Memoria dei Santi e dei Profeti

Condividi su

Memoria di sant'Oscar Arnulfo Romero, martire, ucciso nel 1980 sull'altare durante la celebrazione dell'Eucaristia. Memoria della strage delle Fosse Ardeatine, avvenuta nel 1944 a Roma, ove furono uccise dai nazisti 335 persone.


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro del profeta Ezechiele 47,1-9.12

Mi condusse poi all'ingresso del tempio e vidi che sotto la soglia del tempio usciva acqua verso oriente, poiché la facciata del tempio era verso oriente. Quell'acqua scendeva sotto il lato destro del tempio, dalla parte meridionale dell'altare. Mi condusse fuori dalla porta settentrionale e mi fece girare all'esterno, fino alla porta esterna rivolta a oriente, e vidi che l'acqua scaturiva dal lato destro. Quell'uomo avanzò verso oriente e con una cordicella in mano misurò mille cubiti, poi mi fece attraversare quell'acqua: mi giungeva alla caviglia. Misurò altri mille cubiti, poi mi fece attraversare quell'acqua: mi giungeva al ginocchio. Misurò altri mille cubiti, poi mi fece attraversare l'acqua: mi giungeva ai fianchi. Ne misurò altri mille: era un torrente che non potevo attraversare, perché le acque erano cresciute; erano acque navigabili, un torrente che non si poteva passare a guado. Allora egli mi disse: "Hai visto, figlio dell'uomo?".
Poi mi fece ritornare sulla sponda del torrente; voltandomi, vidi che sulla sponda del torrente vi era una grandissima quantità di alberi da una parte e dall'altra. Mi disse: "Queste acque scorrono verso la regione orientale, scendono nell'Araba ed entrano nel mare: sfociate nel mare, ne risanano le acque. Ogni essere vivente che si muove dovunque arriva il torrente, vivrà: il pesce vi sarà abbondantissimo, perché dove giungono quelle acque, risanano, e là dove giungerà il torrente tutto rivivrà. Lungo il torrente, su una riva e sull'altra, crescerà ogni sorta di alberi da frutto, le cui foglie non appassiranno: i loro frutti non cesseranno e ogni mese matureranno, perché le loro acque sgorgano dal santuario. I loro frutti serviranno come cibo e le foglie come medicina.

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Attraverso questa visione del profeta Ezechiele la Parola di Dio ci mostra la destinazione verso la quale andiamo, il sogno che il Signore ha per noi. Davanti ai nostri occhi appare Gerusalemme e il tempio. L'acqua che sgorga abbondante dal tempio e scorre per vivificare ciò che incontra. Nel linguaggio biblico, l'acqua che scorre e che irriga la terra arida trasformandola in un giardino rigoglioso è il simbolo della potenza di Dio che trasforma l'aridità dei cuori degli uomini rendendoli non solo capaci di accogliere il sogno stesso di Dio ma di divenirne attivi servitori. Nel Vangelo di Giovanni è Gesù stesso che si mostra come il vero tempio da cui zampilla l'acqua viva dello Spirito: "Gesù, ritto in piedi, gridò: "Se qualcuno ha sete venga a me, e beva chi crede in me. Come dice la Scrittura: dal suo grembo sgorgheranno fiumi di acqua viva"" (Gv 7,37-38) e ancora, mentre era sulla croce, l'evangelista nota: "Uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua" (Gv 19,34). Mentre ci avviamo verso la Pasqua questa pagina del profeta ci esorta a non allontanarci, soprattutto in questi giorni, dalla fonte della Parola di Dio per poter comprendere e accogliere con maggiore prontezza nei nostri cuori il mistero d'amore che celebreremo nella Settimana Santa. Un fiume d'acqua viva sarà riversato in questi giorni per noi e per il mondo. Lasciamoci travolgere dall'amore di Gesù che per amarci sale sino sulla croce. L'esempio di san Romero, ucciso sull'altare perché difendeva i poveri, è una testimonianza luminosa per tutti.