Vigilia del giorno del Signore

Condividi su

Memoria di sant'Ambrogio (+397), vescovo di Milano. Pastore del suo popolo, difensore dei poveri e dei deboli contro ogni sopraffazione, fu forte nel difendere la Chiesa di fronte all'arroganza dell'imperatore.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del profeta Isaia 30,19-21.23-26

Popolo di Sion, che abiti a Gerusalemme,
tu non dovrai più piangere.
A un tuo grido di supplica ti farà grazia;
appena udrà, ti darà risposta.
Anche se il Signore ti darà il pane dell'afflizione
e l'acqua della tribolazione,
non si terrà più nascosto il tuo maestro;
i tuoi occhi vedranno il tuo maestro,
i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te:
"Questa è la strada, percorretela",
caso mai andiate a destra o a sinistra.
Allora egli concederà la pioggia per il seme
che avrai seminato nel terreno,
e anche il pane, prodotto della terra, sarà abbondante e sostanzioso;
in quel giorno il tuo bestiame pascolerà su un vasto prato.
I buoi e gli asini che lavorano la terra
mangeranno biada saporita,
ventilata con la pala e con il vaglio.
Su ogni monte e su ogni colle elevato
scorreranno canali e torrenti d'acqua
nel giorno della grande strage,
quando cadranno le torri.
La luce della luna sarà come la luce del sole
e la luce del sole sarà sette volte di più,
come la luce di sette giorni,
quando il Signore curerà la piaga del suo popolo
e guarirà le lividure prodotte dalle sue percosse.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Nella storia ci sono spesso tempi difficili, quelli nei quali gli uomini si alleano per fomentare conflitti e guerre. Il profeta però è colui che nel cuore delle tribolazioni e delle afflizioni della storia sa vedere e indicare la presenza consolante del Signore. Per questo suscita nel popolo la forza della preghiera: "A un tuo grido di supplica ti farà grazia, appena udrà, ti darà risposta". Il Signore diventa nella preghiera come un Maestro che indica la via da percorrere nei periodi in cui si vive disorientati, senza sapere quale via percorrere. C'è bisogno allora di aprire il cuore all'ascolto di questa parola. "I tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te: "Questa è la strada, percorretela". Non andate né a destra né a sinistra". C'è una parola e una voce che viene da dietro di noi, cioè viene dalla nostra storia, dal nostro passato, ma ci invita a guardare al futuro, a non rimanere fermi o rassegnati, a guardare indietro. Il profeta ci ricorda che il Signore che ha creato il mondo e che guida la storia, non farà mancare i frutti alla terra e si prenderà cura delle ferite del suo popolo. Il Signore che conosce la fatica della nostra vita, le paure e lo smarrimento davanti al male e alla violenza viene in mezzo a noi come il buon Samaritano della storia, e anche per la nostra preghiera si commuove su questo nostro mondo ferito e viene in soccorso per guarirlo.