Memoria dei Santi e dei Profeti

Condividi su


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Matteo 6,1-6.16-18

State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c'è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. Dunque, quando fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un'aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Gesù continua a parlare della giustizia. Ha chiarito, con gli esempi che abbiamo ascoltato nei giorni scorsi, che la legge antica deve essere vissuta con uno spirito nuovo, con un cuore rinnovato. La fede nel Signore non si misura a partire dall'osservanza esteriore delle pratiche e neppure dal consenso che si può avere da parte della gente. L'intera pagina evangelica è tesa a far crescere in noi la coscienza che ogni nostra azione è compiuta al cospetto di Dio: egli infatti guarda e guida la nostra vita. E per questa sua amorevole vigilanza è l'unico giudice vero e imparziale. Tutti conosciamo per esperienza quanto è forte la tentazione di vivere e di realizzare le nostre opere per «essere visti dagli uomini», ossia per alimentare l'orgoglio e per gonfiarsi ancor più nella considerazione di se stessi. In ogni caso, il Signore non chiede ai discepoli di nascondere il buono che c'è nella loro vita. Anzi, precedentemente li ha invitati ad essere luce e a non nascondere la lampada «sotto il moggio». Qui è però in questione un atteggiamento del cuore: la ricerca affannosa del consenso altrui, della lode e della ricompensa umana. Gesù ci mostra che l'unica persona che davvero comprende nel profondo la nostra preghiera, la nostra misericordia, il nostro digiuno è il Padre. Anche quando gli uomini non dovessero comprendere, è comunque al Padre che è diretta la nostra preghiera, e da lui possiamo e dobbiamo attendere l'unica vera ricompensa. Gesù, in questo brano evangelico, richiama tre pratiche religiose tenute in grande considerazione: l'elemosina, la preghiera e il digiuno. Ma quel che vuol sottolineare è l'invito all'interiorità che è presente in queste tre pratiche che hanno una importanza fondamentale nella vita del credente. L'elemosina richiede il coinvolgimento del cuore con i poveri. C'è bisogno di avvicinarli, di interessarsi a loro, di amarli perché in essi è presente Cristo stesso. Questa è la spiritualità dell'elemosina. E questo è quello che Dio vede nel segreto, ossia in profondità. E anche la preghiera non consiste nel mostrarsi, ma anzitutto nel fare spazio nel proprio cuore alla Parola di Dio. È questa l'interiorità che Dio vede e di cui si compiace. Analogamente il digiuno è quella lotta interiore indispensabile per far crescere in noi lo spazio per accogliere il Signore. E avverrà quanto scrive l'Apocalisse: «Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me» (Ap 3,20). Questa è la ricompensa dei discepoli, abitare sin da ora con il Signore.