news

Editoriale di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera- Il coronavirus e la sospensione delle messe: così c’è il rischio di sottovalutare la solitudine

9 Marzo 2020

coronavirus

Perché interdire culto e preghiere, se celebrati in sicurezza? Mai, nella storia della Penisola, sono state sospese le messe. Nelle crisi, la Chiesa è stata sempre un riferimento

Condividi su

Alcune diocesi del Nord avevano già sospeso le messe. Ieri notte è arrivato il decreto del presidente del Consiglio (con direttive decisive per ridurre il contagio), con le disposizioni sulle «cerimonie religiose». È iniziato un negoziato serrato tra Cei e Palazzo Chigi, che non è sembrato disponibile a ragioni d’altro ordine da quelle dei suoi tecnici. Dopo un braccio di ferro, la Cei ha ceduto: funerali e messe sospesi in Italia. Chi conosce i toni cortesi della Cei coglie subito un forte disappunto nel comunicato, pur essendo sempre pronta a collaborare, tanto da dire che il decreto è stato accolto solo per «contribuire alla tutela della salute pubblica» e che si tratta di «un passaggio fortemente restrittivo». La Chiesa non apre una crisi nell’emergenza. Ma c’è un’incomprensione della sua realtà. (Continua a leggere sul Corriere della Sera)