appuntamento

Festa dell'Europa #8maggio a Lucca: con Andrea Riccardi si parla di "Tutto può cambiare"

8 Maggio 2019 - LUCCA, ITALIA

Europa
Libri

Condividi su

L'Amministrazione Comunale di Lucca ha invitato Andrea Riccardi a presentare il suo libro "Tutto può cambiare" il prossimo mercoledì 8 maggio.

Mercoledì 8 maggio 2019
Ore 17:30

Sala Tobino
Palazzo Ducale, Cortile Carrara
Lucca


Alla vigilia della Festa dell'Europa, l'iniziativa organizzata con la Provincia di Lucca, e l'adesione di Comunità di Sant'Egidio, gruppo [email protected] e libreria Ubik di Lucca, vuole essere un momento di incontro e confronto sui temi affrontati nel libro, tra cui appunto l'Europa e il suo futuro.


 
"Le prossime settimane saranno cruciali per il futuro del nostro continente – sottolineano gli organizzatori – E per la festa dell'Europa, le Amministrazioni comunale e provinciale, assieme ad alcune importanti realtà culturali della Città, hanno voluto organizzare questo momento di dialogo e di confronto, che vogliamo aperto all'intera cittadinanza. Andrea Riccardi è un testimone attivo ed attento del nostro tempo: nel suo testo, scritto in collaborazione con Massimo Naro, compie una lettura non convenzionale, cui attingere per vivere nella complessità della globalizzazione, senza averne paura e senza essere spaesati. Con una bussola chiara: un Vangelo capace di creare speranza anche nelle situazioni più difficili e una grammatica della convivenza per ricucire tessuti sociali frammentati, nelle grandi solitudini contemporanee. In particolare siamo convinti che il suo contributo possa spingerci a ragionare, con ancora maggiore efficacia, su quale ruolo una Città relativamente piccola come la nostra possa svolgere, in stretta interconnessione col mondo globalizzato che caratterizza l'attualità, come motore di cambiamento di quelle situazioni in cui la fiducia sembra davvero persa: in mezzo ai giovani cui manca il futuro, vicino ai poveri che disperano di vedere giorni migliori, in mezzo ai conflitti o accanto a chi è colpito dalla malattia".