Vigilia del giorno del Signore

Condividi su


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Marco 12,38-44

Diceva loro nel suo insegnamento: "Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa".
Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo. Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: "In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere".


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Gesù ha appena terminato il discorso nel quale ha tracciato un ritratto impietoso degli scribi e della loro religiosità che non gli impedisce di «divorare le case delle vedove». Ora, circondato dai suoi discepoli, è ancora nel tempio probabilmente seduto sui gradini che portavano dal cortile delle donne a quello degli Israeliti. Di qui poteva vedere quanto accadeva davanti alla stanza del tesoro. Ed ecco avvicinarsi una povera vedova. Nessuno fa caso a lei e al piccolo gesto che ella compie. Ancora oggi accade così con le povere donne vedove: nessuno vi presta attenzione. E tanto meno si considera degno di attenzione quello spicciolo che ella getta furtivamente nella cassetta del tesoro. In un mondo in cui il mercato sembra dettare legge, cosa poteva valere quel gesto? La stessa cosa si potrebbe dire per le elemosine. Cosa risolve l'elemosina? Qualcuno pensa persino che sia nociva. Siamo davvero lontani dal Vangelo. Gesù, che guarda nel profondo, vede quella povera vedova che getta uno spicciolo e la propone come esempio per tutti, facendo emergere la sua grandezza di cuore e la sua generosità: «Ha gettato tutto quello che aveva», non ha trattenuto nulla per sé. Per Gesù, quella donna povera e indifesa è modello di vita per i discepoli di ogni tempo. Ecco perché nessuno è tanto povero da non poter aiutare altri più poveri di lui. Quel che conta è il cuore. E il cuore toccato da Dio sa compiere miracoli.