news

Giornata Mondiale del Rifugiato: Sant'Egidio con i corridoi umanitari al convegno #WithRefugees dell'UNHCR

20 Giugno 2016 - FIRENZE, ITALIA

profughiAccoglienzaRifugiaticorridoi umanitari

Noi stiamo dalla parte di chi è costretto a fuggire: in una tavola rotonda a Firenze si parla di vie sicure per l’accesso al territorio e percorsi d’integrazione per le persone rifugiate.

Condividi su

Sono tanti gli eventi che in questa settimana celebrano la Giornata Mondiale del Riugiato. #WithRefugees - Noi stiamo dalla parte di chi è costretto a fuggire: è il tema proposto quest'anno dalle Nazioni Unite, a cui si associa la Comunità di Sant'Egidio, da sempre al fianco dei profughi e dei migranti.

La mattina del 20 giugno una tavola rotonda a Firenze affronta il tema della creazione di vie sicure per l'accesso al territorio e di percorsi di integrazione per i rifugiati. Alla tavola rotonda promossa dall'UNHCR interviene anche Maria Quinto della Comunità di Sant'Egidio, che porta l'esperienza dei corridoi umanitari, grazie ai quali 280 profughi provenienti dalla Siria hanno raggiounto l'Italia in maniera sicura e legale, senza affrontare il pericoloso viaggio sui barconi nel Mediterraneo.

PROGRAMMA

Tavola rotonda:
Vie sicure per l’accesso al territorio e percorsi d’integrazione per le persone rifugiate: politiche e strumenti

Lunedì 20 giugno 2016 ore 11, Palazzo Strozzi Sacrati – Piazza Duomo, Firenze.
 
Saluti e Apertura dei lavori

Enrico Rossi, Presidente, Regione Toscana

Stephane Jaquemet, Delegato UNHCR per il Sud Europa

Introduce e modera: Eva Giovannini, Giornalista e inviata Rai Tre

Intervengono:

Domenico Manzione, Sottosegretario di Stato, Ministero dell’Interno

Luigi Maria Vignali, Direttore Centrale per le Politiche Migratorie, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Giuseppe Novelli, Vicepresidente, Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI).

Maria Quinto, Responsabile del progetto dei corridoi umanitari, Comunità di Sant’Egidio.

Esperienze d’integrazione dal territorio

“Progetto Style Positiva-Mente”: progetto di CO&SO Gruppo Cooperativo (Coop. Il Cenacolo), donne rifugiate a sostegno delle donne pazienti del Reparto di Oncologia dell’Ospedale S. Annunziata di Ponte a Niccheri.

“Rifugiati: una storia dietro ogni numero”: progetto educativo di Unicoop Firenze e UNHCR, gli studenti delle scuole toscane incontrano i rifugiati.

Conclusioni

Carlotta Sami
, Portavoce UNHCR per il Sud Europa