news

Dialogo tra le religioni e impegno per i profughi nel colloquio con la ministra degli Esteri dell'Indonesia a Sant'Egidio

9 Ottobre 2017 - ROMA, ITALIA

Andrea Riccardi
IndonesiaMarco ImpagliazzoEmergenze umanitarieRohingya

Condividi su

Una visita breve, quella del ministro degli Esteri dell'Indonesia, la signora Retno Marsudi, in Italia, solo poche ore. Ma non poteva mancare un incontro a Sant'Egidio,con cui l'Indonesia sente, e non da oggi, un legame particolare.

"La Comunità di Sant'Egidio crede nella civiltà del vivere insieme e per questo promuove il "modello indonesiano" di unità nella diversità in un quadro democratico, ha detto Andrea Riccardi accogliendo la ministra.

Nel corso del colloquio sono stati affrontati i temi del dialogo tra le religioni, la promozione della donna, il pluralismo in società sempre più multireligiose e multietniche e ci si è soffermati a lungo sulla crisi dei profughi rohingya, più di 800.000 persone che, in fuga dalla Birmania, sono rifugiati attualmente in Bangladesh.

Su questo fronte l'Indonesia intende impegnarsi e la ministra Marsudi ha mostrato interesse all'esperienza di Sant'Egidio dei corridoi umanitari, ovvero della creazione di vie legali per i migranti, per evitare le morti in mare e il traffico di esseri umani. Proprio in questi giorni, inoltre, si sta avviando una collaborazione tra la Comunità e le associazioni indonesiane presenti in Bangladesh per portare aiuti umanitari ai rohingya.