news

Papa Francesco in preghiera con i Nuovi Martiri nella basilica di San Bartolomeo all'Isola il prossimo 22 aprile

19 Aprile 2017 - ROMA, ITALIA

martiriPapa Francesco

La visita sarà trasmessa in streaming sul sito e su facebook. Segui gli aggiornamenti

Condividi su

La Comunità di Sant'Egidio accoglie con grande gioia la notizia che Papa Francesco visiterà la basilica di San Bartolomeo all'Isola il prossimo 22 aprile. Lo dichiara il Direttore della Sala Stampa Vaticana Greg Burke in un  comunicato >>

A BREVE VERRANNO COMUNICATI GLI ORARI DELLA VISITA E DELLE TRASMISSIONI.

L'EVENTO E' TRASMESSO IN STREAMING MULTILINGUE

La preghiera del Papa in un luogo che dal Giubileo del 2000, per volontà di Giovanni Paolo II, custodisce le memorie dei martiri contemporanei assume un valore tutto particolare in tempi segnati dalla sofferenza di tanti cristiani nel mondo e alla luce della Pasqua.

APPROFONDIMENTI 

 

San Bartolomeo: luogo memoriale dei “Nuovi Martiri” del XX e XXI secolo

Guarda l'icona dei “Nuovi Martiri” e testimoni della fede del XX secolo

Nell'anno 1999 Giovanni Paolo II decise, in preparazione del Giubileo dell'anno 2000, di istituire una commissione "Nuovi Martiri", che avrebbe dovuto indagare sui martiri cristiani del Ventesimo secolo. La commissione ha lavorato due anni nei locali della Basilica di San Bartolomeo, raccogliendo circa 12.000 dossier di martiri e testimoni della fede giunti da diocesi di tutto il mondo.

Tra i frutti di questo lavoro vi fu anche la preghiera ecumenica svoltasi presso il Colosseo, alla presenza del Papa e di rappresentanti di tutte le principali Chiese cristiane. In quella occasione venne sottolineato come il gran numero di cristiani uccisi o perseguitati nel Novecento fosse un continente ancora da esplorare, un patrimonio condiviso da ogni confessione cristiana.

Passato il Giubileo, Giovanni Paolo II volle che questa memoria dei testimoni della fede del Novecento potesse divenire qualcosa di visibile nella Basilica di San Bartolomeo. Nell'ottobre del 2002, con una solenne celebrazione ecumenica alla presenza dei cardinali Ruini, Kasper e George, e del patriarca romeno ortodosso Teoctist, è stata posta sull'altare maggiore una grande icona dedicata ai martiri del Novecento. L'icona rappresenta, con una simbologia presa dall'Apocalisse, le vicende dei martirii di cui si è venuti a conoscenza attraverso i lavori della commissione. Altre memorie di martiri sono collocate nelle cappelline laterali, ognuna dedicata ad una situazione storica particolare.

Il 7 aprile 2008 il Santo Padre Benedetto XVI ha visitato la Basilica.

Sostando davanti alle memorie dei martiri contemporanei ha definito la visita di questo luogo "Un pellegrinaggio alla memoria dei martiri del XX secolo, innumerevoli uomini e donne che hanno versato il loro sangue per il Signore. Ma - ha spiegato ancora il Papa - Gesù Risorto illumina la loro testimonianza e comprendiamo così il senso del martirio. E' la forza dell'amore, inerme e vittorioso anche nell'apparente sconfitta".