appuntamento

Il Mediterraneo, le religioni e l'accoglienza: inaugurazione della mostra ''Migrants'' di Liu Bolin

31 Marzo 2017 - RAMACCA, ITALIA

ImmigrazioneArteSiciliaCataniaprofughi

Conferenza al Museo di Arte Contemporanea, Via Siracusa, ore 10:30

Condividi su

Dal 31 marzo al 30 aprile, la Città di Ramacca ospita presso il Museo di Arte Contemporanea le opere fotografiche della serie “Migrants” dell’artista internazionale cinese Liu Bolin, prodotti dalla galleria Box Art.

La mostra sarà inaugurata il giorno 31 Marzo 2017 con una conferenza alle ore 10:30: “Il Mediterraneo: Le religioni e l’accoglienza”, organizzato da Comune di Ramacca, Comunità di Sant’Egidio, Pro Loco Ramacca in collaborazione con la Galleria Box Art. Saranno presenti: Emiliano Abramo, della Comunità di Sant’Egidio, Kheit Abdelhafid, presidente della Comunità Islamica di Sicilia e Tommaso Mondello della Prefettura di Catania. A Moderare sarà Pietro Giglio della Comunità di Sant’Egidio.  All'incontro parteciperanno anche il sindaco di Ramacca Giuseppe Limoli, Giuseppe Lanzafame, presidente del Consiglio Comunale e don Francesco De Pasquale della diocesi di Caltagirone.
 
L'artista
Liu Bolin, classe 1973, nel 2013, ha voluto raccontare il fenomeno dell’immigrazione attraverso una serie di scatti in cui l’artista e un gruppo di rifugiati, che fanno parte dei Giovani per la Pace della Comunità di Sant’Egidio, si mimetizzano attraverso il body painting negli scenari chiave dell’immigrazione. La chiave di lettura è il viaggio, l’arrivo, l’integrazione.  La città scelta come scenario e simbolo dell’approdo e dell’accoglienza è Catania che negli anni si è distinta, attraverso il suo volontariato, per la cura con cui i rifugiati sono stati accolti.
Dall’accoglienza dei migranti nasce anche una riflessione più profonda su cosa è il Mediterraneo, sulla sua vocazione all’essere luogo di incontro e di dialogo tra popoli e religioni. Popoli diversi, ed in diversa misura, nati dal mare che si fondono nella civiltà del convivere, rappresentati dall’arte.