Vigilia del giorno del Signore

Condividi su

Memoria di Martin Luther King, ucciso nel 1968 a Memphis negli Stati Uniti. Con lui ricordiamo tutti coloro che hanno fame e sete di giustizia.


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro del profeta Ezechiele 37,21-28

e di' loro: Così dice il Signore Dio: Ecco, io prenderò i figli d'Israele dalle nazioni fra le quali sono andati e li radunerò da ogni parte e li ricondurrò nella loro terra: farò di loro un solo popolo nella mia terra, sui monti d'Israele; un solo re regnerà su tutti loro e non saranno più due popoli, né saranno più divisi in due regni. Non si contamineranno più con i loro idoli, con i loro abomini e con tutte le loro iniquità; li libererò da tutte le ribellioni con cui hanno peccato, li purificherò e saranno il mio popolo e io sarò il loro Dio. Il mio servo Davide regnerà su di loro e vi sarà un unico pastore per tutti; seguiranno le mie norme, osserveranno le mie leggi e le metteranno in pratica. Abiteranno nella terra che ho dato al mio servo Giacobbe. In quella terra su cui abitarono i loro padri, abiteranno essi, i loro figli e i figli dei loro figli, per sempre; il mio servo Davide sarà loro re per sempre. Farò con loro un'alleanza di pace; sarà un'alleanza eterna con loro. Li stabilirò e li moltiplicherò e porrò il mio santuario in mezzo a loro per sempre. In mezzo a loro sarà la mia dimora: io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. Le nazioni sapranno che io sono il Signore che santifico Israele, quando il mio santuario sarà in mezzo a loro per sempre".


 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Siamo alla soglia della Settimana Santa e la liturgia ci fa ascoltare nella prima lettura della Messa questo brano del profeta Ezechiele. Con esso il profeta vuole riaccendere il sogno della libertà nel popolo di Israele annunciando la liberazione vicina. Ezechiele, come sappiamo, svolge la sua missione a Babilonia tra gli ebrei in esilio. E decide di descrivere agli israeliti la visione di quel che avverrà nel futuro per merito del Signore. Il profeta ha appena narrato la straordinaria visione delle ossa aride che per opera dello Spirito si riconnettono e riprendono vita, come a sottolineare che anche nelle condizioni più drammatiche il Signore può far rinascere una nuova vita. È vero che il popolo allontanandosi dal Signore sperimenta l'amarezza della deportazione e dell'esilio. Ma una volta compreso che senza il Signore resta tra i più piccoli popoli della terra in balia dei popoli potenti, Israele sente il bisogno di tornare al Signore. È ancora una volta il Signore che prende l'iniziativa e interviene per liberare il suo popolo dalla schiavitù. Manderà il suo servo Davide ad essere l'unico pastore: "Il mio servo Davide regnerà su di loro e vi sarà un unico pastore per tutti; seguiranno le mie norme, osserveranno le mie leggi e le metteranno in pratica". Ascoltando queste parole alla vigilia della settimana della passione, non possiamo non vedere nell'unico pastore proprio Gesù che domani accompagneremo mentre entra nella città santa. È lui il pastore che raccoglie le pecore, che le conduce in pascoli verdi e che stabilisce per sempre un'alleanza nuova e perenne tra il Padre dei cieli e il popolo dei discepoli che ha raccolto e continuerà a raccogliere nel corso dei secoli.