Memoria di Gesù crocifisso

Condividi su


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Giovanni 6,1-15

Dopo questi fatti, Gesù passò all'altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.
Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: "Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?". Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: "Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo". Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: "C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci; ma che cos'è questo per tanta gente?". Rispose Gesù: "Fateli sedere". C'era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini. Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano. E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: "Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto". Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d'orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.
Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: "Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!". Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il brano evangelico riporta il miracolo della moltiplicazione dei pani. L'evangelista Giovanni nota la grande folla che segue Gesù a motivo dei "segni" che faceva sui malati. Quelle folle intuivano che Gesù era un uomo buono e forte, che aiutava e guariva chi aveva perso salute e speranza. Gesù, da parte sua, si rendeva conto di questa sete di amore che saliva dalla gente. Scrive l'evangelista che Gesù «alza gli occhi» e vede quella folla che gli viene incontro. Non è come noi che in genere teniamo gli occhi rivolti solo verso noi stessi. Non sono i discepoli a rendersi conto del bisogno di quelle folle. Gesù comprende quelle folle e chiede a Filippo dove comprare il pane per dare loro da mangiare. Filippo non sa dire altro se non che è impossibile trovare il pane per sfamare tanta gente. Andrea, come a confermare l'osservazione di Filippo, aggiunge che ci sono solo cinque pani d'orzo e due pesci. Praticamente, nulla. Ma essi non avevano ancora compreso che «ciò che è impossibile agli uomini, è possibile a Dio». Dovremmo ricordare spesso anche noi queste parole, invece di rassegnarci tranquillamente di fronte alle difficoltà. Gesù, che si lascia guidare dall'amore appassionato per la gente, non si rassegna. Ordina ai discepoli di andare in mezzo alla folla e di farla sedere. Quel luogo deserto si trasforma in un grande banchetto ove tutti vengono gratuitamente saziati. L'evangelista, nel gesto e nelle parole di Gesù, richiama la celebrazione dell'Eucaristia. Quei pani messi nelle mani di Gesù, il compassionevole, bastano per tutti. A differenza della narrazione dei Vangeli sinottici, qui l'evangelista fa agire Gesù da solo; è lui che prende i pani, li moltiplica e li distribuisce. È come voler sottolineare che c'è un rapporto diretto tra il pastore e le pecore. Sono belle queste parole di papa Francesco, le diceva ai sacerdoti, ma sono valide per tutti i discepoli: «Bisogna uscire... nelle "periferie" dove c'è sofferenza, c'è sangue versato, c'è cecità che desidera vedere, ci sono prigionieri di tanti cattivi padroni... Chi non esce da sé, invece di essere mediatore, diventa a poco a poco un intermediario, un gestore. Io vi chiedo: siate pastori con l'odore delle pecore». Dobbiamo andare verso le periferie, verso coloro che attendono amore, giustizia e pace. Poniamo nelle mani di Gesù i nostri pochi pani e il miracolo avverrà ancora una volta. Le mani di Gesù - è lui che moltiplica e distribuisce - non trattengono nulla per sé, sono abituate ad aprirsi, e a dare con generosità. Egli moltiplica la nostra debolezza. Il miracolo continua se noi lasciamo la grettezza dei discepoli e mettiamo nelle mani del Signore i poveri pani d'orzo che possediamo. La folla lo voleva proclamare re. Ma egli fuggì sul monte, da solo. Gesù non vuole svilire l'urgenza del pane, semmai sottolinea la necessità di nutrirsi con un pane eterno: l'amicizia con lui.