanità  e sicurezza vanno insieme in questo progetto d’integrazione che funziona. Ora tanti bambini finalmente potranno andare a scuola, il loro futuro. Abbiamo raccolto l’impegno di tanti italiani, famiglie, parrocchie, associazioni, che, toccati dalla situazione drammatica che si vive ancora in Siria, hanno deciso di accogliere, a loro spese e volontariamente, i profughi. Il Governo ha avuto il merito di credere in questa iniziativa e di far si che, in futuro, sia replicabile con un nuovo protocollo per altri 1000 profughi".

"Quando due anni e mezzo fa cominciammo a ragionare su questo progetto nessuno credeva che questo sogno si sarebbe realizzato - ha detto a sua volta Naso - grazie agli operatori, ai nostri consolati ed ambasciate, abbiamo oggi raggiunto un traguardo con la speranza che il sogno continui con altri 1000 arrivi".

Guarda la Photogallery >