news

Per una città senza violenza: in memoria delle tre sorelle rom morte nel rogo di Centocelle

13 Maggio 2017 - ROMA, ITALIA

Rom e SintiPreghieraRoma

Photogallery, Video

Condividi su

Almeno 500 persone si sono raccolte nel parcheggio del centro commerciale Primavera a Centocelle grazie alla Comunità di Sant'Egidio, per pregare e fare memoria delle giovani Rom, Francesca, Angelica ed Elisabeth, vittime del rogo del camper dove vivevano con la loro famiglia. Un popolo multicolore di rom, gagés, nuovi europei, amici di Sant’Egidio, gente del quartiere che come una unica famiglia si sono ritrovati per stringersi attorno a questa tragedia.

Presente il vescovo mons. Giuseppe Marciante, che nella sua omelia ha espresso parole di solidarietà alla famiglia Alilovic. Continua: "È uno scandalo che noi permettiamo queste marginalità, che la gente viva per strada, in campi non di accoglienza ma di concentramento. Solidarietà allora al popolo dei Rom e dei Sinti, nostri concittadini, non stranieri perché per la Chiesa nessuno è estraneo".

Ed ha aggiunto: "A Roma, su 3 milioni di abitanti, i Rom e Sinti sono 9500 e di questi la maggior parte minori. Questo popolo ci appartiene, fa parte della famiglia perché i poveri fanno parte della famiglia della Chiesa."

La cerimonia si è conclusa con i bambini che hanno portato fiori davanti all’immagine di Maria che la Comunità ha deposto in questo luogo di dolore per sostare in preghiera e fare memoria di quanto accaduto.

 VISITA LA PHOTOGALLERY >>

VIDEO DELLA PREGHIERA A CENTOCELLE